Investimenti per 27,5 miliardi nel nuovo Piano strategico di Enel


Energia generata per la quota maggioritaria da fonti rinnovabili, Ebitda a 17,4 miliardi nel 2019 e a 18,5 miliardi nel 2020, rispetto ai 16 previsti per la fine di quest’anno, un utile, nello stesso periodo, intorno ai 5 miliardi, per arrivare a toccare 5,6 miliardi nel 2021 e investimenti per 27,5 miliardi. È quanto prevede il nuovo piano industriale 2019-2021 di Enel.
Presentato a Milano, il Piano incrementa del 12% la voce degli investimenti, rispetto a quello precedente, con ben 11 miliardi destinati alle reti, dei quali 2/3 nelle economie mature. Tra gli obiettivi c’è anche il completamento dell’integrazione di infrastrutture, come quelle rilevate attraverso Eletropaulo in Brasile, e, soprattutto la decarbonizzazione e la modifica del proprio mix produttivo. Su questo fronte il target è portare l’energia generata da fonti rinnovabili a 11,6 GW entro il 2021, con un calo della generazione termoelettrica (leggi chiusura di centrali tradizionali) per 7 gigawatt. Nel 2021 il 62% dell’energia prodotta dal gruppo guidato da Francesco Starace sarà dunque a zero emissioni, contro il 48% attuale.
Il piano prevede, inoltre, 1,2 miliardi di efficienze sui costi derivanti in particolare dal processo di digitalizzazione. La nuova società che sviluppa servizi innovativi EnelX investirà 1,1 miliardi, con una crescita dell’Ebitda di 400 milioni nell’arco del triennio. Il 20% delle risorse, pari a 220 milioni, sarà dedicato alle infrastrutture per la mobilità sostenibile in Italia, Spagna, Romania e in alcune aree delle americhe.
In particolare, per quanto riguarda il nostro paese, il nuovo piano strategico prevede investimenti per 7,6, ai quali si aggiungeranno anche 300 milioni di investimenti per l’efficientamento energetico dei condomini. Attività strategica sarà lo sviluppo della rete in fibra ottica, settore nel quale Enel opera con Open Fiber, la società controllata insieme a Cassa depositi e prestiti. Il gruppo punta ad arrivare a 19 milioni di abitazioni connesse a fine 2021. «In linea con la visione strategica di gruppo, la realizzazione di reti a fibra ottica è uno dei principali fattori per lo sviluppo delle infrastrutture urbane intelligenti e delle piattaforme digitali», sottolinea una nota di Enel.


Leggi anche

Mettendo a frutto le competenze di Aliplast, società di Herambiente specializzata nel trattamento e riciclo della plastica, e la collaborazione con Idrotherm 2000, il Gruppo ha sviluppato delle tubazioni strutturate in Pe con un contenuto del 70% di materiale riciclato. Un chilometro di nuove condotte è stato già posato nei lavori sulla rete elettrica a Imola e Modena e a gennaio altri 2 km saranno posati nel cantiere sulla rete fognaria nel territorio di Rimini…

Leggi tutto…

Obiettivo del bando è lo sviluppo di reti intelligenti integrate con soluzioni Ict che aiutino a migliorare l’efficienza delle infrastrutture elettriche di distribuzione presenti sul territorio lucano. Aperta ai titolari delle reti di distribuzione, la gara prevede un finanziamento non inferiore a 1 milione per progetto. Il termine ultimo per presentare la candidatura è il 15 settembre…

Leggi tutto…

L’amministratore comunale ha presentato un progetto per rendere più efficiente il sistema di illuminazione della città del valore di 5 milioni di euro, da finanziare in gran parte, circa 3,8 milioni, con fondi europei. Prevede la sostituzione di 5000 corpi illuminanti del centro storico con nuove lampade a Led e di 135 quadri elettrici…

Leggi tutto…

La società ha attivato il nuovo impianto in media tensione realizzato per migliorare e stabilizzare la distribuzione elettrica nella fascia jonica della provincia di Reggio Calabria. Telecontrollato dal Centro operativo di Catanzaro e collegato alla rete elettrica attraverso 7 nuove linee di media tensione, lunghe in totale circa 7 km, è stato realizzato con un investimento di 900.000 euro…

Leggi tutto…

Circa 4 milioni di euro per rendere l’infrastruttura elettrica più efficiente, smart e sostenibile. È il programma di attività appena lanciato dal gestore della rete di distribuzione nei comuni delle Alpi vicentine, che prevede la rimozione di circa 300 tralicci, l’interramento di 30 km di linee elettriche aree di media tensione e l’installazione di sistemi intelligenti di telecontrollo e telegestione in più di 150 cabine elettriche secondarie…

Leggi tutto…