Iren acquisisce il gruppo San Germano e si rafforza nel settore ambiente

Il Gruppo Iren si rafforza ulteriormente nel settore ambiente. Attraverso la controllata Iren Ambiente, ha infatti perfezionato l’acquisizione dell’intera partecipazione nella società San Germano e nella sua controllata CMT, detenuta dal Gruppo Derichebourg, uno dei principali attori attivi nello stesso comparto.

San Germano, con sede a Pianezza (Torino), rappresenta un importante operatore con un forte know-how nella raccolta, trasporto rifiuti e igiene del suolo per una clientela costituita prevalentemente da soggetti pubblici. Vanta un fatturato di quasi 60 milioni di euro, conta circa 750 dipendenti e opera in oltre 150 comuni nelle regioni Piemonte, Sardegna, Emilia-Romagna e Lombardia per un portafoglio di quasi un milione di abitanti serviti e circa 250.000 tonnellate di rifiuti raccolti all’anno. CMT si occupa di raccolta, trattamento e smaltimento di carta, cartone e plastica, con un fatturato di circa 4 milioni di euro. La società ha in totale 35 dipendenti e 5 impianti, distribuiti in Piemonte (Pianezza, La Loggia, Sant’Ambrogio di Torino e Novara) e in Sardegna (Assemini).

Si tratta dunque di un’operazione strategica che, in linea con gli obiettivi definiti dal piano industriale rafforza la presenza di Gruppo Iren in due delle sue regioni di riferimento, il Piemonte e l’Emilia-Romagna, e consente di estendere l’attività a una nuova area, la Sardegna. «L’operazione favorisce il conseguimento di obiettivi di crescita industriale grazie anche all’acquisizione di maggiori capacità competitive nell’attività di raccolta, allo sviluppo delle attività di riciclaggio e a una crescita del fatturato sia nei territori di riferimento sia in nuove aree geografiche ritenute di interessante prospettiva», ha commentato l’amministratore delegato di Iren, Massimiliano Bianco.


Leggi anche

La candidatura dell’azienda, che gestisce il servizio idrico in 56 comuni del Piemonte, è stata accettata dall’associazione che riunisce 65 gestori da tutta Europa, 15 dei quali italiani. Un riconoscimento importante, che consentirà alla società di consolidare progetti e strategie sempre radicate nel territorio di riferimento, ma con un “respiro” e un terreno di confronto europeo…

Leggi tutto…

Lo dicono i dati che saranno pubblicati sul prossimo Blue Book, lo studio annuale promosso da Utilitalia sullo stato di salute di acquedotti e reti, anticipati dal presidente della Federazione, Giovanni Valotti. Nel meridione ancora reti con livelli di perdite del 50%, mentre stenta a decollare l’aggregazione tra gestori. Una situazione che si riflette sugli investimenti e, quindi, sullo stato delle infrastrutture …

Leggi tutto…

Saranno approvati a breve i progetti esecutivi per una serie di opere che il gestore del servizio idrico della provincia di Pavia realizzerà nel corso dell’anno sulle reti idriche e fognarie di Vigevano. Interventi frutto di una virtuosa collaborazione tra la municipalizzata Asm Vigevano, Pavia Acque e l’ufficio d’Ambito e che consentiranno di risolvere le criticità presenti nella cittadina …

Leggi tutto…

L’intervento progettato da Acque Bresciane, con un investimento di 1,8 milioni di euro, è indispensabile per mettere in sicurezza la doppia condotta in acciaio posata sul fondale del lago oltre 40 anni fa e aggredita dalla corrosione. A eseguire i lavori due squadre di sub della ditta Drafinsub di Genova, che operano in camera iperbarica a una profondità record di 186 metri …

Leggi tutto…

I ricercatori di Enea Portici hanno messo a punto un’innovativa soluzione che consente di stimare in tempo reale la presenza di sostanze nocive in un acquedotto. Nello specifico il sistema rileva e misura la concentrazione di trialometani, sottoprodotti dell’azione del cloro impiegato per potabilizzare l’acqua, consentendo una gestione tempestiva e più economica di un’eventuale emergenza …

Leggi tutto…