In Finlandia il teleriscaldamento punta alla carbon neutrality


Le energie rinnovabili saranno sempre più protagoniste nei sistemi di teleriscaldamento. Ma nel futuro di questa tecnologia c’è la carbon neutrality, ovvero l’azzeramento dell’impronta carbonica del servizio. Un percorso virtuoso battuto con determinazione da Fortum, una società energetica finlandese, che ha avviato la conversione della centrale che alimenta la rete di teleriscaldamento di Espoo, seconda città del paese, puntando decisamente sulle fonti rinnovabili.
Il progetto della società, portato avanti con un investimento di 40 milioni di euro, prevede la dismissione di una vecchia caldaia alimentata a carbone e la costruzione di una nuova centrale a biomasse.
Il nuovo impianto avrà una potenza di 49 MW, ma la sua efficienza sarà enormemente migliorata grazie all’impiego di un sistema per la condensazione dei gas che permetterà di disporre di una potenza massima di 58 MW. La centrale, la cui costruzione è partita in questi giorni, sarà pronta per il 2020 e garantirà una produzione di 350-380 GWh termici annui, in grado di soddisfare il fabbisogno annuale di calore di oltre 21.000 abitazioni.
La sua entrata in esercizio aumenterà la quota di calore prodotta da energie rinnovabili utilizzata nella rete di teleriscaldamento di Espoo di circa il 60%, garantendo una riduzione delle emissioni di CO2 fino a 90.000 tonnellate all’anno, ovvero circa il 14% di quelle attualmente generate dal sistema.
Risultati importanti, che tuttavia sono solo un passaggio verso il più grande obiettivo che la società si è posto. «Il nostro obiettivo a lungo termine è garantire un servizio di teleriscaldamento senza l’impiego di combustibili», ha dichiarato Mikael Lemström, vicepresidente di Fortum. L’azienda infatti è impegnata con l’amministrazione cittadina nell’ambizioso progetto di rendere la rete carbon neutral, entro la fine del prossimo decennio.


Leggi anche

La Scuola Orsolina28 è un luogo dedicato alla danza e alla gioia e libertà che la danza trasmette. Tutto è organizzato per vivere un’esperienza di condivisione a contatto con la natura: il Glamping interno alla tenuta è un’“accomodation” dotato di tende geodetiche permanenti con tutti i comfort. Ogni tenda ha a disposizione un bagno con wc, lavabo, doccia, acqua calda e sistema di riscaldamento….

Leggi tutto…

Grazie all’accordo tra le due società, dal 2021 il 30% dell’energia termica che alimenta la rete a servizio nel comune della provincia di Milano proverrà dall’impianto di termovalorizzazione dei rifiuti di BEA a Desio. Lo sviluppo del servizio prevede un investimento congiunto di 5 milioni di euro e comporta la realizzazione di un’interconnessione di circa 1 km dalla rete di BEA alla centrale ENGIE. Garantirà un ulteriore abbattimento delle emissioni inquinanti del 30%…

Leggi tutto…

La società ha acquisito la partecipazione residua del precedente gestore Giemme Gestione Multiservice, e ora è il gestore unico del servizio nel comune lombardo. La rete di teleriscaldamento di Cinisello serve 18.000 abitanti, fornendo circa 50 GWh termici all’anno, garantendo una riduzione di oltre il 25% di emissioni di CO2 e NOx rispetto alle tradizionali caldaie…

Leggi tutto…

Pubblicata la gara per la costruzione di una rete di teleriscaldamento a servizio della città lombarda e dei comuni limitrofi di Valmadrera e Malgrate. Il bando, del valore complessivo di 80 milioni di euro, oltre alla posa delle condotte, include anche la realizzazione di una centrale alimentata a fonti rinnovabili, a fronte della concessione del servizio per 35 anni. Il 15 aprile ultimo giorno per presentare la candidatura…

Leggi tutto…

Il progetto avviato una decina di anni fa, con un investimento complessivo di 30 milioni di euro, ha portato finora alla costruzione di una rete di distribuzione del calore di 22 chilometri. Rete in costante espansione e che quest’anno permetterà di portare il servizio a circa il 50% dei residenti, con grandi vantaggi ambientali ed economici. A questo scopo si studia anche un potenziamento della centrale che alimenta l’infrastruttura…

Leggi tutto…