Impresa SIcura: il bando di Invitalia rimborsa le aziende per le spese di acquisto dei DPI

In un momento di difficoltà per le imprese italiane come quello attuale, il decreto Cura Italia (DL 18/2020, articolo 43, comma 1) ha previsto la misura Impresa SIcura, un bando pubblicato da Invitalia per sostenere la continuità dei processi produttivi e la loro ripresa in piena sicurezza. Tutte le aziende che operano sul territorio nazionale, indipendentemente dalla loro dimensione, potranno ottenere il rimborso delle spese per l’acquisto di dispositivi e altri strumenti di protezione individuale (DPI) per il contenimento e il contrasto dell’emergenza sanitaria Covid-19, fino al 100% delle spese ammissibili e fino a esaurimento della dotazione finanziaria disponibile.

In base al bando, l’importo massimo rimborsabile è di 500 euro per ciascun addetto dell’impresa a cui sono destinati i DPI, con un rimborso massimo di 150mila euro per ciascuna azienda. Mentre l’importo minimo non può essere inferiore a 500 euro. Il bando mette a disposizione risorse per 50 milioni di euro.

DPIRiguardo al periodo di rimborso coperto, le imprese hanno diritto a richiedere il rimborso delle spese sostenute tra il 17 marzo 2020 e la data di invio della domanda. Il bando rimborsa l’acquisto di:

  • mascherine filtranti, chirurgiche, FFP1, FFP2 e FFP3;
  • guanti in lattice, in vinile e in nitrile;
  • dispositivi per protezione oculare;
  • indumenti di protezione quali tute e/o camici;
  • calzari e/o sovrascarpe;
  • cuffie e/o copricapi;
  • dispositivi per la rilevazione della temperatura corporea;
  • detergenti e soluzioni disinfettanti/antisettici.

Tutte le imprese possono presentare domanda di rimborso, indipendentemente da dimensione, forma giuridica e settore economico in cui operano. Unica condizione è che alla data di presentazione della domanda non siano in liquidazione.

 

Come funziona

Impresa SIcura prevede tre fasi:

1 – Prenotazione del rimborso

Le imprese possono inviare la prenotazione del rimborso dall’11 al 18 maggio 2020, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 18.00, attraverso uno sportello informatico dedicato.

2 – Pubblicazione dell’elenco delle prenotazioni

Invitalia pubblicherà l’elenco di tutte le imprese che hanno inoltrato la prenotazione, in ordine cronologico, comunicando le prenotazioni ammesse a presentare domanda di rimborso e quelle risultate non ammissibili.

3 – Presentazione della domanda di rimborso

Le imprese ammesse avranno tempo per compilare la domanda dalle ore 10.00 del 26 maggio 2020 alle ore 17.00 dell’11 giugno 2020 attraverso la procedura informatica che sarà attivata sul sito web dell’Agenzia.

Erogazione rimborsi

Subito dopo la conclusione della fase di compilazione, Invitalia avvierà le attività per l’erogazione dei rimborsi. I versamenti avverranno entro il mese di giugno 2020.

 

Per maggiori informazioni visita il sito di Invitalia.

Leggi qui il bando completo.


Leggi anche

Sarà un intervento ambizioso, ad alta tecnologia innovativa e in cui l’approccio “green” è prevalente quello che Alto Trevigiano Servizi si accinge ad effettuare nell’impianto di depurazione di Salvatronda a Castelfranco Veneto….

Leggi tutto…

 
Il gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano avvia a Robecco sul Naviglio un sistema per ridurre il volume dei fanghi del 70% sfruttando il calore naturalmente prodotto dal processo…

Leggi tutto…

Simeone Di Cagno Abbrescia commenta il bilancio di Acquedotto Pugliese

Il valore della produzione che ha superato i 563 milioni di euro, gli utili saliti a 29,5 milioni, in crescita di quasi un terzo sull’anno precedente, gli investimenti che hanno toccato i 160 milioni e gare bandite per 650 milioni di euro. Sono i principali numeri del Bilancio integrato relativo allo scorso anno del gestore idrico della Puglia, che sottolineano lo stato di salute di una società che cresce e genera ricchezza per il territorio …

Leggi tutto…

Azienda Gardesana Servizi logo

È quanto previsto dal nuovo piano degli investimenti approvato dall’Assemblea della società, che gestisce il ciclo idrico nei 20 comuni della sponda veronese del Lago di Garda. Assemblea che ha dato l’ok anche al bilancio 2019, chiuso con un utile di un milione. Tra i nuovi progetti, il collettore del Garda, cui sono destinati 50 milioni di euro, e l’introduzione del sistema di telecontrollo sulle infrastrutture idriche e fognarie…

Leggi tutto…

Acque piano interventi Pontedera

Il gestore idrico del Basso Valdarno ha presentato il piano dedicato all’ammodernamento delle infrastrutture idriche a servizio del comune della provincia di Pisa. Un piano dal valore di oltre 2,5 milioni di euro, che comprende la sostituzione di diversi tratti di condotte di distribuzione acqua, il completamento della rete fognarie in alcune aree che ancora ne erano prive, e il potenziamento degli impianti di depurazione…

Leggi tutto…