Iren mette in esercizio il nuovo depuratore di Rapallo

Efficiente, all’avanguardia e modulare. Sono le principali caratteristiche del nuovo impianto di depurazione a servizio della cittadina di Rapallo, realizzato da Iren. Un impianto che, in più, rappresenta un virtuoso esempio di economia circolare. Ciò grazie alla possibilità di utilizzare l’acqua in uscita per l’irrigazione o per usi portuali.

Un gioiello tecnologico, perfettamente inserito nel contesto paesaggistico, frutto di un cospicuo investimento, pari a ben 39 milioni di euro. E di circa 4 anni e mezzo di lavori, fra opere per l’adeguamento del sito e del sistema fognario cittadino, interventi civili, linea di impianto vera e propria.
 

Le soluzioni tecnologiche

Il nuovo impianto sorge in un’area posta lungo la sponda destra del torrente Boate, a margine dei campi da golf e a circa 1 km dal casello autostradale. A tutti gli effetti, il depuratore si colloca quindi al di fuori del tessuto urbano. La sua struttura è stata progettata per inserirsi perfettamente nel contesto paesaggistico. Ciò grazie a una copertura sulla quale è previsto un parco pubblico a disposizione dei cittadini e due campi da paddle.

Per quanto riguarda i sistemi di trattamento, Iren ha scelto le più avanzate tecnologie disponibili. Il depuratore è stato infatti dotato del più moderno sistema di ultrafiltrazione a membrane (MBR – Membrana Bio Reactor). Una soluzione che garantisce l’abbattimento di tutti gli inquinanti con valori molto migliorativi rispetto a quanto previsto dalla normativa. L’utilizzo di questa tecnologia poi ha anche, inoltre, il vantaggio di ridurre di molto i volumi del comparto biologico, con una conseguente ottimizzazione degli spazi degli impianti stessi.
 

Il riuso delle acque trattate

Una scelta dettata dalla volontà di migliorare nettamente la qualità delle acque del Levante ligure, a beneficio di:

  • Rapallo
  • di tutte le attività turistiche del Levante della provincia di Genova

 

Obiettivo pienamente raggiunto

Le caratteristiche dell’acqua depurata sono tali da renderla idonea per il riutilizzo, oltre che nei processi dello stesso impianto, anche per usi di servizio che sarà possibile sviluppare. Utilizzi quali l’irrigazione dei vicini campi da golf e il lavaggio delle imbarcazioni e delle banchine del porto turistico, oltre che per la pulizia delle strade.
 

Funzionamento flessibile e modulare

Altra peculiarità del sistema è di essere stato progettato per un funzionamento flessibile e modulare, così da gestire la variazione di carico e di portata dovuti alla fluttuazione turistica. Una variazione consistente, considerando che l’impianto raccoglie i reflui di Rapallo e parte di Zoagli, che contano un totale di 30.000 residenti, ma che nei momenti di picchi turistici arrivano fino a 90.000.

Ma non solo. Il nuovo impianto scarica a mare a una profondità di 41 metri, attraverso una condotta sottomarina della lunghezza di 3 km. Condotta installata da una squadra di esperti specializzati nelle operazioni di posa subacquea delle tubazioni. È inoltre dotato di un sistema per il controllo degli odori che prevede il trattamento modulare dell’aria con tecnologia di filtrazione a secco, soluzioni che sono in grado di abbattere completamente l’impatto verso l’ambiente esterno.
 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 

 

 


Leggi anche

AqA – nata il primo aprile del 2021 dalla fusione di Tea Acque e AqA Mantova, è il nuovo gestore del servizio idrico integrato di oltre 300mila abitanti in 40 comuni della provincia di Mantova. Una società giovane, con radici solide, che vede nel 2022 la realizzazione di numerosi progetti nati negli scorsi anni, con la vocazione, fortissima, all’efficienza ambientale e all’efficienza operativa….

Leggi tutto…

AqA dal primo aprile di quest’anno è il nuovo gestore del servizio idrico integrato di oltre 300mila abitanti in 40 comuni della provincia di Mantova. La Società del Gruppo Tea nasce dalla fusione di Tea Acque e AqA Mantova. È un progetto che parte da lontano in cui la fusione tra le due anime idriche di Tea ha l’obiettivo di ottimizzare l’organizzazione del servizio in sé, ma anche di compiere un lungo passo in avanti nella direzione del gestore unico provinciale, di cui AqA è società veicolo come definito dagli enti competenti….

Leggi tutto…

Sarà realizzato con la tecnologia del microtunnelling il primo tratto del nuovo collettore fognario che il gestore realizzerà nella città e che consentirà di collegare un pezzo del centro storico ancora privo del servizio fognario al depuratore. La prima parte dei lavori prevede la posa di 500 metri di condotte, per una spesa di 2,5 milioni di euro…

Leggi tutto…

Il gestore idrico lucano, dopo aver concluso all’inizio dell’anno l’ammodernamento dell’impianto Pantano, ha dato il via al potenziamento del secondo impianto a servizio della città dei Sassi, che sorge in località Sarra. Il depuratore sarà dotato di impianto a ossidazione biologica e sarà adeguata sia la linea acque sia quella fanghi e la sua capacità portata a 27.500 abitanti. L’investimento per le opere è di 2,5 milioni di euro…

Leggi tutto…

L’intervento di abbattimento è l’atto simbolico che dà il via alla transizione ecologica del vecchio impianto, che verrà sostituito da quello totalmente carbon neutral e di nuova concezione che entrerà in funzione nella primavera del 2023. L’intera operazione è stata realizzata da Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano e da ZEROC, la nuova società che gestirà le attività della Biopiattaforma…

Leggi tutto…