Iren e Politecnico di Torino insieme per decarbonizzare il teleriscaldamento

Sviluppare nuove soluzioni tecnologiche e modelli di business per rendere possibile la decarbonizzazione del teleriscaldamento. È con questo obiettivo che è nato Green District Heating, un nuovo gruppo di lavoro creato da Gruppo Iren e il Politecnico di Torino. Il gruppo di lavoro, composto da ricercatori e tecnici Iren, metterà a fattor comune competenze ingegneristiche, tecniche, gestionali per individuare e sviluppare le tecnologie necessarie per la transizione energetica guardando in primo luogo alla rete metropolitana della distribuzione del calore di Torino.

 

L’impegno nella decarbonizzazione

Il progetto rafforza la partnership tra le due realtà, sottoscritta a fine dello scorso anno dal presidente di Iren Luca Dal Fabbro e dal rettore del Politecnico Guido Saracco, entrando così nel vivo di una collaborazione stabile.

Tra i pilastri del proprio piano industriale del gruppo c’è proprio la decarbonizzazione, l’integrazione e l’accumulo di energia da fonti rinnovabili per le reti di teleriscaldamento. Un percorso che richiede l’approfondimento di diverse tematiche di frontiera altamente innovative, per il quale è fondamentale la collaborazione con un’accademia all’avanguardia come il Politecnico.

 

I temi da approfondire

Il gruppo di lavoro sarà ospitato negli spazi della Direzione Innovazione di Iren presenti all’interno dell’Energy Center del Politecnico. Inizialmente lavorerà con un orizzonte temporale di due anni, focalizzandosi su temi che spaziano dai data analytics al quadro regolatorio, dalla termodinamica all’analisi dei dati ambientali fino alla valutazione economica delle soluzioni per ottimizzare il mix energetico a servizio del teleriscaldamento.

«La partnership con il Politecnico evidenzia la volontà di investire in innovazione – ha commentato Giuseppe Bergesio, amministratore delegato Iren Energia. E valorizzare le eccezionali competenze tecnico scientifiche presenti tanto all’interno del nostro gruppo quanto nell’ateneo».

 

Una grande sfida

Anche per il Politecnico l’iniziativa rappresenta una sfida importante. «L’applicazione delle fonti energetiche rinnovabili al teleriscaldamento è un tema di grande rilevanza e vari Paesi nel nord Europa hanno già fatto molto in questo ambito – ha dichiarato Vittorio Verda, docente del Dipartimento Energia del Politecnico -. Qui la questione è molto più sfidante perché si tratta di intervenire su una infrastruttura di grande estensione già funzionante». Per cui per il docente si dovranno «superare gli approcci progettuali e gestionali tipici dei sistemi basati sui combustibili fossili, ma senza perdere di vista le problematiche di una rete estremamente complessa».

 

Un modello integrato di interazione accademia-impresa

Inoltre, il lavoro con Iren permetterà all’ateneo di applicare sul campo e mettere al servizio del territorio e della comunità le proprie competenze tecniche e di ricerca. Un’occasione importante per sperimentare un modello integrato di interazione con un’impresa.

«Vogliamo offrire alle imprese con cui collaboriamo un portfolio completo e ampio di competenze che fanno riferimento ad ambiti disciplinari diversi, in modo da poter meglio rispondere a problemi complessi quali quelli affrontati oggi da Iren – ha commentato il vice-rettore per la ricerca, Matteo Sonza Reorda -. Siamo convinti che questo approccio porterà significativi vantaggi sia all’azienda sia all’ateneo, contribuendo ad un’integrazione ancora più efficace del mondo universitario e di quello industriale».

 


Leggi anche

Procedono nel piccolo centro della val di Susa i lavori per realizzare il sistema di distribuzione del calore. A occuparsi della sua realizzazione e a gestire l’impianto è Meco Sauze, società creata da Metan Alpi ed Ecotermica Servizi. Alla fine dello scorso anno sono partiti i lavori per la posa della rete che si estenderà per 8 chilometri e da poco anche quelli per la centrale termica, che prevede anche una sezione alimentata a biomasse….

Leggi tutto…

Ora c’è anche il calore di scarto di tre realtà industriali del territorio ad alimentare il sistema che distribuisce energia termica alla cittadina dell’Alto Adige. Una strategia che ASM Bressanone vuole sfruttare ulteriormente, grazie a nuovi accordi con altre realtà produttive che potrebbero tradursi in realtà nel corso dell’anno, per continuare a diversificare le fonti energetiche, puntando sempre più su quelle rinnovabili e innovative, e affrancarsi dal metano….

Leggi tutto…

Rinnovo delle reti di media tensione e delle cabine secondarie: è quanto prevede il progetto della multiutility per rendere l’infrastruttura del capoluogo piemontese più resiliente e ridurre le interruzioni di servizio causate da eventi climatici. Gli interventi, per i quali è partito il bando, saranno conclusi entro il 2026 e sono finanziati per 33,1 milioni da fondi PNRR….

Leggi tutto…

Alperia Plus, proprietaria e gestore del sistema a servizio della città, conta di allacciare alla rete oltre 40 nuovi edifici quest’anno, per una potenza totale di 2 MW, per dare seguito al boom della domanda. Attualmente nuove estensioni sono in corso di realizzazione nel rione Europa Novacella e a Bolzano Sud, dove di recente presso la centrale già presente è stata installata una nuova caldaia da 8 megawatt….

Leggi tutto…

Meno della metà di quelli presentati sono i progetti per lo sviluppo del teleriscaldamento efficiente che hanno ottenuto i finanziamenti previsti dal PNRR, a causa delle poche risorse messe a disposizione. Per questo il presidente di FIPER, Walter Righini, ha inviato una missiva al ministro Pichetto Fratin per invitarlo a prendere in considerazione la possibilità di stanziare ulteriori fondi per promuovere la tecnologia. …

Leggi tutto…