In concessione ad Alperia Ecoplus le linee di teleriscaldamento di Bolzano


Sarà Alperia Ecoplus a gestire le linee di collegamento della rete di teleriscaldamento di Bolzano per i prossimi 29 anni. La giunta della Provincia di Bolzano, ha dato il via libera alla stipula del contratto di concessione alla società del gruppo Alperia, l’utility dell’energia dell’Alto Adige, per l’utilizzo delle linee di collegamento tra la centrale Ecotherm, il termovalorizzatore e la zona industriale di Bolzano Sud.
Interessate dalla concessione sono tre linee. La prima tratta è il collegamento, che si sviluppa per 800 metri, tra la centrale Bolzano Sud e il nuovo termovalorizzatore. La seconda tratta si riferisce invece al futuro collegamento di 140 metri sempre tra la centrale Bolzano Sud e la zona industriale. La terza, infine, lunga 1.600 metri, è costituita dall’allaccio all’area di futura lottizzazione nella zona industriale Sud.
Il contratto prevede un indennizzo annuo per la concessione da parte di Alperia che ammonta nel complesso a 59.880 euro, dei quali 43.880 euro per la prime a e seconda tratta, e 16.000 euro per la terza.
In sede di concessione, inoltre, è stata offerta ad Alperia Ecoplus un’eventuale opzione di formale acquisto delle linee di collegamento su apposita richiesta della società, per un prezzo di compravendita ancora da stabilire.
Alperia gestisce sei impianti di teleriscaldamento nella provincia di Bolzano, quello del capoluogo, di Merano, di Chiusa, di Lazfons, Sesto e Silandro. Proprio a Bolzano, dove la quota maggiore di energia termica è garantita dal calore prodotto dal termovalorizzatore dei rifiuti solidi urbani, l’azienda sta portando avanti un importante progetto di estensione della rete. Progetto che ha come obiettivo di portare la potenza allacciata dagli 80 MW termici a 300 MW nei prossimi 5 anni, collegando alla rete oltre 10.000 unità immobiliari, con un investimento di circa 80 milioni di euro.


Leggi anche

La multiutility marchigiana si è aggiudicata un finanziamento europeo da un milione di euro nell’ambito del progetto Muse Grids dell’Unione Europea che promuove la sperimentazione di soluzioni innovative per l’interazione delle reti locali. Interessate dalla sperimentazione la centrale di cogenerazione, la rete di teleriscaldamento e quella idrica del comune di Osimo, in provincia di Ancona…

Leggi tutto…

Ennatuurlijk ed EnergyVille hanno avviato un progetto pilota che prevede l’impiego di innovativi smart controller sulla rete di teleriscaldamento della città dei Paesi Bassi. Questi dispositivi sono basati su algoritmi di autoapprendimento per monitorare e ottimizzare la gestione della domanda di energia termica degli edifici, rendendo al tempo stesso la rete più efficiente …

Leggi tutto…

Iniziati i lavori per la nuova fase di espansione della rete a servizio del capoluogo altoatesino. Le opere verranno realizzate in due distinti lotti, il primo dei quali già partito, il secondo sarà avviato a marzo, per concludersi nell’autunno del prossimo anno. Gli interventi fanno parte del grande progetto di ampliamento del servizio messo a punto della società che punta a portare l’utenza allacciata dagli attuali 80 MW a 300 MW nei prossimi 5 anni…

Leggi tutto…

La società, specializzata nei servizi energetici integrati, dopo un momento di difficoltà, è ora diventata CogenInfra, gruppo che vede la partecipazione di un fondo infrastrutturale lussemburghese e che controlla al 100% le due realtà Cogenpower Borgaro, proprietaria e gestore del sistema di teleriscaldamento di Borgaro, e CogenSave, che si occupa di efficienza energetica. L’operazione ha dato solidità finanziaria all’azienda che ora ha importanti risorse da investire nelle reti di distribuzione del calore e in progetti di efficienza energetica …

Leggi tutto…

È entrato in funzione il sistema di teleriscaldamento solare a servizio della città di Langkazi, che sorge a oltre 4600 metri di altezza sull’altipiano del Tibet. A realizzare il sistema Arcon-Sunmark Large-Scale Solar Systems Integration, joint-venture tra la cinese Jiangsu Sunrain e la danese Arcon-Sunmark, che ha completato l’opera in 9 mesi …

Leggi tutto…