Italgas continua a crescere nei primi nove mesi dell’anno


Utili e ricavi in crescita per Italgas nei primi nove mesi dell’anno. Il gruppo guidato da Paolo Gallo ha visto l’utile netto crescere del 6,1% a 226,4 milioni di euro, mentre l’utile operativo (Ebit) si è attestato a 333,9 milioni, in aumento dell’8,9% rispetto al corrispondente periodo del 2017. In rialzo anche il margine operativo lordo (Ebitda) che tocca quota 629,2 milioni, in aumento di 51,3 milioni (+8,9%). Positivi anche i ricavi totali che ammontano a 880,7 milioni (+5,5%) generati, soprattutto, alle attività di distribuzione gas (858,6 milioni).
Numeri in linea con gli obiettivi del Piano Industriale 2018-2024, così come in linea con il programma sono gli investimenti, che per i primi nove mesi di quest’anno sono stati pari a 349,1 milioni di euro.
Una quota rilevante degli investimenti ha riguardato il piano di installazione degli smart meter in sostituzione dei misuratori tradizionali. Considerando anche le società partecipate non consolidate, nel periodo considerato ne sono stati installati 1.386 milioni, dei quali 1,258 milioni in sostituzione di misuratori tradizionali, portando il totale a 4.283 milioni, pari al 53,2% dell’intero parco contatori. L’installazione degli smart meter, che la società prevede di completare entro i primi mesi del 2020, è parte del progetto più complessivo di digitalizzazione della rete, per il quale sono stati già avviati circa 50 progetti pilota su tutto il territorio nazionale.
Con oltre 67.000 chilometri di rete gestiti e 7,5 milioni di punti di riconsegna (Pdr) serviti in 1.709 concessioni, Italgas si conferma principale operatore italiano della distribuzione gas, con una quota di mercato che supera il 34%, e di terzo operatore in Europa per numero di Pdr gestiti.


Leggi anche

È arrivato il via libera di Bruxelles alla creazione della joint-venture tra Snam e Società gasdotti Italia, che si occuperà della costruzione e gestione della Dorsale sarda, il grande gasdotto che garantirà l’approvvigionamento di metano a tutta l’isola. L’operazione, è il giudizio dei tecnici europei, non pone problemi sotto il profilo della concorrenza…

Leggi tutto…

La società ha siglato un memorandum of understanding con Beijing Gas, il maggior distributore e fornitore di gas naturale in Cina. L’accordo prevede lo studio di possibili progetti da sviluppare in comune, ma rappresenta per Snam un importante porta per entrare nel mercato della seconda economia mondiale, dove la domanda di gas è prevista in crescita del 60% al 2040…

Leggi tutto…

La giunta del comune che sorge nella parte settentrionale dell’isola di Ischia ha dato il via libera al progetto di costruzione della rete di distribuzione gas. Progetto presentato da Cpl Condordia che si era aggiudicata la concessione per la metanizzazione dell’Isola nel 2010. A questo scopo la cooperativa aveva costituito la società di scopo Ischia Reti Gas, ora ceduta a Italgas…

Leggi tutto…

Hanno preso il via i lavori per portare il servizio di distribuzione del metano a San Ginese di Compito e Castelvecchio di Compito, frazioni del comune di Capannori, in provincia di Lucca. Le opere, per un investimento complessivo di un milione di euro, prevedono la posa, rispettivamente, di 3,5 e circa 2 chilometri di condotte e saranno conclusi per la fine del prossimo gennaio…

Leggi tutto…

Il ministero dello sviluppo economico ha pubblicato l’avvio del procedimento di vincolo per l’esproprio dei terreni che saranno attraversati dal nuovo metanodotto. Fondamentale per rendere più flessibile il sistema di trasporto gas tra est e ovest della Penisola, il progetto di Snam consentirà di mandare in pensione la vecchia infrastruttura e prevede la posa di oltre 76 chilometri di condotte…

Leggi tutto…