Inaugurato il depuratore di Acea Ato 5 a Sant’Apollinare

Taglio del nastro per il depuratore realizzato in località Rivozzolo da Acea Ato 5 per il comune di Sant’Apollinare, in provincia di Frosinone.

Il nuovo impianto ha una capacità depurativa pari a 1500 abitanti equivalenti e risolverà il problema del trattamento dei reflui civili dell’area urbana, che finora ne era sprovvista. Gli interventi di realizzazione dell’opera, per un investimento superiore al mezzo milione di euro, erano partiti lo scorso novembre per concludersi a giugno.

Insieme all’opera appena terminata, la società, che gestisce il ciclo idrico in 86 comuni della provincia di Frosinone, ha appaltato anche i lavori di sistemazione dell’ultimo tratto del collettore fognario che raggiunge l’impianto.

«Il nuovo depuratore rappresenta un intervento di sicura tutela ambientale e della stessa risorsa idrica – ha commentato Stefano Magini, presidente di Acea Ato 5, intervenendo alla cerimonia di inaugurazione dell’impianto insieme al sindaco di Sant’Apollinare, Enzo Scittarelli. La strada, fatta di confronto e di storica collaborazione, intrapresa da subito con il Comune di Sant’Apollinare, è il corretto percorso che Acea Ato 5 vuole tracciare con ogni amministrazione comunale, un percorso capace di individuare i problemi del territorio, selezionare le priorità, dare risposte concrete. Acea Ato 5 è solo un gestore del servizio idrico integrato. Gli impianti che realizza resteranno nel patrimonio comunale. Con il vantaggio di vedere ora concretizzata un’opera che il Comune da solo non avrebbe avuto la possibilità di costruire. Un’opera realizzata grazie alla sussidiarietà che deriva dal far parte di una realtà molto più grande come l’Ato 5 Lazio».


Leggi anche

Indispensabile per superare l’infrazione comunitaria che grava sulla cittadina, l’opera, del valore di 13,1 milioni di euro, prevede la posa di 61 chilometri di condotte per dotare le frazioni di Tonnarella e Trasmazaro di una rete di raccolta delle acque nere. A eseguire i lavori, che dovrebbero concludersi entro il giugno del prossimo anno, un raggruppamento di imprese che si è aggiudicato la gara indetta dal Commissario straordinario unico per la depurazione …

Leggi tutto…

Il gestore idrico dell’ambito Sarnese-Vesuviano ha avviato una serie di opere sulle infrastrutture idriche e fognarie nel comune del salernitano. Per quanto riguarda le prime, verranno posate in totale oltre 2,5 chilometri di tubazioni per migliorare la distribuzione dell’acqua potabile in alcune strade del centro e in alcune frazioni. Le seconde servono invece a completare lo schema fognario comunale, eliminando definitivamente gli scarichi superficiali in ambiente…

Leggi tutto…

VEGA ha ampliato il portafoglio di sensori radar con una nuova serie di strumenti. I sensori basati sulla tecnologia a 80 GHz sono idonei all’impiego in applicazioni in cui il prezzo è un fattore determinante per la scelta della strumentazione, come ad es. nel settore del trattamento delle acque e delle acque reflue. Grazie alla focalizzazione precisa del segnale, forniscono valori di misura affidabili indipendentemente dagli influssi esterni, come temperatura o imbrattamento….

Leggi tutto…

Il documento di previsione e programmazione per l’anno in corso, approvato dal Consiglio di amministrazione del gestore idrico della provincia di Lecco, prevede investimenti per 25,6 milioni, concentrati soprattutto nel settore depurazione. 5,5 milioni sono dedicati alle manutenzioni, mentre l’installazione di misuratori smart verrà estesa a nuovi comuni …

Leggi tutto…

Il secondo lotto dei lavori che consentiranno di dotare le località Ronchi e Poveromo di una rete di raccolta dei reflui sarà completato entro l’estate. L’intervento, partito lo scorso ottobre, prevede la posa di 9,5 km di condotte in PVC per una spesa di 2,5 milioni di euro, e completa i lavori del primo lotto, già conclusi, con i quali sono stati realizzati 7 chilometri di rete e 3 stazioni di sollevamento…

Leggi tutto…