Italgas alla conquista della distribuzione gas in Grecia

Italgas è pronta a espandersi in Grecia. La società italiana ha infatti ottenuto l’esclusiva per l’acquisizione del 100% del capitale azionario di Depa Infrastructure, la holding greca che raggruppa le attività della distribuzione gas nel Paese. Holding a sua volta controllata al 65% da Hellenic Republic Asset Development Fund, fondo istituito per gestire il programma di privatizzazioni elleniche e al 35% da Hellenic Petroleum (Helpe), una delle maggiori aziende energetiche della Grecia.
 

Una forte concorrenza

Nella gara internazionale per l’acquisizione della holding Italgas ha superato la forte concorrenza del fondo di private equity ceco, EP Investment Advisors. Lo scorso luglio era arrivato alla fase finale dell’operazione proprio con il gruppo italiano e di altri quattro investitori. Questi ultimi, selezionati con i primi due a comporre una lista a sei sono:

Un’operazione da 733 milioni

Si tratta di colpo importante messo a segno da Italgas. Depa Infrastructure controlla infatti i tre principali distributori del gas in Grecia. Più nello specifico detiene il:

  • 51% di Thessaloniki – Thessalia Gas Distribution (Eda Thess)
  • 100% di Attiki Natural Gas Distribution Single Member Company (Eda Attikis)
  • 100% di Public Gas Distribution Networks (Deda)

Il corrispettivo concordato per l’acquisizione del 100% del capitale di Depa Infrastructure è di 733 milioni di euro. L’operazione sarà finanziata interamente da Italgas ricorrendo a linee di finanziamento già impegnate. La firma degli accordi per l’acquisizione è subordinata al completamento degli ulteriori adempimenti previsti dalla procedura di gara e dalla normativa locale. Mentre il closing dell’operazione è previsto entro fine anno, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni, inclusa quella dell’autorità antitrust.
 

Sostenere la transizione energetica del Paese

Molto soddisfatto del risultato della gara, Paolo Gallo, Amministratore Delegato di Italgas.

«Siamo il partner ideale per supportare il governo greco nello sviluppo di una infrastruttura energetica chiave che permetterà al Paese di procedere rapidamente nel percorso di decarbonizzazione dell’economia, ha commentato il manager. E il know how e le tecnologie di Italgas saranno decisive per la modernizzazione dell’infrastruttura gas del Paese e per affrontare la sfida della transizione energetica.

«Grazie a una nuova generazione di reti “native digitali”, estese, flessibili e smart, sosterremo con il gas naturale il graduale abbandono di carbone e lignite promuovendo allo stesso tempo la transizione energetica verso fonti rinnovabili come biometano, e-gas e idrogeno verde – ha sottolineato Gallo -. Porteremo in Grecia l’esperienza e la capacità realizzativa che abbiamo maturato in quasi due secoli di storia, insieme alle competenze sviluppate nella trasformazione digitale della rete e nella Digital Factory che oggi pongono il Gruppo Italgas in una posizione di indiscussa leadership tecnologica nel settore a livello mondiale».

 


Leggi anche

Il gestore idrico ha messo a punto un programma di opere per abbattere le emissioni odorigene e migliorare l’efficienza dell’impianto nel comune costiero di Pietrasanta, in provincia di Lucca. Il progetto, del valore di 1,5 milioni di euro, prevede interventi che, oltre a risolvere, il problema incrementeranno la performance depurativa e consentiranno anche un importante risparmio energetico….

Leggi tutto…

Coinvolti nello scorso anno scolastico oltre 1700 ragazzi e ragazze: così il progetto – ancora in versione “on line” per le restrizioni Covid-19 – eguaglia e supera in termini di partecipazione l’ultima edizione in presenza. Successo di gradimento tra gli insegnanti interessati: la proposta didattica è “ottima” per il 76% e “buona” per il restante 24%….

Leggi tutto…

Con l’acquisizione della società veneta, il Gruppo Hera consolida ulteriormente la propria leadership nel settore ambiente. Da questa e le altre due operazioni analoghe effettuate nel primo semestre 2021 nell’ambito del trattamento rifiuti industriali, si stima un contributo consolidato al margine operativo lordo della multiutility per circa 20 milioni di euro….

Leggi tutto…

Rete fognaria ai raggi X per eliminare le acque cosiddette “parassite” e, quindi, migliorare le performance dei depuratori. È questo l’ambizioso progetto che ATS sta avviando nell’area dei 52 comuni del servizio idrico integrato. Si conta di partire già a novembre con la rete fognaria di Carbonera, per estendere poi il risanamento ad altre aree di tutto il territorio. In corso gli studi idraulici e i monitoraggi preventivi….

Leggi tutto…

Sviluppata su due linee di azione, comunicazione interna e welfare aziendale, l’App consente a oltre 2mila dipendenti di conoscere in tempo reale tutte le novità dell’azienda e sentirsi parte della squadra per garantire un servizio sempre più efficiente alla comunità….

Leggi tutto…