Italgas continua a crescere nei primi nove mesi dell’anno


Utili e ricavi in crescita per Italgas nei primi nove mesi dell’anno. Il gruppo guidato da Paolo Gallo ha visto l’utile netto crescere del 6,1% a 226,4 milioni di euro, mentre l’utile operativo (Ebit) si è attestato a 333,9 milioni, in aumento dell’8,9% rispetto al corrispondente periodo del 2017. In rialzo anche il margine operativo lordo (Ebitda) che tocca quota 629,2 milioni, in aumento di 51,3 milioni (+8,9%). Positivi anche i ricavi totali che ammontano a 880,7 milioni (+5,5%) generati, soprattutto, alle attività di distribuzione gas (858,6 milioni).
Numeri in linea con gli obiettivi del Piano Industriale 2018-2024, così come in linea con il programma sono gli investimenti, che per i primi nove mesi di quest’anno sono stati pari a 349,1 milioni di euro.
Una quota rilevante degli investimenti ha riguardato il piano di installazione degli smart meter in sostituzione dei misuratori tradizionali. Considerando anche le società partecipate non consolidate, nel periodo considerato ne sono stati installati 1.386 milioni, dei quali 1,258 milioni in sostituzione di misuratori tradizionali, portando il totale a 4.283 milioni, pari al 53,2% dell’intero parco contatori. L’installazione degli smart meter, che la società prevede di completare entro i primi mesi del 2020, è parte del progetto più complessivo di digitalizzazione della rete, per il quale sono stati già avviati circa 50 progetti pilota su tutto il territorio nazionale.
Con oltre 67.000 chilometri di rete gestiti e 7,5 milioni di punti di riconsegna (Pdr) serviti in 1.709 concessioni, Italgas si conferma principale operatore italiano della distribuzione gas, con una quota di mercato che supera il 34%, e di terzo operatore in Europa per numero di Pdr gestiti.


Leggi anche

Dopo aver acquisito, lo scorso dicembre, il 60% del capitale azionario della società da CPL Concordia, Italgas ne completa l’acquisizione rilevando anche il restante 40% per circa 21 milioni di euro. Un’operazione strategica per rafforzarsi ulteriormente nel Sud Italia dove Egn conta complessivamente 37 concessioni per la distribuzione gas tra Sicilia, Calabria e Campania…

Leggi tutto…

La società di distribuzione gas del Gruppo Ascopiave avvierà a breve i nuovi cantieri per la posa di oltre 8 chilometri di condotte nel territorio del comune della provincia di Treviso. I lavori, per un costo di un milione di euro, verranno portati avanti da più squadre in contemporanea in modo da avere il nuovo tratto di infrastruttura pronto entro sette mesi. …

Leggi tutto…

La società ha stretto una partnership con l’americana Picarro per l’utilizzo in Europa di Picarro Surveyor, tra le soluzioni più evolute nel monitoraggio delle reti. Denominata CRDS (Cavity Ring-Down Spectroscopy) è una sofisticata sensing technology che, rispetto alle tradizionali, garantisce un controllo più rapido, approfondito e una maggiore sensibilità di rilevazione della presenza di gas…

Leggi tutto…

Lo ha dichiarato Paolo Gallo, fresco di riconferma nel ruolo di amministratore delegato della società, che ha anticipato che Italgas presenterà un’offerta non vincolante per il pacchetto della distribuzione gas dell’utility veneta. Ascopiave ha infatti avviato un riassetto dei suoi business puntando a cedere le attività di vendita di energia per focalizzarsi sulla distribuzione gas anche con partnership strategiche …

Leggi tutto…

La sperimentazione ha preso il via a Contursi Terme, in provincia di Salerno, con la fornitura a due realtà locali di una miscela di idrogeno al 5% e gas attraverso la rete di trasporto. Un passaggio cruciale verso gli obiettivi europei al 2050, in quanto l’idrogeno è una tecnologia chiave per la decarbonizzazione e lo stoccaggio delle fonti rinnovabili…

Leggi tutto…