In servizio la rete metanifera Bacino Sicilia Jonico-Peloritano

È entrata in funzione la nuova rete di distribuzione del gas nel territorio del “Bacino Sicilia Jonico-Peloritano”. Si tratta di una fondamentale infrastruttura che permette di fornire il servizio a oltre 35.000 cittadini residenti nella fascia jonica della provincia di Messina, coprendo una grave lacuna e aprendo nuovi scenari per lo sviluppo del territorio. La realizzazione dell’opera, un obiettivo inseguito per oltre trent’anni è ora finalmente diventato realtà, permetterà infatti anche di creare in futuro nuovi posti di lavoro per tecnici manutentori e operai specializzati, impegnati nella gestione della rete.

L’opera è stata realizzata per volontà del raggruppamento dei Comuni della Riviera Jonica messinese, un consorzio composto da 14 comuni: Fiumedinisi, che è anche il capofila, Alì, Alì Terme, Antillo, Casalvecchio Siculo, Furci Siculo, Itala, Mandanici, Nizza di Sicilia, Pagliara, Roccalumera, Sant’Alessio Siculo, Savoca, Scaletta Zanclea e Santa Teresa di Riva.

A progettarla e costruirla l’azienda Fin Consorzio con sede a Roma, nata nel 2014 e specializzata nella progettazione e realizzazione di opere pubbliche, infrastrutture e nella gestione delle reti gas. E davvero di una grande opera si tratta in questo caso: il metanodotto, con i suoi ben 75 chilometri di estensione, è infatti uno dei maggiori interventi realizzati nel comprensorio jonico messinese. Atteso per oltre 30 anni, arriva dopo 10 anni dall’avvio delle procedure di costituzione del raggruppamento dei Comuni che per la sua costruzione hanno investito in totale circa 120 milioni di euro.


Leggi anche

Le opere, da tanto attese, saranno concluse entro marzo e interessano le frazioni di San Ginese di Compito e Castelvecchio di Compito del comune in provincia di Lucca. Nel primo caso l’azienda poserà circa 3,5 chilometri di nuove condotte, con un investimento di 700.000 euro, nel secondo 2,5 chilometri di nuove tubazioni con un investimento di 300.000 euro…

Leggi tutto…

Siglato il contratto di trasferimento della proprietà dell’azienda, che gestisce il servizio di distribuzione nel comune di Busseto, in provincia di Parma, alla società del Gruppo Iren. Per Ireti, che si era aggiudicata l’asta pubblica per il controllo dell’azienda con un’offerta di 4,1 milioni di euro, si tratta di un’operazione strategica che rafforza ulteriormente la sua posizione in un Atem strategico per il Gruppo…

Leggi tutto…

Dopo Ies Biogas, azienda di Pordenone specializzata nella costruzione di impianti per la produzione di biometano, la società, attraverso la controllata Snam4Mobility, ha acquisito Enersi Sicilia, proprietaria di un’autorizzazione per realizzare un impianto di produzione del gas green nell’isola. Un ulteriore passo nella strategia che vuole fare di Snam un acceleratore di sviluppo per la filiera di questo gas…

Leggi tutto…

Il consorzio composto con la spagnola Enagás e la belga Fluxy e capitanato dalla società italiana ha completato l’acquisizione del 66% di Desfa, l’operatore greco delle infrastrutture del gas naturale, proprietario di 1.500 km di rete in alta pressione e di un terminale di rigassificazione. Il costo dell’operazione è di 535 milioni di euro…

Leggi tutto…

Prosegue l’espansione per linee esterne della società, principale operatore della distribuzione gas, che ha sottoscritto un accordo vincolante per l’acquisto dal consorzio Conscoop di partecipazioni e rami di azienda. L’operazione, del valore di 68,6 milioni di euro, comprende 19 concessioni per la distribuzione gas in altrettanti comuni di Lazio, Campania, Basilicata, Calabria e Sardegna…

Leggi tutto…