In Calabria il primo impianto biogas connesso alla rete Snam del Centro-Sud


È il primo impianto di biometano del Centro-Sud connesso alla rete nazionale del gas naturale di Snam. Sorge a Rende, a pochi chilometri da Cosenza, presso il sito di Calabra Maceri, azienda specializzata nel recupero e smaltimento dei rifiuti urbani, ed è in grado di trasformare 40.000 tonnellate annue di rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata in 4,5 milioni di metri cubi di biometano, oltre a produrre 10.000 tonnellate di ammendante compostato, un fertilizzante ideale per l’agricoltura biologica. Una quantità di gas che, utilizzato per autotrazione consente di percorrere 90.000.000 km che, calcolando una media di 20.000 km annui a mezzo di trasporto, significa alimentare fino a 4.500 autovetture, con un risparmio complessivo di oltre 16,2 tonnellate di CO2 all’anno (3.600 kg per auto), oppure, se riferito a consumi domestici, ovvero gas per cucina e riscaldamento, è in grado di soddisfare il fabbisogno energetico annuale di circa 5000 famiglie.
Esempio di riutilizzo delle risorse in un’ottica di economia circolare, cuore del sistema è il biodigestore nato da due anni di ricerca condotti dall’azienda in collaborazione con ingegneri, chimici e tecnici italiani ed esteri. È in grado di trasformare il biogas prodotto dalla digestione anaerobica della frazione organica dei rifiuti urbani in biometano, gas rinnovabile e chimicamente indistinguibile dal metano tradizionale, in grado di sfruttare le infrastrutture esistenti. Già connesso alla rete Snam, costituisce una soluzione ottimale per il territorio calabrese, che ha visto negli ultimi anni l’attivazione di sistemi di raccolta differenziata, spesso dettati da condizioni legislative ignare dell’infrastruttura necessaria a supportarli.


Leggi anche

Il documento 361/2018/R/gas illustra gli orientamenti dell’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente in merito alle nuove direttive per la connessione degli impianti di biometano alle reti gas e riguardo l’incentivazione del biometano. Gli interessati hanno tempo per esprimere le loro osservazioni e proposte fino al 30 luglio …

Leggi tutto…

Ieri è ricorso il primo anniversario della sperimentazione sulla Panda a metano alimentata esclusivamente con il biometano prodotto dall’impianto per la depurazione delle acque reflue del Gruppo CAP a Bresso-Niguarda (Milano). Infatti, il 14 marzo 2017 al Mirafiori Motor Village di Torino, Elisa Boscherini (responsabile di Institutional Relations di FCA per l’area EMEA) consegnò la vettura ad Alessandro Russo, presidente di Gruppo CAP. …

Leggi tutto…

Partite le opere per dotare la cittadina in provincia di Salerno di una rete di distribuzione del metano. A occuparsi del progetto, finanziato interamente con fondi Cipe e di Regione Campania per oltre 10 milioni di euro, è la società avellinese che già gestisce il servizio in altri 16 centri campani…

Leggi tutto…

La multiutility ha presentato il Bilancio di sostenibilità relativo alla città e alla sua provincia nel 2016. In calo le emissioni di CO2 del 5%, grazie in particolare al termovalorizzatore che alimenta la rete del calore. Della stessa percentuale cresce la ricchezza distribuita sul territorio, che ha toccato i 263 milioni di euro, mentre ammontano a 161 milioni gli investimenti nel ciclo idrico previsti al 2020…

Leggi tutto…

L’azienda poserà circa 620 metri di condotte per allacciare due tratti di infrastruttura già esistente. L’intervento riguarda la zona industriale del comune barese, dove negli scorsi mesi era stata realizzata la rete di distribuzione, non ancora entrata in servizio per problemi legati alle pressioni di esercizio che le nuove opere risolveranno definitivamente …

Leggi tutto…