In servizio la rete metanifera Bacino Sicilia Jonico-Peloritano

È entrata in funzione la nuova rete di distribuzione del gas nel territorio del “Bacino Sicilia Jonico-Peloritano”. Si tratta di una fondamentale infrastruttura che permette di fornire il servizio a oltre 35.000 cittadini residenti nella fascia jonica della provincia di Messina, coprendo una grave lacuna e aprendo nuovi scenari per lo sviluppo del territorio. La realizzazione dell’opera, un obiettivo inseguito per oltre trent’anni è ora finalmente diventato realtà, permetterà infatti anche di creare in futuro nuovi posti di lavoro per tecnici manutentori e operai specializzati, impegnati nella gestione della rete.

L’opera è stata realizzata per volontà del raggruppamento dei Comuni della Riviera Jonica messinese, un consorzio composto da 14 comuni: Fiumedinisi, che è anche il capofila, Alì, Alì Terme, Antillo, Casalvecchio Siculo, Furci Siculo, Itala, Mandanici, Nizza di Sicilia, Pagliara, Roccalumera, Sant’Alessio Siculo, Savoca, Scaletta Zanclea e Santa Teresa di Riva.

A progettarla e costruirla l’azienda Fin Consorzio con sede a Roma, nata nel 2014 e specializzata nella progettazione e realizzazione di opere pubbliche, infrastrutture e nella gestione delle reti gas. E davvero di una grande opera si tratta in questo caso: il metanodotto, con i suoi ben 75 chilometri di estensione, è infatti uno dei maggiori interventi realizzati nel comprensorio jonico messinese. Atteso per oltre 30 anni, arriva dopo 10 anni dall’avvio delle procedure di costituzione del raggruppamento dei Comuni che per la sua costruzione hanno investito in totale circa 120 milioni di euro.


Leggi anche

Lo ha dichiarato Paolo Gallo, fresco di riconferma nel ruolo di amministratore delegato della società, che ha anticipato che Italgas presenterà un’offerta non vincolante per il pacchetto della distribuzione gas dell’utility veneta. Ascopiave ha infatti avviato un riassetto dei suoi business puntando a cedere le attività di vendita di energia per focalizzarsi sulla distribuzione gas anche con partnership strategiche …

Leggi tutto…

La sperimentazione ha preso il via a Contursi Terme, in provincia di Salerno, con la fornitura a due realtà locali di una miscela di idrogeno al 5% e gas attraverso la rete di trasporto. Un passaggio cruciale verso gli obiettivi europei al 2050, in quanto l’idrogeno è una tecnologia chiave per la decarbonizzazione e lo stoccaggio delle fonti rinnovabili…

Leggi tutto…

Le tre società hanno siglato una lettera d’intenti non vincolante per l’avvio dello studio di un percorso congiunto per valutare la possibile acquisizione degli asset del gruppo Ascopiave nella vendita di elettricità e gas e la costituzione di un’alleanza nel settore della distribuzione gas. Un’operazione che nasce dalla volontà di Ascopiave di cedere le sue attività commerciali per focalizzarsi sulla distribuzione…

Leggi tutto…

I lavori, appena partiti, interessano le frazioni di Moltedo e Montegrazie, attualmente servite con GPL. Le opere comprendono la posa di nuove condotte per un totale di oltre 9,3 chilometri e la sostituzione dell’alimentazione da GPL a gas naturale della rete già esistente e garantiranno maggiore sicurezza e continuità del servizio…

Leggi tutto…

Con il via libero del comune di Pescara si conclude l’iter per l’acquisizione da Alma Cis e Mediterranea Energia del 51% del capitale azionario della società che gestisce la distribuzione del gas nel capoluogo Abruzzese. Operazione che sancisce l’ingresso della multiutility capitolina nel comparto della distribuzione del metano…

Leggi tutto…