Investimenti raddoppiati nel piano industriale al 2023 di Rete Morenica

Via libera dall’assemblea dei soci al Piano industriale al 2023 di Rete Morenica. Piano che prevede il raddoppio degli investimenti, rispetto al documento precedente. In totale si tratta di 1,2 milioni di euro ripartiti in quote uguali per le tre annualità. Risorse che la società, che distribuisce il gas nei comuni di Caprino Veronese, Dolcé, Mozzecane, Povegliano Veronese, Sommacampagna e Villafranca di Verona, utilizzerà per potenziare ed efficientare la sua infrastruttura. Ai Comuni soci, che sono gli stessi comuni serviti, verrà erogato annualmente un totale di due milioni per il canone di sfruttamento delle reti.
 

Investimenti in nuove estensioni

Il primo intervento in programma ha già preso il via e riguarda la sostituzione e il potenziamento di un tratto di condotta a Villafranca. I lavori prevedono:

  1. la realizzazione di 1,5 chilometri di nuove condotte
  2. l’installazione di un nuovo gruppo di riduzione
  3. la rimozione delle vecchie condotte che non garantiscono più alti standard di sicurezza

Estensioni di rete sono in programma anche a Sommacampagna e a Caprino Veronese. Nel primo caso l’opera riguarda la metanizzazione della frazione di Zemine, mentre nel secondo di località Spiazzi.
 

Sicurezza al centro

Sempre in tema di sicurezza, Rete Morenica ha previsto nel suo piano anche diversi lavori per la messa a norma degli allacciamenti e dei misuratori. Questi ultimi, posati negli anni Sessanta, in diversi casi sono installati all’interno di abitazioni, in luoghi privi di sfiati che possano far confluire all’esterno eventuali dispersioni di gas. Una situazione di potenziale pericolosità che la società intende risolvere al più presto.

L’attenzione rivolta all’aspetto della sicurezza si evince anche dai risultati della periodica campagna di ispezioni e di ricerca perdite sulle infrastrutture. Campagna che quest’anno interessato la rete di Sommacampagna, dove l’attività di ricerca e individuazioni fughe è stata condotta con la tecnologia IR laser. Sono stati così ispezionati circa 87 chilometri di rete in bassa pressione e circa 23 di rete di media pressione. Le fughe riscontrate sono due, a testimonianza del buon stato di esercizio dell’infrastruttura.

 


Leggi anche

Attraverso la controllata Snam4Environment, il gruppo ha sottoscritto un accordo con Asja per acquisire un portafoglio di impianti esistenti e progetti di sviluppo nel campo del trattamento della FORSU e produzione del gas rinnovabile. L’operazione, del valore di 100 milioni di euro, rientra nella strategia di crescita di Snam nel biometano per contribuire allo sviluppo di una filiera chiave nel percorso di transizione ecologica del Paese…

Leggi tutto…

Sono entrate in esercizio le reti di distribuzione gas a servizio dei due comuni della provincia di Reggio Calabria. Le opere, completate alla fine dello scorso anno, hanno visto la posa di 18 chilometri di condotte e di 3,5 chilometri di allacciamenti per servire in totale oltre 1.200 utenze, delle quali il 90% nel territorio di Bova Marina e la parte restante in quello di Bova …

Leggi tutto…

Il Ministero della Transizione Ecologica ha dato il via libera alla valutazione di impatto ambientale per il metanodotto Val Tanaro – Valle Arroscia – Valle Impero. Il progetto prevede la costruzione di un gasdotto di 65 chilometri per collegare la rete di trasporto Energie Rete Gas in territorio piemontese e quella di Snam in Liguria, a beneficio di diversi comuni delle due regioni…

Leggi tutto…

Il Consorzio costituito da Ascopiave, Acea e Iren si è aggiudicato la gara indetta da A2A per la cessione di alcune concessioni gas ritenute non più strategiche per il Gruppo. Si tratta di asset situati in otto diverse regioni della Penisola, per un totale di 2.800 km di rete e circa 157.000 utenti serviti. Il closing dell’operazione, del valore di 126,7 milioni di euro, è previsto entro giugno…

Leggi tutto…

Lo smart meter gas 4.0 della multiutility, primo nel suo genere a livello internazionale per le funzionalità di sicurezza, è già pronto per la prima sperimentazione in rete con l’idrogeno e la sua realizzazione in plastica riciclata completa l’impegno per la transizione energetica e la circolarità. Oltre a essere dotato di tecnologia e funzioni d’eccellenza anche in termini di riduzione delle dispersioni di gas in atmosfera, infatti, il dispositivo è al centro della prima sperimentazione in Italia di uso dell’idrogeno nella distribuzione gas domestica…

Leggi tutto…