Intesa per il depuratore di Benevento


L’amministrazione di Benevento e l’Autorità di Bacino dei Fiumi Liri-Garigliano e Volturno/Distretto Idrografico dell’Appennino Meridionale hanno sottoscritto un protocollo d’intesa per l’attuazione di una strategia unitaria e razionale di difesa, tutela, valorizzazione e gestione del sistema fisico/ambientale, territoriale e paesaggistico della città campana.
Nell’ambito dell’intesa, siglata tra il sindaco Clemente Mastella e il segretario generale dell’Autorità di Bacino, Vera Corbelli, il Comune ha presentato anche lo studio preliminare a supporto della scelta dell’area da destinare all’impianto di depurazione a servizio della città, un’opera attesa da 40 anni.
I due siti individuati sorgono in zone escluse dalle aree perimetrate nei piani di difesa e gestione alluvioni, e nel Piano stralcio per l’assetto idrogeologico – Rischio di frana. Entrambi hanno una superficie simile e pari a circa 25.000 mq e si trovano nella zona centro orientale del territorio comunale, prossima alla località Pantano. Presentano caratteristiche geomorfologiche e di stabilità idonee alla realizzazione dell’opera. Sono, inoltre, facilmente raggiungibili dalla viabilità provinciale e comunale, distanti non più di circa 300 m dalla rete di collettamento fognaria terminale, progettata e in parte già realizzata.
Il piano del Comune non ha però riscosso consenso unanime, in quanto il progetto prevede la realizzazione di un unico impianto di depurazione per l’intera utenza. Secondo gli oppositori, invece, tenendo conto dell’alluvione che nell’ottobre del 2015 ha colpito Benevento, sarebbe più razionale e idoneo puntare alla costruzione di mini depuratori zonali, dislocati in diverse aree della città.

didascalia foto: Vera Corbelli e Clemente Mastella


Leggi anche

L’azienda che gestisce il servizio idrico nella città di Messina ha presentato al ministero dell’Ambiente il piano di opere, con la richiesta di finanziamento. Questo prevede interventi per oltre 50 milioni per le reti di approvvigionamento e distribuzione dell’acqua potabile e il resto per fognature e depurazione. Tra questi ultimi la realizzazione dell’impianto Tono, da 40 milioni di euro…

Leggi tutto…

Gli interventi del valore complessivo di 3,2 milioni di euro interesseranno i comuni di Martignano e Nardò, in provincia di Lecce. A Martignano saranno posati 7,5 chilometri di nuovi tronchi fognari e sarà prolungata una condotta di distribuzione dell’acqua. A Nardò saranno completate le reti idriche e fognarie a servizio della frazione di Pagani, con la realizzazione di, rispettivamente, 3,5 e 3 chilometri di tubazioni …

Leggi tutto…

Approvato dal Consiglio di amministrazione, il documento al 2023 destina la maggior parte delle risorse, circa 1,9 miliardi, all’estensione, ammodernamento ed evoluzione tecnologica delle reti, con una quota significativa stanziata per il rinnovo dei misuratori. A fine quinquennio previsto un margine operativo lordo di 1,25 miliardi, in aumento di 219 milioni rispetto al 2018…

Leggi tutto…

Progettata da Risorse idriche, società di ingegneria del gruppo Smat, l’infrastruttura avrà un’estensione di oltre 14 chilometri e servirà il capoluogo piemontese e 20 comuni della sua area metropolitana sud. Un’opera dal costo di 120 milioni di euro che incrementerà la capacità idraulica del sistema per fronteggiare il notevole aumento delle portate miste effetto dei cambiamenti climatici…

Leggi tutto…

Ammonta a circa 1,2 milioni di euro il programma di opere sulle reti idriche e fognarie messo a punto dal gestore idrico toscano per il comune in provincia di Grosseto. Opere che comprendono la realizzazione di un collettore fognario a servizio della parte occidentale del territorio, la realizzazione degli scarichi nella parte orientale, che ancora ne è priva, e la sostituzione di oltre 1,8 chilometri di condotte acquedottistiche…

Leggi tutto…