In esercizio a Caltanissetta l’impianto di biometano da FORSU

È entrato in esercizio l’impianto per la produzione di biometano da FORSU (Frazione Organica del Rifiuto Solido Urbano) a Caltanissetta. L’impianto, realizzato e gestito da Snam4Environment, la società di Snam che ha come mission lo sviluppo di infrastrutture per il biometano e la promozione di green business, è il primo del suo genere in Sicilia. Un progetto di economia circolare che mira a essere il capofila di altre iniziative analoghe sull’isola. Tutti queste iniziative hanno l’obiettivo di contribuire alla decarbonizzazione della Regione e, più in generale, del Paese.

 

Trasformare 36.000 tonnellate di FORSU in biometano

Il nuovo impianto, che sorge in contrada Grottarossa, potrà recuperare dai comuni limitrofi circa 36.000 tonnellate/anno di FORSU. Contribuirà così a migliorare l’efficienza del sistema rifiuti nella provincia nissena. Favorirà inoltre la riduzione dell’impatto ambientale grazie al minor ricorso alle discariche e al trasporto dei rifiuti fuori Regione. Ciò porterà di conseguenza al consistente abbattimento delle spese per il trasporto dei rifiuti, a vantaggio delle casse del Comune e dei cittadini.

 

Più gas green e meno emissioni

La capacità annua dell’impianto a pieno regime è di 3,6 milioni di standard metri cubi di biometano avanzato, equivalenti a una riduzione delle emissioni di 7.000 tonnellate di CO fossile immessa in atmosfera. Una quantità pari a quelle prodotte dal riscaldamento di circa 3.500 appartamenti. Il digestato, materiale rimanente dalle lavorazioni dei rifiuti, viene invece trasformato in compost di qualità da impiegare come fertilizzante per l’agricoltura. La produzione annua in questo caso sarà di 10.000 tonnellate/anno, utili per concimare più di 300 ettari di terreno, pari alla superficie di 450 campi da calcio. 

 

Rendere l’Italia leader nei gas verdi

«Questo impianto darà un contributo tangibile all’economia circolare in Sicilia, creando opportunità di sviluppo e occupazione per il territorio di Caltanissetta – ha dichiarato Marco Ortu, managing director di Snam4Environment -. Attraverso iniziative come questa, possiamo rendere l’Italia un leader europeo nel settore dei gas verdi, facendo leva sulle caratteristiche virtuose del biometano per sostenere gli obiettivi climatici e, al contempo, valorizzando la filiera italiana».

 


Leggi anche

L’intervento di abbattimento è l’atto simbolico che dà il via alla transizione ecologica del vecchio impianto, che verrà sostituito da quello totalmente carbon neutral e di nuova concezione che entrerà in funzione nella primavera del 2023. L’intera operazione è stata realizzata da Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano e da ZEROC, la nuova società che gestirà le attività della Biopiattaforma…

Leggi tutto…

Completare la trasformazione digitale delle infrastrutture e guidare la transizione energetica dando impulso allo sviluppo dei gas rinnovabili e all’efficienza energetica: questi sono i principali obiettivi del nuovo Piano strategico che aggiorna quello presentato lo scorso ottobre. Importanti risorse sono poi destinate alle acquisizioni e alle gare Atem per proseguire il programma di crescita …

Leggi tutto…

Prosegue spedito il piano di conversione al metano delle reti che in precedenza distribuivano GPL nell’isola. A breve saranno raggiunti dal gas naturale anche Ossi, Muros, Cargeghe, Uri, Usini e Villagrande Strisaili. Nei prossimi mesi sarà la volta di altri 23 comuni. Intanto, la società prosegue anche con la posa di nuove reti di distribuzione, native digital: già realizzati 815 km sui 1100 pianificati….

Leggi tutto…

La società, con Gruppo G.I.V.A. e Rina, ha sperimentato la miscela per alimentare i forni per la lavorazione dell’acciaio nello stabilimento di Forgiatura A. Vienna a Rho, in provincia di Milano. Il test si è concluso con successo, non richiedendo nessuna modifica impiantistica e senza alcun impatto sulle apparecchiature e sulle caratteristiche del prodotto finale. Una soluzione che apre la strada a un futuro più green per l’industria siderurgica….

Leggi tutto…

La più grande ricerca mai realizzata in Italia sul tema della sostenibilità, condotta dall’Istituto Tedesco di Qualità e Finanza, ha inserito la water utility lombarda tra le 200 società italiane più virtuose. Seconda solo dopo SNAM nella categoria “Reti Energia e Acqua”. 5 gli ambiti banco di prova: innovazione, tecnologia, sostenibilità ecologica, green economy, sostenibilità sociale. …

Leggi tutto…