Israele, Grecia e Cipro uniti nel nome del gas


Lo scorso gennaio a Nicosia, capitale della Repubblica di Cipro, il presidente Nicos Anastasiades, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il premier greco Alexis Tsipras hanno stretto un’importante partnership energetica. Al centro del summit, il progetto che prevede lo sviluppo di una nuova rotta energetica nel Mediterraneo. Il piano consiste nella costruzione di un gasdotto in cui far confluire le risorse di gas naturale di Cipro e Israele e la realizzazione in Grecia di un terminal da dove far partire le esportazioni verso l’Europa. Per verificare la fattibilità dell’opera è stato formato un comitato che studierà anche la possibilità di collegare le reti elettriche dei tre Paesi attraverso la posa di un condotto sottomarino e la messa in funzione di un centro di convergenza dei cavi nell’isola greca di Creta. Se le condizioni tecniche e ambientali saranno considerate idonee, i lavori potrebbero partire già il prossimo anno.

La partnership è destinata ad ampliarsi gradualmente anche ad altri settori strategici per le economie dei tre Paesi: gestione delle risorse idriche, turismo, sviluppo di alte tecnologie, ma anche una cooperazione per missioni di soccorso dei migranti che attraversano il Mediterraneo partendo dalle coste siriane e turche.

Nell’inquadrare la portata di questo accordo l’occhio non può che cadere però sull’illustre assente del vertice di Nicosia, la Turchia. Sia Netanyahu che Tsipras hanno specificato che l’intesa raggiunta “non andrà contro nessuno”, riferendosi al governo turco. Eppure, difficilmente i dissidi alla base delle tensioni tra Turchia da una parte e Grecia e Israele dall’altra verranno tenuti lontani da questa partnership.

Netanyahu e Tsipras sono certi che questo accordo permetterà di fare dei passi avanti quantomeno per rendere più sicura l’area del Mediterraneo che bagna le coste di Turchia e Siria. Ma Ankara, che da decenni si oppone allo sfruttamento di riserve di gas in mare aperto da parte del governo di Nicosia, non è dello stesso avviso e presto potrebbe mettersi di traverso per non restare tagliata fuori da questa nuova rotta energetica.


Leggi anche

Completare la trasformazione digitale delle infrastrutture e guidare la transizione energetica dando impulso allo sviluppo dei gas rinnovabili e all’efficienza energetica: questi sono i principali obiettivi del nuovo Piano strategico che aggiorna quello presentato lo scorso ottobre. Importanti risorse sono poi destinate alle acquisizioni e alle gare Atem per proseguire il programma di crescita …

Leggi tutto…

La società del gruppo Italgas ha completato e messo in esercizio le reti native digitali di distribuzione del metano in altri sette comuni nel Sud dell’isola: Sestu, Monastir, Guasila, Samatzai, Samassi, Piscinas e Tratalias. Di particolare rilevanza l’infrastruttura di Sestu, che sarà la principale rete di distribuzione collegata all’impianto Power to Gas per la produzione di idrogeno verde e permetterà di testare gli impieghi del gas green in ambito urbano…

Leggi tutto…

A dirlo un nuovo report dell’European Hydrogen Backbone, secondo il quale la domanda di idrogeno nell’Unione Europea e Regno Unito toccherà i 2.300 TWh entro il 2050. Tale domanda potrà essere soddisfatta dalla produzione interna di idrogeno verde e blu, coadiuvata dalle importazioni dai Paesi vicini. E i metanodotti si confermano l’infrastruttura più conveniente per il trasporto….

Leggi tutto…

La società si è aggiudicata la gara per la distribuzione nell’ambito territoriale che comprende il capoluogo campano e i comuni di Ercolano, Portici, San Giorgio a Cremano, Torre Annunziata e Torre del Greco. Una gara del valore di 650 milioni di euro, che rafforza la presenza di 2i Rete Gas in Campania, dove già distribuisce gas a oltre 252.000 utenze e, tramite Cilento Reti Gas, sta metanizzando 31 comuni….

Leggi tutto…

Consegnati i lavori per completare la metanizzazione della cittadina in provincia di Palermo. Si tratta del primo stralcio, che riguarda i quartieri di Sant’Antonio e via Lanza, del piano di estensione dell’infrastruttura, approvato dal Comune lo scorso marzo, del valore di 12,6 milioni. A eseguire l’intervento la ditta IN.CO Edile, per conto del concessionario BA.SE….

Leggi tutto…