In dirittura d’arrivo l’ammodernamento del depuratore di Lecco di Lario Reti Holding

Proseguono i lavori di Lario Reti Holding per l’ammodernamento del depuratore di Lecco. Lavori che il gestore idrico della provincia di Lecco porta avanti con due principali obiettivi: l’ottenimento dell’autorizzazione allo scarico, che manca dall’anno 2000, e l’abbattimento delle emissioni odorigene. Quelli compiuti negli ultimi anni, per un valore totale di oltre 1,2 milioni di euro, cominciano a dare i loro frutti, ma c’è ancora da fare.

Attualmente è in via di conclusone la costruzione delle vasche di denitrificazione della linea 1, realizzate riconvertendo le vecchie linee di digestione fanghi, che permetteranno di portare al pieno rientro nei parametri di legge degli scarichi della stessa linea, risultato già ottenuto sulla linea 2, dove i lavori sono stati già terminati. Così come è stato concluso l’aggiornamento del comparto di ossidazione con l’installazione di nuovi sistemi a microbolle, costituiti da moderne soffianti, nuove linee di piping e diffusori posti sul fondo delle vasche.

Dall’estate si procederà, fino a fine anno, con il potenziamento delle pompe di sollevamento, attraverso l’introduzione di nuovi modelli in grado di regolarsi in base alla portata in ingresso, così da poter gestire meglio i carichi di pioggia, e la realizzazione di nuove parti impiantistiche per consentire la grigliatura fine (fino a 2,5 mm) delle acque di piena che non è possibile accogliere all’interno dell’impianto.

Tra le altre opere già concluse la realizzazione della nuova stazione di disidratazione dei fanghi, con l’installazione di nuove centrifughe che hanno permesso di ridurre la produzione di fanghi generati dal depuratore dalle 5.400 tonnellate di fango al 13/15% di secco (con oltre l’85% di acqua) precedenti alle 3.400 tonnellate al 22/24% di secco (con 78% di acqua) attuali, garantendo un risparmio economico per il loro allontanamento pari a 200.000 euro annui. Inoltre, per abbattere le emissioni odorigene e ridurre i disagi causati dai forti odori in uscita dall’impianto, sono stati installati dei pannelli di copertura nelle zone più critiche, quali il canale di ingresso reflui, ispessitori, disidratazione e stoccaggio fanghi, installando aspiratori e un biofiltro per il trattamento e la deodorizzazione dell’aria. La tecnologia utilizzata per il filtro aria è 100% naturale e proviene dall’Irlanda: si tratta del sistema biotrickling filter, già adottato con successo nei depuratori di Bellano e Mandello, che unisce un sistema di lavaggio controcorrente a un sistema filtrante biologico e si tratta di un sistema che è già stato installato. L’aria proveniente dagli aspiratori posti all’interno delle sezioni di trattamento fanghi viene portata a contatto con un letto di gusci di conchiglie sulle quali si trova una particolare fauna microbica, la quale ossida e metabolizza le sostanze odorigene, controllando quindi la qualità dell’aria in uscita.


Leggi anche

Si tratta del secondo lotto di opere a servizio dei circa 1500 abitanti che vivono nelle frazioni del comune in provincia di Torino. L’intervento, del valore di circa 2 milioni di euro, riguarda l’ammodernamento di parte della rete idrica, con la sostituzione di oltre 3200 m di vecchie condotte in cemento-amianto con nuove tubazioni in ghisa sferoidale, e la costruzione di un collettore fognario…

Leggi tutto…

La Scuola Orsolina28 è un luogo dedicato alla danza e alla gioia e libertà che la danza trasmette. Tutto è organizzato per vivere un’esperienza di condivisione a contatto con la natura: il Glamping interno alla tenuta è un’“accomodation” dotato di tende geodetiche permanenti con tutti i comfort. Ogni tenda ha a disposizione un bagno con wc, lavabo, doccia, acqua calda e sistema di riscaldamento….

Leggi tutto…

La candidatura dell’azienda, che gestisce il servizio idrico in 56 comuni del Piemonte, è stata accettata dall’associazione che riunisce 65 gestori da tutta Europa, 15 dei quali italiani. Un riconoscimento importante, che consentirà alla società di consolidare progetti e strategie sempre radicate nel territorio di riferimento, ma con un “respiro” e un terreno di confronto europeo…

Leggi tutto…

Lo dicono i dati che saranno pubblicati sul prossimo Blue Book, lo studio annuale promosso da Utilitalia sullo stato di salute di acquedotti e reti, anticipati dal presidente della Federazione, Giovanni Valotti. Nel meridione ancora reti con livelli di perdite del 50%, mentre stenta a decollare l’aggregazione tra gestori. Una situazione che si riflette sugli investimenti e, quindi, sullo stato delle infrastrutture …

Leggi tutto…

Saranno approvati a breve i progetti esecutivi per una serie di opere che il gestore del servizio idrico della provincia di Pavia realizzerà nel corso dell’anno sulle reti idriche e fognarie di Vigevano. Interventi frutto di una virtuosa collaborazione tra la municipalizzata Asm Vigevano, Pavia Acque e l’ufficio d’Ambito e che consentiranno di risolvere le criticità presenti nella cittadina …

Leggi tutto…