Iren: collocato con successo il nuovo Green Bond da 300 milioni di euro

Si è conclusa con successo la nuova operazione di finanza sostenibile di Iren. La multiutility ha infatti emesso un nuovo Green Bond del valore di 300 milioni di euro, il quarto in totale per un valore complessivo di 1,8 miliardi di euro. Questi investimenti la confermano come la prima società italiana attiva nei servizi di pubblica attività per numero di strumenti emessi in questo formato.

Il nuovo Green Bond 

I titoli hanno un taglio unitario minimo di 100.000 euro e scadono il 17 gennaio 2031. Inoltre, pagano una cedola lorda annua pari al 0,25 % e il prezzo di emissione è posto al 99,030%. Si prevede che il nuovo Green Bond sia quotato sul mercato e regolamentato dalla Borsa Irlandese (Euronext Dublin). E’ stato confermato che venga ammessa a negoziazione sul sistema “ExtraMOT PRO” organizzato e gestito da Borsa Italiana nel segmento dedicato agli strumenti di tipo green.

L’operazione è stata ben accolta dal mercato, facendo registrare una domanda complessiva superiore a 675 milioni di euro. Le adesioni sono pari al doppio dell’ammontare offerto e con un’elevata qualità, un’ampia diversificazione geografica e con una significativa partecipazione. Circa il 70% della domanda parte da investitori socialmente responsabili.

I nuovi progetti 

Le nuove risorse ottenute con l’operazione sono destinate a finanziare i progetti che concorrono al raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità definiti nel Piano Industriale al 2025, che prevede investimenti per 3,7 miliardi di euro. In particolare, si tratta di progetti focalizzati sul: 

  • recupero per dare nuova vita alla plastica
  • sviluppo del teleriscaldamento
  • miglioramento dei processi depurativi

Questi progetti concretizzano la visione di Multicircle Economy che caratterizza la strategia della multiutility, in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite al 2030.

Il valore delle azioni e delle strategie

Un impegno, quello di Iren nello sviluppo sostenibile, evidenziato anche dal recente ingresso nella A list del CDP, l’organizzazione no profit indipendente che a livello globale raccoglie, analizza e diffonde dati sulle performance ambientali di imprese, città, stati e regioni. CDP che ha riconosciuto il valore delle azioni e delle strategie messe in campo per:

  • ridurre le emissioni
  • mitigare i cambiamenti climatici
  • sviluppare un’economia a basse emissioni di carbonio

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 


Leggi anche

I lavori prevedono una serie di implementazione tecniche, di interventi sulla linea acque e sulla linea fanghi e la costruzione di nuove sezioni di processo, per portare la capacità di trattamento dagli attuali 4.000 a 7.000 abitanti equivalenti. Gli interventi, per un investimento di 2,5 milioni di euro, prenderanno il via in primavera per concludersi per la fine dell’anno o l’inizio del 2022…

Leggi tutto…

calcestruzzo

La protezione delle strutture in calcestruzzo, nuove ed esistenti, è diventata negli ultimi anni una tematica di assoluta rilevanza. Le cause di degrado più frequenti, come è noto, sono chimiche, fisiche, batteriologiche o meccaniche. Come fare dunque per rendere una struttura in calcestruzzo durevole e/o estenderne la vita utile? È possibile farlo attraverso l’utilizzo della tecnologia cristallizzante e di sistemi di impermeabilizzazione innovativi, sia per gli impianti di nuova costruzione che per il risanamento e ripristino di quelli esistenti….

Leggi tutto…

Imponente il volume di risorse previsto dal nuovo piano di investimenti 2020-2023 del gestore idrico pugliese per rendere più efficiente e sostenibile il servizio e proseguire il percorso di crescita della società. Quasi la metà della spesa è destinata al potenziamento e adeguamento degli impianti di depurazione, saranno oltre 100 quelli sui quali si interverrà, ma un’altra fetta rilevante andrà alla sostituzione delle reti per ridurre le perdite….

Leggi tutto…

I lavori, realizzati con 4,5 milioni di euro messi a disposizione da Regione Basilicata, hanno permesso di portare la capacità di trattamento da 28.000 a 34.000 abitanti equivalenti, adeguando l’impianto, che sorge in località Pantano, alle attuali normative. Si tratta infatti del primo dei tre interventi previsti sui depuratori necessari per fare uscire la città dalla procedura di infrazione comunitaria. …

Leggi tutto…

È quanto prevede il piano di investimenti 2020-2023, approvato alla fine dello scorso anno dall’Assemblea dei Soci del gestore del ciclo idrico della provincia di Cremona. Gli investimenti riguarderanno tutte le aree del sistema idrico in tutto il territorio provinciale: il 28% verrà utilizzato per la depurazione, il 32% nell’acquedotto, il 33% nella fognatura e il 7% in investimenti generali. …

Leggi tutto…