Il teleriscaldamento in Italia è una realtà diffusa e consolidata

Una realtà diffusa e consolidata. È il quadro del teleriscaldamento nella Penisola che emerge dal rapporto Teleriscaldamento e teleraffrescamento in Italia, alla sua prima edizione, pubblicato e realizzato dal Gse (Gestore dei servizi energetici), nel quale si fa il punto sullo stato dell’arte della diffusione della tecnologia in esercizio a fine 2017.

Il report ha censito 295 reti in esercizio in 238 territori comunali, per un’estensione complessiva di 4600 km e oltre 9 GW di potenza termica installata. La maggioranza delle utenze teleriscaldate, 64%, è costituita da edifici residenziali, seguiti dal terziario, 33%, mentre il restante 3% da utenze industriali. La Lombardia guida la classifica delle volumetrie teleriscaldate: nella regione si trova infatti il 43% del totale, pari a 147 milioni di m3. Seguono altre regioni del Nord, quali Piemonte, Emilia-Romagna e la provincia di Bolzano.

Altro dato importante segnalato dallo studio è che, negli ultimi anni, alla distribuzione del calore si è associato il servizio di teleraffrescamento, erogato attraverso una rete di distribuzione dedicata, ad acqua refrigerata, oppure attraverso gruppi ad assorbimento, installati presso le utenze e alimentati dalla rete di teleriscaldamento. Le reti di teleraffrescamento ammontano a 32, per un’estensione complessiva di 33,6 km e una volumetria raffrescata di 8,9 milioni di metri cubi. Tale tecnologia è però presente al momento unicamente in Lombardia ed Emilia-Romagna.

Per quanto riguarda le centrali di alimentazione delle reti, il 70% circa della potenza installata è costituita da impianti di sola produzione termica, mentre il restante 30% da sistemi in assetto cogenerativo. Le fonti fossili, in grande prevalenza gas naturale, rappresentano la tipologia di combustibile maggiormente utilizzata, costituendo circa 84% della potenza installata. Le fonti rinnovabili, invece, sono utilizzate soprattutto per alimentare centrali di sola produzione termica e il loro utilizzo è diffuso soprattutto nel territorio provinciale di Bolzano, caratterizzato da un elevato utilizzo di biomassa, e in Toscana, dove invece sono diffuse le reti alimentate da fonte geotermica.

Dato incoraggiante, infine, è che circa i tre quarti delle reti di teleriscaldamento (73%) e oltre i due terzi di quelle di teleraffrescamento (69%) italiane rientra nella definizione di “teleriscaldamento e teleraffrescamento efficiente”. Una definizione questa introdotta dal Dlgs 102/2014 di recepimento della direttiva 2012/27/Ue, e che classifica come efficienti i sistemi che utilizzano il 50% di energia derivante da fonti rinnovabili, o da calore di scarto, il 75% di calore cogenerato o il 50% di una combinazione delle precedenti.


Leggi anche

Linee guida teleriscaldamento

Fino al 9 giugno la possibilità di inviare le proprie osservazioni sui nuovi documenti Uni in materia di teleriscaldamento e teleraffrescamento elaborati su mandato di Arera. Il primo definisce le modalità di esecuzione del servizio di pronto intervento e della gestione delle emergenze. Il secondo definisce le caratteristiche e la qualità del fluido termovettore da utilizzare nei sistemi …

Leggi tutto…

I capitali raccolti, concessi da un pool di banche, saranno utilizzati per sostenere le attività nel campo del teleriscaldamento delle varie società di scopo che fanno parte di TlrNet, società controllata da Egea e dal fondo britannico iCon Infrastructure. Buona parte delle risorse è destinata al progetto del sistema di Alessandria, portato avanti da Telenergia, partecipata da Egea e dalla multiutility alessandrina Amag….

Leggi tutto…

Iren

Iren Energia ha concluso l’acquisizione del ramo d’azienda di Sei Energia che riguarda i sistemi di teleriscaldamento di Collegno, Rivoli e del 49% del capitale azionario di Nove, che gestisce il servizio a Grugliasco. Un’operazione strategica, del valore di 24,4 milioni di euro, che consentirà alla società di estendere la rete integrandola con quella già esistente a servizio dell’area della Città metropolitana di Torino …

Leggi tutto…

Centrale Lamarmora

La prossima stagione termica a Brescia sarà ancora più green. La multiutility ha deciso di eliminare l’utilizzo di carbone nella centrale Lamarmora, che rappresenta la seconda fonte di generazione di calore per la rete di teleriscaldamento cittadino, contribuendo al 30% del fabbisogno. Una scelta che segna una decisa accelerata sul programma di decarbonizzazione annunciato da A2A…

Leggi tutto…

Il sistema sviluppato e gestito da Hera ha appena ottenuto la certificazione Carbon Footprint rilasciata da Sgs per il suo basso impatto ambientale. Alimentato per il 90% con energia termica da fonte geotermica e con il recupero di calore del termovalorizzatore cittadino, il sistema, come rilevato da uno studio condotto da Ergo, emette solo 122 g di CO2 per ogni kWh termico immesso in rete…

Leggi tutto…