Italgas è Gold Standard sulle emissioni di metano

Se la COP26 di Glasgow, la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, è stata deludente per quanto riguarda gli impegni nell’abbattimento delle emissioni di CO2, un risultato importante è stato conseguito per quanto riguarda le emissioni di metano. Nel corso della conferenza è stato infatti siglato l’accordo, il Global Methane Pledge, con il quale 105 nazioni si sono impegnate a ridurre entro il 2030 le emissioni di metano di almeno il 30%, rispetto ai livelli del 2020. Un impegno significativo, in quanto proprio il metano rappresenta il secondo più importante gas serra dopo l’anidride carbonica. Su questo fronte particolarmente virtuosa è Italgas.
 

Premiati target e strategie per il taglio delle emissioni

L’azienda ha ricevuto il riconoscimento Gold Standard nella prima edizione del report An Eye on Methane. Si tratta dello studio annuale dell’International Methane Emissions Observatory (IMEO), rilasciato dallo United Nations Environment Programme (UNEP) con il supporto della Commissione Europea.

Il report ha valutato positivamente Italgas per aver fissato target importanti di riduzione delle emissioni e definito piani dettagliati per la loro misurazione diretta. Secondo lo studio, il piano di implementazione dell’azienda presenta obiettivi concreti e tempistiche coerenti per il loro raggiungimento.
 

Un impegno su due fronti

Più nello specifico, l’impegno di Italgas agisce in due direzioni. In primo luogo, per ridurre le proprie emissioni dirette la società ha implementato specifici programmi di sostituzione e manutenzione degli asset. Questo permetterà di ridurre la possibilità di future emissioni.

Inoltre, ha introdotto soluzioni tecnologiche all’avanguardia per il loro rilevamento. Come il sistema per il monitoraggio delle reti basato sulla tecnologia CRDS (Cavity Ring-Down Spectroscopy) di Picarro. Una soluzione che, rispetto alle tecnologie tradizionali, è molto più rapida, garantisce un’elevata sensibilità nella rilevazione e ampiezza di aree controllabili.

L’altro aspetto dirimente riguarda l’adesione di Italgas, fin dal suo lancio nel 2014, all’iniziativa OGMP 2.0 (Oil&Gas Methane Partnership). Si tratta di un’iniziativa, lanciata dall’UNEP e dalla Climate and Clean Air Coalition, per aiutare le aziende a ridurre le emissioni di metano nel settore petrolifero e del gas. L’iniziativa fornisce una piattaforma che garantisce che le emissioni di metano delle realtà aderenti siano gestite in modo responsabile.

 


Leggi anche

La società del gruppo Italgas ha completato e messo in esercizio le reti native digitali di distribuzione del metano in altri sette comuni nel Sud dell’isola: Sestu, Monastir, Guasila, Samatzai, Samassi, Piscinas e Tratalias. Di particolare rilevanza l’infrastruttura di Sestu, che sarà la principale rete di distribuzione collegata all’impianto Power to Gas per la produzione di idrogeno verde e permetterà di testare gli impieghi del gas green in ambito urbano…

Leggi tutto…

La società si è aggiudicata la gara per la distribuzione nell’ambito territoriale che comprende il capoluogo campano e i comuni di Ercolano, Portici, San Giorgio a Cremano, Torre Annunziata e Torre del Greco. Una gara del valore di 650 milioni di euro, che rafforza la presenza di 2i Rete Gas in Campania, dove già distribuisce gas a oltre 252.000 utenze e, tramite Cilento Reti Gas, sta metanizzando 31 comuni….

Leggi tutto…

Consegnati i lavori per completare la metanizzazione della cittadina in provincia di Palermo. Si tratta del primo stralcio, che riguarda i quartieri di Sant’Antonio e via Lanza, del piano di estensione dell’infrastruttura, approvato dal Comune lo scorso marzo, del valore di 12,6 milioni. A eseguire l’intervento la ditta IN.CO Edile, per conto del concessionario BA.SE….

Leggi tutto…

L’amministrazione comunale del borgo della provincia di Imperia ha pubblicato l’avviso per la progettazione, l’estensione e la gestione della rete di distribuzione del metano nel suo territorio, attualmente servito dal GPL. La concessione avrà una durata di 15 anni e il termine ultimo per la presentazione delle proposte è fisato a prossimo 30 giugno. …

Leggi tutto…

A portare il metano nel piccolo borgo del viterbese sarà 2i Rete Gas, realizzando un collegamento che permetterà di derivare il gas dall’infrastruttura presente nel vicino comune di Acquapendente. La derivazione andrà ad alimentare la rete attualmente a GPL presente a Proceno, che sarà convertita alla distribuzione del metano….

Leggi tutto…