Installati a Riolo Terme sensori intelligenti per le perdite idriche

Si chiama Lorno ed è un dispositivo che Hera ha recentemente installato a Riolo Terme (Ra) e che verrà utilizzato per contrastare il fenomeno delle perdite idriche in rete, tramite un sistema di trasmissione remota di dati ed allarmi, garantendo così maggiore efficienza e un più alto livello di sicurezza nell’erogazione del servizio.
E’ la prima volta che in Italia viene installato e sperimentato questo innovativo strumento.

Un stetoscopio che ascolta le vibrazioni
Si tratta di sensori (idrofoni), integrati all’interno degli idranti interrati in strada, in grado di intercettare in modo continuo il manifestarsi di eventuali perdite attraverso la rilevazione di anomalie nella propagazione delle onde sonore veicolate dalla rete idrica, garantendo così tempestive riparazioni. Il dispositivo è una sorta di stetoscopio che ascolta le vibrazioni provocate dalla fuoriuscita d’acqua in presenza di una fuga: l’acqua, infatti, è un ottimo conduttore di onde sonore.
Considerata la capacità di rilevamento degli idrofoni, ognuno dei quali può arrivare a individuare perdite anche fino a 500 – 600 metri di distanza, con l’installazione da parte di Hera di 13 sensori si coprirà una rete distributiva di svariati chilometri a servizio della cittadina di Riolo Terme.

Un esempio di smart grid applicato al settore idrico
Tramite gli idrofoni viene rilevata l’intensità del segnale su una gamma predefinita di frequenze caratteristiche: se il sistema individua una anomalia sulla rete, trasmette un segnale all’Unità di Controllo e Programmazione installata alla Vasca Todini, un serbatoio idrico sul territorio comunale. Da qui i dati vengono trasferiti ad un sistema di telecontrollo che mette in atto le verifiche e le azioni necessarie al rientro dell’anomalia.
Un esempio di smart grid applicato al settore idrico, che consente di individuare in tempo reale i guasti e le anomalie, migliorando i tempi di attivazione dei servizi di pronto intervento sul posto.

Più sicurezza e continuità di servizio
Il progetto, attivato dall’Unità Ricerca e Sviluppo di Hera e realizzato in collaborazione con l’area territoriale Hera di Imola-Faenza, già attivo, dopo un periodo necessario per la taratura degli strumenti, rappresenta una vera e propria innovazione che mira a garantire sempre più sicurezza e continuità di servizio attraverso strumenti di controllo a distanza in tempo reale.
Se i risultati di questa prima sperimentazione saranno positivi, sarà effettuata un’analisi per valutarne l’uso su più ampia scala.

Fonte: Gruppo Hera

E’ la prima volta che in Italia viene testato questo strumento. Serve per ascoltare le fughe ma non ha niente a che fare con la musica classica.


Leggi anche

Ben 5,5 chilometri di condotte, ormai vetuste e ammalorate, da sostituire e la distrettualizzazione della rete con 86 postazioni di misura e regolazione. È quanto prevede il piano di opere, del valore di 1,5 milioni di euro, del gestore pugliese per il comune del barese. I lavori prenderanno il via a dicembre e si concluderanno nel marzo del 2022….

Leggi tutto…

Dopo una fase pilota, limitata lo scorso anno ad alcune strade, il progetto Aquarius per la ricerca delle dispersioni si estende a tutta la città. Già installati 170 sensori che monitorano le reti rilevando il rumore di eventuali fuoriuscite di acqua, così da individuare le tubazioni ammalorate. Un’attività che nel prossimo quinquennio toccherà 1700 km di tubazioni di Brescia e di alcuni comuni della sua provincia….

Leggi tutto…

Messo a punto da Rivieracqua con il commissario all’ATO idrico del Ponente, il piano prevede otto lotti di lavori e sarà realizzato con un finanziamento di 29 milioni di euro. Obiettivo è risolvere la crisi idrica che da anni attanaglia il Golfo del Dianese, dovuta alla vetustà dell’acquedotto del Roia. I primi due lotti, da 6,8 milioni, con la posa delle nuove condotte del Roia 1 tra Imperia e Cervo, potrebbero partire all’inizio del prossimo anno….

Leggi tutto…

Nella provincia cambogiana di Takéo, la società di approvvigionamento idrico erogava acqua potabile ai 44.000 abitanti della piccola città di Doun Kaev e ai villaggi circostanti. Utilizzando l’acqua dal lago Roka Khnong, la società distribuiva l’acqua trattata tramite vecchie pompe italiane e cinesi.
Scopri come una società idrica cambogiana abbia ottenuto un risparmio di acqua del 15%, stabilizzando l’approvvigionamento grazie a Demand Driven Distribution.

Leggi tutto…

Dopo l’analisi di alcune porzioni di rete dei quartieri periferici, il piano contro le perdite idriche portato avanti dal gestore idrico del Veneto Orientale si sposta nel centro storico di Treviso. Saranno 35 i chilometri di condotte che verranno scandagliati nei prossimi mesi per poi passare ad altre aree della città e continuare con i comuni della provincia. Uno sforzo al quale la società ha dedicato solo quest’anno 10 milioni di investimenti….

Leggi tutto…