Inaugurato il teleriscaldamento di Lonato del Garda

È realtà il teleriscaldamento di Lonato del Garda. Il sistema, frutto della collaborazione tra la multinazionale francese dell’energia Engie e il gruppo siderurgico Feralpi, a servizio della cittadina in provincia di Brescia è stato inaugurato ed è finalmente operativo. Realizzato con tre anni di lavori, tra progettazione e cantieri, e un investimento di 4 milioni di euro, sostenuto in parti uguali dalle due realtà, l’impianto è un esempio di sfruttamento virtuoso delle risorse energetiche disponibili sul territorio.

Il calore di recupero riscalda gli edifici pubblici

Ad alimentare la rete è infatti il calore di recupero generato dai processi industriali dell’acciaieria Feralpi. Una quantità di energia che altrimenti andrebbe dispersa nei fumi in uscita dal forno a una temperatura di 1000 °C, che alimenta l’unità di recupero della potenza di 4MW termici, affiancata da una centrale di back-up da 3 MWt. Calore che è distribuito attraverso una rete alla quale sono attualmente allacciati gran parte degli edifici pubblici, quali le scuole, i due palazzetti dello sport, i palazzi comunali e alcune abitazioni private in Via Regia Antica, un ristorante e l’azienda Bampi.

Prospettive di sviluppo e vantaggi ambientali

Un bacino di utenza destinato a crescere, visto il grande apprezzamento che la soluzione ha riscosso presso la popolazione: nelle prossime settimane saranno allacciati alla rete anche gli edifici della Fondazione Madonna del Corlo, le attività di Via Mulini, abitazioni in via Vittorio Veneto e via Ragazzi del ’99, il condominio Coop Casa, il Rising Sun Pub, per poi procedere con ulteriori estensioni nella città. E visto anche il potenziale della risorsa disponibile, in quanto il calore prodotto dall’acciaieria permetterebbe di riscaldare l’intera città di Lonato del Garda e parte di Desenzano. Insomma, il sistema appena inaugurato «è un punto di partenza, e non di arrivo – come ha affermato il sindaco di Lonato Roberto Tardani prendendo parte alla cerimonia di inaugurazione – che ci avvicina all’obiettivo di ridurre le nostre emissioni di CO2 del 40%, entro il 2030».

E in effetti, solo riscaldare gli edifici pubblici grazie al calore recuperato permetterà di risparmiare ogni anno 447 tonnellate di petrolio equivalente, pari a 20 autocisterne, riducendo le emissioni di 1059 tonnellate di CO2, come se fossero stati piantati più di 30.000 alberi.


Leggi anche

Annunciato lo scorso ottobre, è diventato realtà lo scambio di infrastrutture tra i due gruppi, funzionale al rafforzamento dei rispettivi core business. Con questa operazione Italgas ha ceduto ad A2A Calore & Servizi il teleriscaldamento di Cologno Monzese (Milano), ottenendo da Unareti le attività di distribuzione gas nei sette comuni piemontesi che fanno parte dell’Atem 4 Alessandria…

Leggi tutto…

Approvato dal Consiglio di amministrazione, il documento al 2023 destina la maggior parte delle risorse, circa 1,9 miliardi, all’estensione, ammodernamento ed evoluzione tecnologica delle reti, con una quota significativa stanziata per il rinnovo dei misuratori. A fine quinquennio previsto un margine operativo lordo di 1,25 miliardi, in aumento di 219 milioni rispetto al 2018…

Leggi tutto…

L’impianto, che sorge nel territorio di Ferrara, passa nelle mani della multiutility e di Enel Green Power, che nel 2017, in raggruppamento temporaneo di imprese, si sono aggiudicate il bando per la coltivazione del giacimento geotermico. Un passaggio che apre nuove prospettive per lo sviluppo del teleriscaldamento cittadino, gestito da Hera, già alimentato per il 43% dall’energia pulita generata dalla centrale…

Leggi tutto…

Progettato da Brianza energia ambiente (Bea), il sistema sarà completato per la fine dell’anno e all’inizio servirà 15 utenze pubbliche, per poi procedere con l’allaccio di quelle private. Ad alimentare la rete, che sarà realizzata con un investimento di 7 milioni di euro, il calore generato dalla combustione dei rifiuti nel termovalorizzatore di Desio, sempre di proprietà di Bea…

Leggi tutto…

La multiutility del Nord della Lombardia ha perfezionato con la Banca europea per gli investimenti un prestito, a 16 anni, a sostegno del suo Piano di investimenti 2019-2023. Le risorse serviranno a sostenere progetti nei diversi campi di attività del gruppo, dall’ambiente alle reti idriche, da quelle elettriche al teleriscaldamento, dall’illuminazione pubblica all’efficienza energetica dalle smart city alla sicurezza informatica, interessando circa 900.000 abitanti…

Leggi tutto…