In corso le consultazioni sul Quadro Strategico 2022-2025 di ARERA

Sono in corso le audizioni annuali di ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) sul Quadro strategico 2022-2025 (DCO 465/2021/A). È questo il piano che delinea gli obiettivi per lo sviluppo della regolazione dell’Autorità dei prossimi quattro anni nei settori:

  • energia elettrica
  • gas
  • acqua
  • rifiuti
  • telecalore
     
Momento di confronto con gli stakeholder

Fondamentale momento di confronto e di ascolto degli stakeholder, le consultazioni permetteranno a tutti gli interessati (associazioni dei consumatori e degli utenti, ambientaliste, sindacali delle imprese e dei lavoratori, istituzioni, enti locali, università, ecc) di inviare via mail e pec (fino al 29 novembre) le proprie osservazioni, contributi e proposte. Osservazioni che permetteranno di delineare al meglio il documento: il Quadro strategico sarà infatti approvato tenendo conto degli esiti complessivi del processo di consultazione.
 

Le tematiche

Al centro del Quadro strategico la tutela e la consapevolezza del consumatore, attraverso strumenti e comunicazione, la digitalizzazione e la transizione energetica “giusta” e sostenibile a livello trasversale nei settori energetici e ambientali, il miglioramento delle infrastrutture, dei servizi e della concorrenza.
 

Obiettivi strategici e linee di intervento

La struttura e i contenuti del documento sono suddivisi in temi trasversali a tutti i comparti e approfondimenti su singoli settori e sono articolati su due livelli:

  1. gli obiettivi strategici. Inquadrano la strategia complessiva basata sullo scenario attuale e di medio termine, con riferimento sia agli ambiti trasversali a tutti i settori (centralità del consumatore, innovazione di sistema, semplificazione, trasparenza ed enforcement del quadro regolatorio), sia agli ambiti specifici dell’area Ambiente ed Energia e conformi alla normativa nazionale e internazionale.
  2. le linee di intervento. Descrivono sinteticamente le principali misure e azioni che l’Autorità intende condurre per la realizzazione di ciascun obiettivo strategico

 


Leggi anche

Gli otto principali operatori europei delle reti elettriche di trasmissione, tra le quali Terna, hanno deciso di fare squadra per arrivare all’obiettivo della neutralità carbonica al 2050. Lo sviluppo di reti favorirà l’integrazione delle rinnovabili, l’elettrificazione dei consumi, la lotta alle perdite di rete….

Leggi tutto…

Valore della produzione oltre i 600 milioni di euro, investimenti per 172,8 milioni, la produzione di energia da fonte rinnovabile più che raddoppiata rispetto al 2017 e le emissioni di CO2 ridotte di 3.000 tonnellate. Sono alcuni dati del rapporto sull’attività del gestore idrico pugliese nello scorso anno, che mostra come il miglioramento dei dati economici dell’azienda procede in parallelo agli importanti risultati conseguiti sul fronte della sostenibilità. …

Leggi tutto…

ricavi

Il gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano presenta il bilancio 2020: gli investimenti hanno permesso di sostenere territorio e stakeholder nell’affrontare l’emergenza pandemica e puntare su progetti di economia circolare conferendo all’azienda il ruolo strategico di solution provider. Obiettivo: lanciare un vero e proprio “Green New Deal” sul territorio. EBITDA a quota 86,14 milioni. …

Leggi tutto…

La Regione ha approvato e pubblicato il nuovo documento per l’autorizzazione degli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Pensate per facilitare la vita a chi deve installare i sistemi, le linee guida sostituiscono le precedenti, emanate nel 2012. Un aggiornamento indispensabile per via delle modifiche normative degli ultimi anni e del mutato panorama energetico …

Leggi tutto…

Approvato il progetto della nuova linea che unirà l’isola alla terraferma. La nuova linea collegherà le cabine primarie di Colmata, a Piombino, e di Portoferraio, nell’Elba. Avrà un’estensione di 37 chilometri, dei quali 34 posati sotto il livello del mare e 3 interrati. Gli approdi verranno realizzati con la tecnica no-dig della perforazione teleguidata (TOC). Il costo dell’infrastruttura è di 90 milioni di euro….

Leggi tutto…