Iren: acquisizioni per 360 milioni negli ultimi tre anni


Si tratta di una cifra importante, che coincide grossomodo con i profitti realizzati dal gruppo tra il 2012 e il 2015. Lo sforzo più ingente è stato quello necessario per l’acquisizione di Trm, la società che gestisce il termovalorizzatore di Torino: per comprare il 100% delle azioni, Iren ha speso infatti 162 milioni di euro.
Più di 81 milioni è costato invece salire al 60% di Atena, l’azienda multiservizi di Vercelli. A questi si aggiungono i 50 milioni dell’acquisto di Amiat, la società che gestisce la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti a Torino e altri 15 milioni per rilevare il 45% di Gaia, che si occupa di smaltimento e trattamento ad Asti e provincia. Sempre in ambito ambientale, 6 milioni sono stati spesi per la discarica dei rifiuti speciali di Collegno e altri 3,5 per il trattamento dei rifiuti a La Spezia e nel Golfo del Tigullio.
Ma il gruppo ha investito anche sull’acqua: in questo settore l’operazione più rilevante è quella condotta su Acque Potabili di Torino, con una spesa intorno ai 34 milioni: 7 per comprare il 31% delle azioni e 26,5 per acquisire le concessioni del servizio idrico in 30 comuni del Nordovest.
Cifra, che ha consentito acquisizioni strategiche, che non comprende gli investimenti legati a queste operazioni. Ad esempio, la conquista del pacchetto di controllo di Atena di Vercelli è collegata a un piano industriale che prevede 100 milioni di investimenti, mentre ad Asti Iren investirà 40 milioni per posare la rete del teleriscaldamento.
Sfumata invece la possibilità di aggiungere un altro tassello a Genova: il Consiglio comunale si espresso negativamente sulla vendita del pacchetto di controllo di Amiu, l’azienda rifiuti locale, a Iren Ambiente. Un’operazione fortemente voluta dal sindaco della città, Marco Doria, per salvare la municipalizzata e i suoi lavoratori, ma che è stata respinta dal Consiglio con 19 voti contrari contro 16 a favore.


Leggi anche

Data la situazione di emergenza generata dalla diffusione del Coronavirus in Italia, ARERA blocca i distacchi per morosità per elettricità, gas e acqua. Fino a 1 miliardo per attuali e futuri interventi per consumatori, differite anche le più vicine scadenze previste dalla regolazione …

Leggi tutto…

Il gestore idrico toscano ha dato il via ai lavori per la sostituzione di oltre 1600 metri di condotte di distribuzione idrica nella frazione di Treggiaia del comune della provincia di Pisa. L’intervento punta a eliminare il rischio di perdite dovuto alla vetustà della rete esistente e sarà concluso entro la fine del prossimo luglio. Al suo termine la società procederà anche con il rinnovamento dell’adduttrice …

Leggi tutto…

Messo a punto da Amat e Ireti, il progetto prevede la posa di 9 chilometri di condotte tra Borgo Prino e il comune di Diano Marina per una spesa complessiva di 9,6 milioni di euro. L’opera permetterà di garantire l’approvvigionamento idrico della città ligure e di alcuni comuni limitrofi, messa a rischio dalla vecchia rete, che versa in pessimo stato ed è soggetta a frequenti e dannose rotture …

Leggi tutto…

Il gestore idrico dell’ambito Sarnese-Vesuviano ha avviato una serie di opere sulle infrastrutture idriche e fognarie nel comune del salernitano. Per quanto riguarda le prime, verranno posate in totale oltre 2,5 chilometri di tubazioni per migliorare la distribuzione dell’acqua potabile in alcune strade del centro e in alcune frazioni. Le seconde servono invece a completare lo schema fognario comunale, eliminando definitivamente gli scarichi superficiali in ambiente…

Leggi tutto…

L’intervento progettato da Amap prevede la posa di 3,3 chilometri di nuove condotte per aggirare il tratto dell’infrastruttura gravemente danneggiato da una frana. L’opera, dal costo di oltre 5 milioni di euro, permetterà di ripristinare l’originaria portata della dorsale che approvvigiona la città di Palermo con l’acqua attinta alla sorgente delle Madonie …

Leggi tutto…