In esercizio il cogeneratore di A2a presso il depuratore di Verziano


È entrato in funzione l’impianto di cogenerazione realizzato da A2a Ciclo Idrico presso il depuratore di Verziano, a Brescia, il maggiore gestito dall’azienda, con una capacità equivalente a 250.000 abitanti equivalenti, nel quale vengono trattati i reflui della città e di diversi comuni della sua provincia.
Costruito in meno di un anno, compresi i temi di progettazione, il sistema è inserito nel processo del depuratore delle acque reflue urbane ed è alimentato a biogas da digestione anaerobica, rappresentando così un perfetto esempio di economia circolare.
Il biogas, prodotto nella linea fanghi in condizioni controllate di temperatura e assenza di ossigeno, permette di generare energia elettrica, l’impianto ha una potenza elettrica di 330 kW, che viene sfruttata in completo regime di autoconsumo per coprire parte del fabbisogno del depuratore stesso. Inoltre, il sistema di cogenerazione permette di combinare alla produzione di elettricità il recupero di calore che, anche in questo caso, viene impiegato nello stesso processo depurativo, incrementando il grado di stabilizzazione del fango biologico da avviare a smaltimento.
Realizzato con un investimento di 700.000 euro, l’impianto, secondo le stime dell’azienda, a regime consentirà di ridurre le emissioni di CO2 di circa 850 tonnellate all’anno. Risultato notevole che va ad aggiungersi alla riduzione dei consumi di energia e che hanno spinto l’azienda a valutare la possibilità di implementare processi per incrementare la capacità di produzione di biogas e, quindi, la quantità di energia elettrica recuperabile nel suo sito.


Leggi anche

Un maxi progetto, unico in Italia, che prevede l’installazione di 1000 apparecchi di misurazione lungo 2.700 km. di condotte. Prima, la modellazione idraulica. Poi, le videoispezioni. E adesso, il monitoraggio costante delle portate. BrianzAcque sta eseguendo un check up completo dell’intero sistema delle reti fognarie. Obiettivo? Conoscerne lo stato di salute, individuarne potenzialità e punti deboli, così da riuscire a intervenire in via preventiva e in modo sempre più mirato sull’intero sistema di sottoservizi. …

Leggi tutto…

Il gestore del servizio idrico del Lazio meridionale utilizzerà la tecnologia no-dig per realizzare un attraversamento ferroviario e della via Appia nell’ambito dei lavori, che sta concludendo, di ammodernamento ed estensione della rete fognaria nei quartieri C8 e C9 del comune in provincia di Latina. Inoltre, provvederà anche alla sostituzione di 900 metri di condotte idriche, ormai obsolete …

Leggi tutto…

Obiettivo dei lavori è la messa in sicurezza del collettore fognario e delle relative derivazioni di utenza e di rete. Prevedono la sostituzione di 500 metri di condotte esistenti con nuove tubazioni in cemento armato vibrocompresso ad alta resistenza. L’intervento, che secondo cronoprogramma dovrebbe concludersi nel maggio del 2020, permetterà di bonificare un’area dal quadro idrogeologico molto compromesso…

Leggi tutto…

Rete Ronsas è la rete di impresa costituita dal gestore idrico pugliese con Green Ecol e Agrosistemi per sperimentare nuove tecniche per trasformare i fanghi di depurazione dei reflui urbani in fertilizzante correttivo dei suoli agrari. Finanziata da Regione Puglia con un milione di euro, la sperimentazione sarà effettuata negli impianti di depurazione di Foggia e Barletta …

Leggi tutto…

Il grande piano di interventi prevede la realizzazione dell’acquedotto, con la posa di 45 chilometri di condotte, delle reti fognarie, dell’estensione di 38 chilometri, e di due depuratori a servizio del comune bresciano e delle sue frazioni. I lavori, suddivisi in sei lotti, prenderanno il via a fine novembre e proseguiranno per 5 anni…

Leggi tutto…