In Finlandia il teleriscaldamento punta alla carbon neutrality


Le energie rinnovabili saranno sempre più protagoniste nei sistemi di teleriscaldamento. Ma nel futuro di questa tecnologia c’è la carbon neutrality, ovvero l’azzeramento dell’impronta carbonica del servizio. Un percorso virtuoso battuto con determinazione da Fortum, una società energetica finlandese, che ha avviato la conversione della centrale che alimenta la rete di teleriscaldamento di Espoo, seconda città del paese, puntando decisamente sulle fonti rinnovabili.
Il progetto della società, portato avanti con un investimento di 40 milioni di euro, prevede la dismissione di una vecchia caldaia alimentata a carbone e la costruzione di una nuova centrale a biomasse.
Il nuovo impianto avrà una potenza di 49 MW, ma la sua efficienza sarà enormemente migliorata grazie all’impiego di un sistema per la condensazione dei gas che permetterà di disporre di una potenza massima di 58 MW. La centrale, la cui costruzione è partita in questi giorni, sarà pronta per il 2020 e garantirà una produzione di 350-380 GWh termici annui, in grado di soddisfare il fabbisogno annuale di calore di oltre 21.000 abitazioni.
La sua entrata in esercizio aumenterà la quota di calore prodotta da energie rinnovabili utilizzata nella rete di teleriscaldamento di Espoo di circa il 60%, garantendo una riduzione delle emissioni di CO2 fino a 90.000 tonnellate all’anno, ovvero circa il 14% di quelle attualmente generate dal sistema.
Risultati importanti, che tuttavia sono solo un passaggio verso il più grande obiettivo che la società si è posto. «Il nostro obiettivo a lungo termine è garantire un servizio di teleriscaldamento senza l’impiego di combustibili», ha dichiarato Mikael Lemström, vicepresidente di Fortum. L’azienda infatti è impegnata con l’amministrazione cittadina nell’ambizioso progetto di rendere la rete carbon neutral, entro la fine del prossimo decennio.


Leggi anche

La società, specializzata nella produzione di energia da fonti rinnovabili, ha siglato un accordo con il Comune di Alcalá de Henares per la costruzione di un sistema di teleriscaldamento, interamente alimentato da energia green: solare e biomasse. Il sistema, che sarà completato per la fine del prossimo anno, fornirà calore a 12.000 famiglie e sarà realizzato con un investimento di 38 milioni di euro…

Leggi tutto…

Realizzato con il Politecnico di Milano, il report ha analizzato l’impatto a 360° di questi impianti sui territori. I risultati dicono che si tratta di una soluzione vincente sia sul piano ambientale, abbattendo le emissioni di CO2 e di polveri sottili, sia sul piano economico ed occupazionale: 1 euro fatturato dagli impianti genera un impatto sul sistema economico di 2,65 euro e per ogni lavoratore impiegato dal teleriscaldamento nascono 15,5 posti lungo tutta la filiera…

Leggi tutto…

Terna ha qualificato la Uvap di Ego alla quale è collegata la centrale di cogenerazione che alimenta la rete di distribuzione del calore. Ora può operare sul mercato del servizio di dispacciamento: l’energia elettrica prodotta sarà utilizzata dal gestore della rete nazionale per il bilanciamento della rete, fornendo una flessibilità a salire e a scendere di 8 MW …

Leggi tutto…

Ancora pochi mesi di attesa e poi i lavori per la realizzazione dell’impianto di teleriscaldamento nel territorio comunale di Valdaone, in provincia di Trento, volgeranno al termine. L’opera, fortemente voluta dall’attuale amministrazione guidata da Ketty Pellizzari, è il passaggio concreto di un’idea nata nel 2010 dagli allora comuni di Bersone, Daone e Praso. A tal fine il comune di Valdaone ha stipulato una convezione di servizio con la società pubblica E.S.Co. B.I.M. e Comuni del Chiese S.p.A. che si occuperà della gestione futura…

Leggi tutto…

Ha preso il via nella centrale di cogenerazione che alimenta la rete di distribuzione del calore di Tirano (Sondrio) di Tcvvv, la sperimentazione del nuovo sistema messo a punto da Rse per il trattamento dei fumi di combustione delle biomasse. Un’unica soluzione che consente l’abbattimento del particolato di combustione e la riduzione degli NOx…

Leggi tutto…