In esercizio il cogeneratore di A2a presso il depuratore di Verziano


È entrato in funzione l’impianto di cogenerazione realizzato da A2a Ciclo Idrico presso il depuratore di Verziano, a Brescia, il maggiore gestito dall’azienda, con una capacità equivalente a 250.000 abitanti equivalenti, nel quale vengono trattati i reflui della città e di diversi comuni della sua provincia.
Costruito in meno di un anno, compresi i temi di progettazione, il sistema è inserito nel processo del depuratore delle acque reflue urbane ed è alimentato a biogas da digestione anaerobica, rappresentando così un perfetto esempio di economia circolare.
Il biogas, prodotto nella linea fanghi in condizioni controllate di temperatura e assenza di ossigeno, permette di generare energia elettrica, l’impianto ha una potenza elettrica di 330 kW, che viene sfruttata in completo regime di autoconsumo per coprire parte del fabbisogno del depuratore stesso. Inoltre, il sistema di cogenerazione permette di combinare alla produzione di elettricità il recupero di calore che, anche in questo caso, viene impiegato nello stesso processo depurativo, incrementando il grado di stabilizzazione del fango biologico da avviare a smaltimento.
Realizzato con un investimento di 700.000 euro, l’impianto, secondo le stime dell’azienda, a regime consentirà di ridurre le emissioni di CO2 di circa 850 tonnellate all’anno. Risultato notevole che va ad aggiungersi alla riduzione dei consumi di energia e che hanno spinto l’azienda a valutare la possibilità di implementare processi per incrementare la capacità di produzione di biogas e, quindi, la quantità di energia elettrica recuperabile nel suo sito.


Leggi anche

Il bando prevede la realizzazione del collegamento fognario tra le frazioni di Nozzano – Pontetetto, di 4 stazioni di sollevamento e il relining di una porzione di rete esistente. Un intervento da circa 10 milioni di euro, progettato per risolvere il problema della mancanza di rete di raccolta dei reflui nella zona dell’Oltreserchio e che consentirà di mettere in funzione la rete a servizio di località Nozzano, già realizzata…

Leggi tutto…

Il CdA del gestore idrico della Puglia ha deliberato una nuova tornata di appalti per opere nel campo della depurazione e delle reti idriche e fognarie. Tra le più significative, l’ammodernamento dell’impianto di depurazione di Martina Franca, in provincia di Taranto, dove si parte da una base d’asta di 11 milioni di euro, e il completamento de sistema di raccolta dei reflui a Salve, nel Salento…

Leggi tutto…

Avviati i lavori per la realizzazione e la razionalizzazione del sistema fognario di San Pierino, frazione del comune in provincia di Firenze. L’opera, del valore di 1,2 milioni di euro, nasce per porre fine agli scarichi in ambiente. Prevede infatti la costruzione di 4 nuovi chilometri di condotte alle quali verranno allacciate le utenze esistenti, che consentiranno di far confluire i reflui verso il depuratore Cuoiodepur che sorge a San Miniato…

Leggi tutto…

Conclusi i lavori, per un valore di 2,2 milioni di euro, del secondo lotto del progetto La Vettola-San Piero, avviato dal gestore idrico del Basso Valdarno per dotare le due frazioni di una rete fognaria e garantire il collettamento di tutti i reflui fognari provenienti dalla zona sud-est della città verso il sistema depurativo…

Leggi tutto…

Il progetto presentato dalla società, che gestisce il servizio idrico in 53 comuni del Veneto Orientale, riguarda il quartiere Fiera e prevede la posa di circa 1.000 metri di nuova fognatura nera, oltre 1.400 metri di rete acquedottistica e 180 metri di condotte per le acque meteoriche. I lavori partiranno a breve e si protrarranno per 7 mesi, per un costo complessivo di 1,1 milioni di euro…

Leggi tutto…