Italgas e Jemena: una partnership per la trasformazione delle reti

Mettere a fattor comune le reciproche conoscenze ed esperienze nella gestione delle reti per far evolvere ulteriormente il settore della distribuzione gas e affrontare al meglio le nuove sfide che attendono il comparto, a partire da quella decarbonizzazione. Nasce con questi obiettivi la collaborazione tra Italgas e Jemena, principale operatore australiano delle infrastrutture energetiche.
Nasce così una partnership tra due realtà di primo livello nel comparto: Jemena gestisce oltre 25.000 chilometri di rete nel New South Wales, Italgas 73.000 nella Penisola. E che avrà come principale focus l’innovazione tecnologica.

Al centro l’innovazione

La collaborazione e lo scambio di conoscenze tra le due aziende interesserà infatti tutte le principali tematiche che riguardano l’immediato futuro della distribuzione gas. A partire dalle soluzioni digitali per la trasformazione delle infrastrutture gas in vettori e sistemi di stoccaggio di gas rinnovabili:

  • idrogeno
  • biometano
  • metano sintetico

Altro tema rilevante è quello dei sistemi intelligenti di metering. Particolare attenzione ai misuratori smart di ultima generazione, ma anche alla sensoristica integrata e all’impiantistica al servizio delle reti.

Focus sulla tecnologia Power to Gas

Italgas e Jemena si confronteranno anche sull’affidabilità e sulla sicurezza delle infrastrutture, con riferimento in particolare ai sistemi di monitoraggio per il contenimento delle emissioni fuggitive di metano. Infine, non mancheranno scambi di esperienze anche in merito all’aspetto della customer experience.

La collaborazione consentirà, inoltre, a Italgas e Jemena di fare il punto sui rispettivi piani di sviluppo di nuove tecnologie, a cominciare dal Power to Gas. In questo ambito, infatti, entrambe le società hanno messo in cantiere la realizzazione di progetti pilota: Italgas nel Sud della Sardegna e Jemena a Sidney. Obiettivo di tali progetti è, in primo luogo, testare come il surplus di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili possa essere stoccato e movimentato sotto forma di gas rinnovabili. Per poi capire come questi stessi gas possano essere messi a disposizione per utilizzi nel campo domestico, commerciale e di trasporto.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 


Leggi anche

Con un investimento di 3,5 milioni di euro sarà realizzata la metanizzazione della Piana Reatina, un’opera attesa dal 2012. Il progetto elaborato da Centria e approvato la scorsa estate dal Comune di Rieti è suddiviso in 4 lotti e prevede la posa di 25 km di condotte. Alla sua conclusione, prevista fra circa un anno, saranno oltre 350 i nuclei familiari ai quali sarà esteso il servizio di distribuzione….

Leggi tutto…

L’aggiudicazione dell’Atem Torino 1 permette alla società di dare continuità al servizio di distribuzione gas nel territorio nel quale è nata e dove opera da quasi due secoli. Soprattutto, di attivare un piano di investimenti per 330 milioni di euro, per ammodernare 340 km di rete, estendere l’infrastruttura alle aree non ancora raggiunte dal servizio, installare 250.000 smart meter di nuova generazione e dare un contributo alla decarbonizzazione del trasporto locale….

Leggi tutto…

Con l’ok da parte dell’amministrazione comunale al progetto del valore di 12,6 milioni di euro messo a punto dal gestore BA.SE si sblocca il processo per arrivare alla completa metanizzazione di Bagheria. Un iter partito nel 2006 e poi interrottosi. Un’opera attesa da anni per la quale ora il gestore potrà partecipare a bandi e ricercare finanziamenti o cofinanziamenti pubblici indispensabili per la sua realizzazione. …

Leggi tutto…

La società del Gruppo Italgas ha completato la conversione della rete a servizio del comune sassarese, prima alimentata a GPL, e messo in esercizio un deposito criogenico di gas naturale liquefatto che la alimenta. L’operazione segue a quelle già realizzate a Putifigari, Berchidda e Ittireddu. A breve saranno completate anche le conversioni delle reti di Urzulei e, entro fine aprile, di Perdasdefogu, Usini, Uri e Ozieri…

Leggi tutto…

È quanto prevede il nuovo piano industriale 2021-2030 Life is our Duty, focalizzato sull’economia circolare e sulla transizione energetica, con investimenti, rispettivamente, per 6 e 10 miliardi di euro, per contribuire al conseguimento degli obiettivi di sostenibilità dell’ONU e al rilancio economico del Paese. Tra i target, ridurre del 20% delle perdite idriche, portare la capacità installata di rinnovabili a 5,7 GW, e recuperare ulteriori 4,4 milioni di tonnellate di rifiuti …

Leggi tutto…