Iren: al via l’estensione della rete di teleriscaldamento di Piacenza

Vanno avanti i lavori di estensione della rete di teleriscaldamento a Piacenza. Il progetto di Iren prevede la posa di ulteriori 10 chilometri di dorsali, dalle quali partiranno le ramificazioni che consentiranno di allacciare alla rete altri 100 edifici, pubblici e privati, cittadini. L’estensione dell’infrastruttura consentirà di raddoppiare le volumetrie servite, portandole dall’attuale milione di metri cubi a due milioni. In totale saranno altri 10.000 cittadini che potranno usufruire del servizio, che andranno ad aggiungersi ad altrettanti già serviti oggi attraverso i 20 chilometri di rete esistenti.
L’ampliamento del sistema darà inoltre un notevole contributo alla qualità dell’aria, riducendo il volume di emissioni di gas climalteranti. Secondo le stime di Iren si risparmieranno 6.400 tonnellate ogni anno di CO2 e 5,3 tonnellate di ossidi di azoto.
Tutto ciò anche grazie alla possibilità di sfruttare in modo sinergico e ottimizzato varie fonti di calore. Ad alimentare la rete sarà, infatti, in parte il calore recuperato dalla produzione di energia elettrica della Centrale Levante, in parte quello generato dalla termovalorizzazione dei rifiuti nell’impianto di Borgoforte, consentendo così di sfruttare razionalmente il calore prodotto da fonte cogenerativa e di ridurre l’impiego della centrale di integrazione situata in via Diete di Roncaglia. L’investimento previsto dalla multiutility nei prossimi anni per lo sviluppo del progetto è di circa 10 milioni di euro.


Leggi anche

Azzerare del tutto le emissioni di CO2 dei sistemi di teleriscaldamento entro il prossimo decennio. È il grande obiettivo che si è dato Fortum, società energetica finlandese, per la città di Espoo. Un lungo cammino che comincia con l’eliminazione degli attuali generatori fossili che alimentano la rete cittadina, grazie alla costruzione di una centrale a biomasse da 49 MW, che sarà completata per il 2020…

Leggi tutto…

Sarà la geotermia ad alimentare nel prossimo futuro la rete di distribuzione del calore di Aarhus, seconda città della Danimarca. È l’obiettivo dell’intesa tra l’amministrazione cittadina e AP Moller Holding, società quest’ultima che avvierà una campagna di esplorazioni per verificare la fattibilità del progetto. Secondo il programma, le prime trivellazioni saranno effettuate tra il 2019 e il 2020, mentre i primi impianti geotermici saranno costruiti a partire dal 2021…

Leggi tutto…

La società, specializzata nella produzione di energia da fonti rinnovabili, ha siglato un accordo con il Comune di Alcalá de Henares per la costruzione di un sistema di teleriscaldamento, interamente alimentato da energia green: solare e biomasse. Il sistema, che sarà completato per la fine del prossimo anno, fornirà calore a 12.000 famiglie e sarà realizzato con un investimento di 38 milioni di euro…

Leggi tutto…

Realizzato con il Politecnico di Milano, il report ha analizzato l’impatto a 360° di questi impianti sui territori. I risultati dicono che si tratta di una soluzione vincente sia sul piano ambientale, abbattendo le emissioni di CO2 e di polveri sottili, sia sul piano economico ed occupazionale: 1 euro fatturato dagli impianti genera un impatto sul sistema economico di 2,65 euro e per ogni lavoratore impiegato dal teleriscaldamento nascono 15,5 posti lungo tutta la filiera…

Leggi tutto…

Terna ha qualificato la Uvap di Ego alla quale è collegata la centrale di cogenerazione che alimenta la rete di distribuzione del calore. Ora può operare sul mercato del servizio di dispacciamento: l’energia elettrica prodotta sarà utilizzata dal gestore della rete nazionale per il bilanciamento della rete, fornendo una flessibilità a salire e a scendere di 8 MW …

Leggi tutto…