Iren avvia un nuovo impianto di accumulo per il teleriscaldamento di Torino

Tre grandi serbatoi in grado di mantenere l’acqua alla giusta temperatura per immetterla all’occorrenza nella rete di teleriscaldamento della città. È il nuovo impianto di accumulo per il sistema di teleriscaldamento di Torino realizzato da Iren. Un’opera costruita dalla multiutility in 5 anni con un investimento complessivo di 46 milioni di euro, dei quali 10 per l’impianto stesso e 36 per lo sviluppo della rete. L’impianto, il sesto in città, è stato realizzato nel quartiere Mirafiori Nord, in un’area dove un tempo sorgeva una vecchia centrale termoelettrica.
 

Ottimizzare la produzione

Il sistema è stato progettato e realizzato con l’obiettivo di rendere più efficiente e ancora più sostenibile la rete del teleriscaldamento. Nei grandi serbatoi viene infatti accumulata l’acqua, surriscaldata a una temperatura di 120 °C, nei momenti della giornata, solitamente le ore notturne, quando la domanda di calore è più bassa. Acqua che viene immessa nella rete quando la richiesta diventa alta, soprattutto al mattino. In questo modo permette di ottimizzare la produzione del calore. Ma non solo. Perché il tutto avviene in modo green.
 

Largo alle rinnovabili

Il sito è infatti costituito da:

  • 3 serbatoi di accumulo, ognuno dei quali alto 24 metri, che insieme permettono di stoccare circa 2500 metri cubi di acqua
  • una stazione di pompaggio composta da 3 elettropompe

A contribuire al funzionamento del sistema sono due impianti alimentati con fonti rinnovabili che affiancano quello principale. Uno è un sistema solare termico, installato a terra su un’area di 1400 metri quadri, con una potenza di 411 kW, connesso al sistema del teleriscaldamento del quartiere di Mirafiori Nord. Questo impianto fornisce parte del calore per mantenere l’acqua in temperatura. Il secondo è un impianto fotovoltaico da 45 kW di potenza, installato sul tetto dell’edificio, che invece fornisce l’elettricità necessaria per alimentare il sito.
 

Grandi benefici ambientali

Così il sito, grazie all’integrazione dei sistemi di accumulo con i sistemi di produzione da fonti rinnovabili, consente ogni anno una riduzione di emissioni in atmosfera di circa 8.000 tonnellate di CO2.

La realizzazione del nuovo impianto di Mirafiori Nord rientra nel progetto di sviluppo del teleriscaldamento destinato ai territori dove Iren opera. L’investimento è inserito nel Piano Industriale della multiutility, che prevede 835 milioni di euro di investimenti entro il 2030, dei quali 610 milioni destinati all’area metropolitana di Torino.

 


Leggi anche

I lavori, avviati a gennaio, riguardano la zona sud della città estense e permetteranno di raggiungere aree prima non servite, garantendo a nuovi cittadini di beneficiare di un servizio green, in quanto il sistema è in gran parte alimentato con energia geotermica. Il progetto di estensione ha riguardato la posa di oltre 1,5 chilometri di doppie condotte preisolate, con un investimento di 3,5 milioni di euro…

Leggi tutto…

Oltre che green, il sistema alimentato con energia geotermica a servizio del borgo senese è anche molto conveniente per i cittadini sotto il profilo dei costi. Il Comune ha rilevato come, prima della sua entrata in servizio, la spesa per riscaldare un’abitazione di 100 metri quadri fosse di 2000 euro l’anno, ora calata a 840 euro. …

Leggi tutto…

La società ha presentato il progetto esecutivo per estendere di ulteriori 6 chilometri la rete di distribuzione del calore. L’infrastruttura esistente si sviluppa per cica 13,5 chilometri ed è alimentata da una centrale di cogenerazione a biomasse. I lavori, suddivisi in 24 stralci, saranno realizzati in cinque anni con un investimento di 9 milioni di euro. L’ampliamento consentirà di collegare alla rete altre 500 utenze …

Leggi tutto…

Esperienza. È tutto racchiuso in questa parola il patrimonio di RS Ravetti Service. Sì, perché in fondo, come potremmo definire l’esperienza se non un patrimonio di conoscenze continuamente verificate e confermate sul campo? RS Ravetti Service è senza dubbio una realtà giovane, nata nel passato recente ma con il background di una società come Ravetti, leader indiscussa nella realizzazione di attrezzature per la foratura e l’intercettazione di condotte non solo in Italia ma nell’intero panorama europeo e con una crescente presenza in quello mondiale….

Leggi tutto…

Grazie all’intesa tra le due realtà, nella rete di teleriscaldamento a servizio del capoluogo lombardo verranno immessi 54 GWh termici generati dal sito di Enipower a San Donato Milanese per 20 anni. Una quantità di calore a basso impatto ambientale in grado di soddisfare il fabbisogno medio annuo di oltre 6.000 famiglie. …

Leggi tutto…