In rete il biogas di Asja prodotto a Foligno dai rifiuti

Grande successo per la partnership tra Asja Ambiente Italia e Valle Umbra Servizi (VUS). Il primo metro cubo di biometano prodotto dall’impianto di Foligno (Perugia) realizzato e gestito da Asja, azienda specializzata nella produzione di energia rinnovabile, è stato immesso nella rete di distribuzione locale del gas naturale di Valle Umbra Servizi, la multiutility che opera nei comuni del comprensorio folignate, spoletino e della Valnerina.

Il biometano è generato dal trattamento della Frazione Organica del Rifiuto Solido Urbano (FORSU) nell’impianto inaugurato lo scorso anno, la cui realizzazione è stata promossa da VUS e Regione Umbria.  L’impianto è in grado di trattare oltre 53.500 tonnellate annue di rifiuti organici, garantendo a regime una produzione di gas rinnovabile pari a 4 milioni di metri cubi l’anno, un volume sufficiente a soddisfare il fabbisogno annuale di 2.857 famiglie, o a rifornire fino a 573 auto al giorno, e assicurando un risparmio di 3.280 tonnellate di petrolio equivalente l’anno. A questo si aggiunge la produzione di oltre 15.000 tonnellate di compost di qualità destinato all’agricoltura.

La sua costruzione permette di chiudere in maniera virtuosa il ciclo dei rifiuti, evitando i costi economici e ambientali derivanti da un’insufficiente capacità di trattamento dell’organico differenziato a livello locale, anzi trasformandolo in combustibile pulito.

Della sua realizzazione e gestione si occupa Asja Ambiente Italia, società che ha proposto il progetto di project finance e che si è aggiudicata la gara a evidenza pubblica, che comprendeva la progettazione e costruzione del sistema e, appunto, la sua successiva gestione.

«Siamo orgogliosi di questo risultato che è un esempio virtuoso di economia circolare dando concreta attuazione al riciclo virtuoso dei rifiuti – ha commentato Lamberto Dolci, presidente di Valle Umbra Servizi -. L’immissione in rete del metano prodotto dall’organico che raccogliamo in questo territorio è importante non solo per i benefici ambientali che produce, ma anche perché è un segnale concreto per i cittadini che il loro impegno nella separazione dei rifiuti dà risultati tangibili in termini di riduzione di gas serra».

«Gli impianti di biometano sono la soluzione tecnologica più avanzata per il recupero della frazione organica dei rifiuti urbani – ha dichiarato Agostino Re Rebaudengo, presidente di Asja Ambiente Italia -. Quello di Foligno è il primo di una serie di impianti che stiamo realizzando. Con l’immissione del primo metro cubo di biometano in rete, si corona l’impegno delle tante persone che hanno creduto in questo progetto di economia circolare».


Leggi anche

La società ha pubblicato il report di sostenibilità relativo al 2018, che testimonia i grandi progressi compiuti sul fronte ambientale, dell’efficienza della rete e della sicurezza sul lavoro. Calate di 154.800 le tonnellate CO2 emesse in atmosfera, e del 7,9% quelle di gas naturale rispetto al 2016. Dato quest’ultimo che ha permesso di fissare un nuovo target di riduzione del 25% delle emissioni di metano al 2025…

Leggi tutto…

La società, che gestisce la distribuzione gas in una ventina di comuni tra Campania e Basilicata, ha completato lo sviluppo di una rete che consentirà di portare il servizio nelle due località montane in provincia di Salerno. La rete, cofinanziata dal Ministero dello Sviluppo Economico, si sviluppa per oltre 22 chilometri e a breve sarà completata delle ultime diramazioni…

Leggi tutto…

Con l’uso sempre più frequente di tubazioni in polietilene di grande diametro, crescono le richieste di raccordi di presa di grande diametro. L’utilizzo di questi prodotti è indirizzato sia a sistemi operanti in pressione che a quelli a gravità. La famiglia dei prodotti PLASTITALIA che soddisfa queste richieste di mercato è già grande, ma è destinata a crescere ancora con nuovi prodotti in grado di garantire alte prestazioni….

Leggi tutto…

Avviata alla fine dello scorso anno, l’operazione, attiva dall’inizio di marzo, prevede l’integrazione delle attività di distribuzione gas di A Tutta Rete all’interno di Inrete e di quelle legate alla vendita di energia in Hera Comm. L’integrazione interessa circa 30.000 punti di riconsegna, per quanto riguarda il servizio di distribuzione gas, e oltre 25.000 clienti per la vendita di energia…

Leggi tutto…

I cinque CEO delle principali realtà della distribuzione in Europa che hanno costituito l’associazione GD4S, che oltre Italgas comprende Distrigaz Sud Rețele (Romania), Galp Gás Natural Distribuição (Portogallo), GRDF (Francia) e Nedgia (Spagna), hanno incontrato il direttore generale per l’Energia della Commissione Europea. Al centro del vertice il ruolo delle infrastrutture di distribuzione nel percorso di decarbonizzazione del continente …

Leggi tutto…