Italgas estende la rete del quartiere Farina a Crotone

Prosegue l’attività di metanizzazione a Crotone da parte di Italgas, principale operatore italiano della distribuzione gas. L’azienda e l’amministrazione comunale della città calabrese hanno siglato l’accordo per realizzare la rete gas a servizio di Farina, quartiere ad alta densità abitativa che sorge nella zona Sud della città.

Le due realtà hanno interamente condiviso il progetto e la realizzazione dell’opera, che prevede la posa di ulteriori 5.000 metri di rete di distribuzione di gas naturale, che si aggiungono ai 1.500 metri già realizzati. In questo modo la copertura del servizio di distribuzione sarà garantita all’80% delle unità abitative presenti nel rione: l’obiettivo è di estendere al più presto la rete a tutto l’abitato. Ma il progetto non si ferma qui. Comune e Italgas stanno già ragionando anche su altre estensioni del servizio in città. In particolare, l’estensione dell’infrastruttura interesserebbe quartieri come Poggio Pudano, Margherita, Capocolonna, Gabella. Zone dove ci sono nuovi insediamenti abitativi e dove sarà importante per le famiglie avere la disponibilità di accesso al servizio.

Oltre a fornire al quartiere la rete per usufruire del metano, i lavori di Italgas renderanno Farina già pronta ad accogliere le nuove tecnologie di telecomunicazione. In base all’accordo con il Comune, infatti, insieme alla posa delle condotte, i tecnici della società realizzeranno anche le predisposizioni per gli operatori che vorranno installare la fibra ottica, un ulteriore servizio offerto alla cittadinanza.


Leggi anche

Sede Estra

Lo scorso anno è stato particolarmente positivo per la multiutility dell’energia e dei servizi ambientali, grazie al miglioramento e all’estensione delle performance di tutti i settori di business. Il bilancio consolidato, approvato dal consiglio di amministrazione, ha registrato un incremento dei ricavi del 18% rispetto all’anno precedente, sfiorando il miliardo di euro. Su del 35% anche il margine operativo lordo, pari a 37,8 milioni, e addirittura del 117% l’utile netto pari a 16,7 milioni…

Leggi tutto…

Lo rivela la nuova edizione dello studio realizzato da Guidehouse per Gas for Climate, il consorzio europeo costituito da 12 realtà attive nelle infrastrutture del gas naturale e nel gas rinnovabile di 9 Paesi, tra le quali Snam e Consorzio italiano biogas. In base allo studio, l’immissione nelle reti europee di almeno il 10% tra biogas e bioidrogeno, combinato con l’aumento di elettricità da fonti green, permetterebbe di abbattere del 55% le emissioni di CO2 entro il 2030, con importanti risvolti economici e occupazionali…

Leggi tutto…

L’assemblea dei soci della società, che amministra gli asset idrici e della distribuzione gas di 30 comuni della provincia di Forlì-Cesena, ha dato l’ok al bilancio 2019, che porta nelle casse dei comuni soci 2,2 milioni di dividendi. Importanti anche gli investimenti realizzati, pari a 20 milioni. Ora la società punta ad allargare il raggio d’azione all’illuminazione pubblica, per renderla più efficiente e sostenibile …

Leggi tutto…

RS Ravetti Service affianca le aziende e le utility direttamente in cantiere, con i suoi macchinari e le squadre di intervento, supportando le operazioni di foratura e intercettazione delle linee in pressione. Nel 2019 ha collaborato, tra l’altro, con Italgas e con Gesam per portare a termine in modo efficace e rapido interventi sulle rispettive reti delle due aziende distributrici di gas …

Leggi tutto…

Il sistema sviluppato e gestito da Hera ha appena ottenuto la certificazione Carbon Footprint rilasciata da Sgs per il suo basso impatto ambientale. Alimentato per il 90% con energia termica da fonte geotermica e con il recupero di calore del termovalorizzatore cittadino, il sistema, come rilevato da uno studio condotto da Ergo, emette solo 122 g di CO2 per ogni kWh termico immesso in rete…

Leggi tutto…