Integrazione di dati meteorologici nei processi delle Utility come strumento di supporto alle decisioni: nuove opportunità e applicazioni operative

 


Sandro Boarini – HERAtech
Massimo Crespi – Radarmeteo

 

La meteorologia e la climatologia hanno assunto un ruolo sempre più significativo nella vita economica e sociale. 
Quando esse vanno ad incidere in ambiti gestionali, decisionali e contrattuali (assumendo per questi ultimi anche un carattere probatorio) devono essere portatrici di una informazione chiara, precisa e scientificamente fondata.

Per chi opera sul territorio avvalendosi di applicazioni digitali (ad es. nella smart city), il dato riveste un ruolo fondamentale:

  • sia nella lettura dei singoli eventi e nella comunicazione istituzionale e pubblica che ne consegue
  • sia nella costruzione delle serie storiche (rianalisi o analisi retrospettiva) che stanno alla base di questa lettura sempre più discretizzata del territorio
In questi ambiti, le Utility si trovano in prima linea.

Queste responsabilità richiedono basi di dati adeguate, ossia rappresentative, e quindi originate da dataset che siano originati da reti:

  • ufficiali
  • certificate
  • a norma WMO

Radarmeteo opera su questa nuova frontiera.

La mancanza di un servizio meteorologico nazionale ha reso prima di tutto necessario realizzare il database nazionale unitario di tutte le circa 5.000 stazioni presenti sul territorio nazionale. Su questo sono state implementate le griglie che forniscono i parametri meteorologici per ogni km2 di territorio, a prescindere dalla presenza di una stazione meteorologica sul punto di interesse.

Questo database è inoltre integrato con i dati della rete nazionale di radar meteorologici, con la rete nazionale di rilevazione fulmini, con i DTM.

L’informazione che ne deriva, gestita secondo Linee Guida dell’Agenda per l’Italia digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è patrimonio comune e porta valore al lavoro delle Aziende, della Comunità scientifica e dei Cittadini, sempre più coinvolti dall’impatto dei cambiamenti climatici.

 

_____________________________________________________________________________________________________

La collaborazione con Radarmeteo

Il Gruppo Hera, proprio in base ai razionali sopra evidenziati, si è dotato avvalendosi della collaborazione di Radarmeteo, di un servizio meteorologico professionale specifico e particolarmente focalizzato sui fenomeni severi.

Questi strumenti sono diventati sempre più strategici per indirizzare al meglio le decisioni tecnico gestionali delle reti urbane in particolare del sistema fognario. Ciò perchè esse siano connotate da affidabilità, continuità, accuratezza e tempestività.
Tutto questo dalla fase previsionale, alla gestione dell’evento in tempo reale, alla ricerca e fornitura dei dati storici.

Intelligenza artificiale a servizio della sperimentazione

Proprio l’utilizzo dei dati storici e l’integrazione in un sistema SCADA dei dati in real time e previsionali sono stati utilizzati per essere “innestati” in un innovativo Sistema Esperto a supporto delle decisioni (Decision Support System).

Trattasi di una sperimentazione attuata che sfrutta logiche delle più moderna “intelligenza artificiale”.
L’interoperabilità e la complementarità degli algoritmi di I.A. sopra menzionati e l’applicazione di automazioni coordinate con l’ausilio della sensoristica di campo sono stati gli “ingredienti” del sistema.

Si vuole rappresentare questo caso come esempio di strumento in grado di fornire maggiori informazioni per organizzare preventivamente tutte le scelte gestionali per presidiare quel delicato equilibrio tra capacità di invaso, durata/intensità di pioggia, deflussi e manovre operative da intraprendere.

 

 


Leggi anche

Gruppo CAP estende il proprio WebGIS: dopo Brianzacque, anche Uniacque, Lario Reti Holding e SAL in un’unica piattaforma. Un caso concreto di sharing economy per garantire insieme la qualità del servizio idrico….

Leggi tutto…

Questo progetto verrà presentato da Stefano Tani, Responsabile servizio idrico e Servizi Divisione del SII MM durante il Convegno del 17-18 Maggio…

Leggi tutto…

L’azienda si avvarrà del satellite giapponese Alos 2 per monitorare lo stato delle sue infrastrutture. Questo orbita a 650 chilometri di distanza dalla Terra, ma attraverso un segnale radio elettromagnetico può vedere fino a 12 metri di profondità sotto il livello del suolo, rilevando l’eventuale presenza di perdite d’acqua. Le rilevazioni saranno integrate con il sistema di geolocalizzazione del gestore per consentire un immediato e puntuale intervento…

Leggi tutto…

Presso il Polo tecnologico di telecontrollo a Forlì, la multiutility ha presentato un sistema innovativo in grado di fornire in tempo reale previsioni sullo stato futuro di funzionamento della rete, consentendo di prevenire con cura e precisione eventuali criticità e ottimizzarne il funzionamento. Si tratta di Smart Water Modelling, un’applicazione in grado di limitare al massimo disagi e sprechi…

Leggi tutto…

CMC Labs, CETMA e Politecnico di Bari si sono aggiudicati l’appalto pre-commerciale della Regione Puglia, con il progetto Wisewater, un sistema wireless per il rilevamento delle perdite idriche ed il monitoraggio delle condotte, in risposta a un grave problema che interessa i servizi idrici: la notevole differenza tra la quantità di acqua immessa nel sistema di distribuzione e la quantità di acqua effettivamente fatturata ai consumatori…

Leggi tutto…