Il teleriscaldamento solare sul tetto del mondo

Il teleriscaldamento arriva sul tetto del mondo. Arcon-Sunmark Large-Scale Solar Systems Integration, joint-venture tra la cinese Jiangsu Sunrain e la danese Arcon-Sunmark, ha completato e messo in servizio un impianto di distribuzione del calore alimentato a energia solare a servizio della città di Langkazi, che sorge sull’altopiano tibetano a 4.600 metri sul livello del mare. 

La parte di alimentazione del sistema, che copre il 90% del fabbisogno di calore della città, è costituito da un campo solare con 22.000 metri quadri di collettori solari ed è dotato anche di una fossa di stoccaggio di 15.000 metri cubi, per consentire di immagazzinare l’energia in modo che possa essere utilizzata quando richiesto. A distribuire il calore provvede una rete di distribuzione lunga ben 25 chilometri alla quale sono collegate oltre 82.000 metri quadri di abitazioni.

«Questo è un progetto pionieristico nell’ambito delle energie rinnovabili in generale e del teleriscaldamento solare in particolare. I cittadini di Langkazi hanno ora una delle forniture di riscaldamento più pulite al mondo – ha commentato Aaron Feng Gao, amministratore delegato di Arcon-Sunmark Large-Scale Solar Systems Integration-. Siamo orgogliosi di aver fatto parte di questo progetto che dimostra ciò che la collaborazione tra le due realtà può realizzare. Speriamo di avviare nuovi progetti nel corso di quest’anno»

La realizzazione del sistema è stata completata in tempi molto brevi, solo 9 mesi, nonostante le diverse difficoltà che l’impresa ha comportato. A partire dalla posizione dove sorge la città, una zona remota dell’altipiano tibetano, che ha creato non poche difficoltà per l’approvvigionamento dei materiali. Nei prossimi mesi gli specialisti di Arcon-Sunmark addestreranno il personale del comune locale a gestire il sistema, ma fino ad allora la joint venture sarà responsabile di tutte le attività.


Leggi anche

Entrato in esercizio il cogeneratore che produce energia termica ed elettrica dal biogas generato dal trattamento dei fanghi di depurazione. L’energia ottenuta dall’impianto, che ha una potenza termica di 528 KWT e una potenza elettrica di 404 KWE, viene poi interamente utilizzata per alimentare il processo dei reflui, abbattendo i costi energetici dell’azienda…

Leggi tutto…

I consigli di amministrazione delle due realtà hanno approvato il progetto di fusione che vedrà l’incorporazione in Ascopiave della società che gestisce la distribuzione gas in 32 comuni della provincia di Bergamo. L’operazione, che sarà conclusa entro il primo semestre di quest’anno, consolida la presenza del Gruppo Ascopiave in Lombardia …

Leggi tutto…

L’azienda del Gruppo Maggioli ha siglato con Vodafone un accordo che prevede il completamento della copertura della nuova rete cellulare NB-IoT su tutto il territorio nazionale. Il sistema, denominato SMAQ, in corso di installazione in alcuni zone della provincia ovest di Milano e nella provincia di Roma, consentirà ai gestori delle reti idriche di adempiere a quanto ARERA ha imposto per ottimizzare il servizio in termini di trasparenza verso il consumatore e risparmio della risorsa idrica…

Leggi tutto…

Settembre sarà un mese di grandi appuntamenti per Servizi a Rete. Le iscrizioni per partecipare alle nostre Giornate Tecniche sono già aperte…

Leggi tutto…

La relazione annuale di Arera sottolinea l’impegno della società nel garantire i più alti standard di sicurezza. L’azienda del Gruppo Estra attiva nella distribuzione del gas si segnala infatti per l’azione di ispezione sistematica della propria rete, che viene controllata interamente 3,4 all’anno a fronte di una media nazionale di 2,3, e per il basso numero di dispersioni riscontrate…

Leggi tutto…