Inaugurato il depuratore di Acea Ato 5 a Sant’Apollinare

Taglio del nastro per il depuratore realizzato in località Rivozzolo da Acea Ato 5 per il comune di Sant’Apollinare, in provincia di Frosinone.

Il nuovo impianto ha una capacità depurativa pari a 1500 abitanti equivalenti e risolverà il problema del trattamento dei reflui civili dell’area urbana, che finora ne era sprovvista. Gli interventi di realizzazione dell’opera, per un investimento superiore al mezzo milione di euro, erano partiti lo scorso novembre per concludersi a giugno.

Insieme all’opera appena terminata, la società, che gestisce il ciclo idrico in 86 comuni della provincia di Frosinone, ha appaltato anche i lavori di sistemazione dell’ultimo tratto del collettore fognario che raggiunge l’impianto.

«Il nuovo depuratore rappresenta un intervento di sicura tutela ambientale e della stessa risorsa idrica – ha commentato Stefano Magini, presidente di Acea Ato 5, intervenendo alla cerimonia di inaugurazione dell’impianto insieme al sindaco di Sant’Apollinare, Enzo Scittarelli. La strada, fatta di confronto e di storica collaborazione, intrapresa da subito con il Comune di Sant’Apollinare, è il corretto percorso che Acea Ato 5 vuole tracciare con ogni amministrazione comunale, un percorso capace di individuare i problemi del territorio, selezionare le priorità, dare risposte concrete. Acea Ato 5 è solo un gestore del servizio idrico integrato. Gli impianti che realizza resteranno nel patrimonio comunale. Con il vantaggio di vedere ora concretizzata un’opera che il Comune da solo non avrebbe avuto la possibilità di costruire. Un’opera realizzata grazie alla sussidiarietà che deriva dal far parte di una realtà molto più grande come l’Ato 5 Lazio».


Leggi anche

La giunta regionale ha disposto un nuovo finanziamento per 1,5 milioni a sostegno dell’adeguamento del sistema fognario dell’area gardesana. Indispensabile per salvaguardare le acque del lago, l’opera interessa i comuni sia della riva veneta sia lombarda. La realizzazione richiederà un maxi investimento complessivo di 220 milioni di euro…

Leggi tutto…

Grazie alla collaborazione con Energy Way, il depuratore cittadino è stato dotato di un sistema all’avanguardia, unico in Italia, che utilizza la logica predittiva per contenere ulteriormente i consumi energetici e migliorare la qualità dell’acqua in uscita. Primo frutto di un progetto che applica le nuove tecnologie dei big data, machine learning e intelligenza artificiale alle attività del ciclo idrico e che potrà essere esteso ad altri impianti…

Leggi tutto…

Ancora lontana la gara per la scelta del distributore unico della provincia di Andria Trani Barletta. Intanto, 2i Rete gas ha ottenuto una nuova proroga per la gestione del servizio a Trani, dove continua a potenziare l’infrastruttura. Dopo la metanizzazione del quartiere Capirro, ora ha presentato un nuovo progetto per una ulteriore estensione della rete…

Leggi tutto…

Realizzato con un investimento di 3,7 milioni di euro, il nuovo impianto sostituisce il vecchio depuratore a servizio del comune di Casamassima (BA), sottodimensionato e ormai obsoleto. Equipaggiato di tecnologie avanzate, è dotato di un sistema di trincee drenanti per il rilascio delle acque trattate, che potranno essere riutilizzate in agricoltura …

Leggi tutto…

La sperimentazione di Gruppo CAP per ridurre i consumi di acqua potabile parte dalla pulizia delle strade. Primo Comune interessato è Assago: 7.720 litri di acqua potabile risparmiati in poco più di sei mesi utilizzando acqua depurata presso lo stabilimento di Assago dove le acque reflue vengono appositamente trattate e depurate. E con la nuova tariffa si promuove l’incentivazione a tutto l’hinterland milanese…

Leggi tutto…