In concessione ad Alperia Ecoplus le linee di teleriscaldamento di Bolzano


Sarà Alperia Ecoplus a gestire le linee di collegamento della rete di teleriscaldamento di Bolzano per i prossimi 29 anni. La giunta della Provincia di Bolzano, ha dato il via libera alla stipula del contratto di concessione alla società del gruppo Alperia, l’utility dell’energia dell’Alto Adige, per l’utilizzo delle linee di collegamento tra la centrale Ecotherm, il termovalorizzatore e la zona industriale di Bolzano Sud.
Interessate dalla concessione sono tre linee. La prima tratta è il collegamento, che si sviluppa per 800 metri, tra la centrale Bolzano Sud e il nuovo termovalorizzatore. La seconda tratta si riferisce invece al futuro collegamento di 140 metri sempre tra la centrale Bolzano Sud e la zona industriale. La terza, infine, lunga 1.600 metri, è costituita dall’allaccio all’area di futura lottizzazione nella zona industriale Sud.
Il contratto prevede un indennizzo annuo per la concessione da parte di Alperia che ammonta nel complesso a 59.880 euro, dei quali 43.880 euro per la prime a e seconda tratta, e 16.000 euro per la terza.
In sede di concessione, inoltre, è stata offerta ad Alperia Ecoplus un’eventuale opzione di formale acquisto delle linee di collegamento su apposita richiesta della società, per un prezzo di compravendita ancora da stabilire.
Alperia gestisce sei impianti di teleriscaldamento nella provincia di Bolzano, quello del capoluogo, di Merano, di Chiusa, di Lazfons, Sesto e Silandro. Proprio a Bolzano, dove la quota maggiore di energia termica è garantita dal calore prodotto dal termovalorizzatore dei rifiuti solidi urbani, l’azienda sta portando avanti un importante progetto di estensione della rete. Progetto che ha come obiettivo di portare la potenza allacciata dagli 80 MW termici a 300 MW nei prossimi 5 anni, collegando alla rete oltre 10.000 unità immobiliari, con un investimento di circa 80 milioni di euro.


Leggi anche

Approvato dal consiglio di amministrazione il Piano industriale al 2023 della multiutility del Nord della Lombardia. Gli investimenti, pari a 568 milioni, saranno concentrati nella business unit Reti, per puntare soprattutto alle prossime gare sulla distribuzione del gas. Il documento prevede ricavi intorno al mezzo miliardo alla fine del periodo …

Leggi tutto…

La multiutility ha destinato 70 milioni di euro al progetto per la sostituzione del calore prodotto con combustibili fossili con energia termica da fonti green. Il piano si svilupperà nel corso di 4 anni e prevede la realizzazione di 3 nuovi sistemi di accumulo per stoccare l’energia, di un impianto fotovoltaico per alimentare le pompe del teleriscaldamento, e l’integrazione nella rete di fonti rinnovabili, a partire dal calore di recupero da processi industriali …

Leggi tutto…

Avviato nel giugno dello scorso anno, l’intervento ha visto la posa di 400 metri di condotte con la tecnologia no dig per collegare la nuova rete del centro storico con la centrale di trigenerazione Green Energy House. L’opera rientra nel più vasto piano di sviluppo del servizio in citta, sostenuto da un investimento complessivo di 11 milioni di euro, che una volta a regime, nel 2020, porterà a un drastico abbattimento delle emissioni climalteranti…

Leggi tutto…

Varese Risorse, la società del gruppo Acsm Agam che gestisce il teleriscaldamento nella città lombarda, è stata premiata per il suo impianto solare integrato nella rete di distribuzione del calore. Prima realizzazione del genere del Sud Europa, l’impianto è entrato in funzione nel 2015 e produce 450 MWh di energia termica all’anno, evitando l’emissione di 108 tonnellate di CO2…

Leggi tutto…

Entrato in funzione nel marzo dello scorso anno, l’impianto è un gioiello tecnologico a emissioni quasi zero. Può trattare annualmente 400.000 tonnellate di rifiuti che vengono trasformati n energia termica ed elettrica sufficiente a coprire il fabbisogno di, rispettivamente, 62.500 e 160.000 utenze. Sul suo tetto è stata realizzata una pista da sci artificiale che sarà aperta da dicembre …

Leggi tutto…