Italgas investe nelle tecnologie per la rilevazione gas

Si rafforza la partnership tra Italgas e Picarro, l’azienda tecnologica americana tra i principali sviluppatori e fornitori di soluzioni avanzate per il monitoraggio delle reti di distribuzione del gas e per settori che richiedono rilevazioni estremamente sensibili. Il colosso italiano della distribuzione gas ha acquisito una quota di minoranza del capitale della società californiana, divenendo così l’unico partner industriale nell’azionariato dell’azienda. Un’operazione, del valore di 15 milioni di dollari, che permetterà a Italgas di contribuire all’ulteriore sviluppo della soluzione tecnologica per la misurazione delle emissioni fuggitive di metano, al centro degli obiettivi europei per la decarbonizzazione.
 

Tecnologie per la sostenibilità

In questo ambito Italgas punta a ridurre del 30% le emissioni climalteranti al 2027. Nel raggiungimento di tale target anche le soluzioni di Picarro giocheranno un ruolo cruciale. L’azienda italiana, già dal 2019, utilizza il sistema CRDS (Cavity Ring-Down Spectroscopy) sviluppato da Picarro. Una sofisticata sensing technology che offre importanti vantaggi in termini di:

  1. rapidità di svolgimento
  2. ampiezza delle aree sottoposte a controllo

Ciò attraverso la realizzazione di specifici dispositivi veicolari che, associati a software avanzati, garantiscono una sensibilità di rilevazione della presenza di gas nell’aria di tre ordini di grandezza superiori a quelli attualmente in uso dagli operatori del settore (parti per miliardo contro parti per milione).
 

Localizzazione puntuale e rapida delle dispersioni

La tecnologia CRDS non impone al veicolo di seguire il tracciato della tubazione interrata, ovviando così al problema di possibili ostacoli presenti lungo il percorso. Amplia in maniera esponenziale il volume dell’area fuori-terra monitorata, fino a 150-200 metri di larghezza e 5-8 metri in altezza.

Inoltre, il software permette di rilevare, oltre al metano, anche la presenza di etano, dando così un dato più accurato sulla quantità di molecole di gas presenti nell’aria. Queste informazioni, incrociate con quelle relative alla direzione e alla velocità del vento e con le rilevazioni geo-referenziate, permettono di fornire in tempi rapidi e con elevata precisione la localizzazione della possibile origine della dispersione.
 

Una partnership strategica

Il rafforzamento della partnership conferma dunque il forte impegno di Italgas nella riduzione delle emissioni fuggitive di metano. In più la società promuoverà l’uso della tecnologia Picarro anche presso gli altri operatori internazionali della distribuzione gas.

«Con questa operazione rafforziamo una partnership strategica che negli ultimi anni ci ha permesso di rendere più efficace ed efficiente l’attività di monitoraggio dei nostri 74.000 chilometri di reti in Italia – ha commentato Paolo Gallo, amministratore delegato di ItalgasCon Picarro potremo supportare in maniera ancora più determinante il percorso di decarbonizzazione del nostro settore, attraverso la misurazione e, quindi, la riduzione delle emissioni climalteranti, in linea con gli obiettivi europei».

 

 


Leggi anche

La multiutility partecipata dai comuni del Monferrato ha presentato il progetto per portare il servizio di distribuzione del metano alle aree della cittadina non ancora raggiunte. I lavori, suddivisi in tre lotti, prenderanno il via nella seconda parte dell’anno e vedranno in totale la posa di oltre 5,3 chilometri di condotte per un investimento di circa 2 milioni di euro …

Leggi tutto…

La società del Gruppo Italgas ha completato il passaggio dal GPL al gas naturale per i comuni di Tortolì, Girasole, Loceri e Talana, in provincia di Nuoro, convertendo 84 chilometri di rete. Sale così a 34 il totale dei comuni convertiti in tutta l’isola, su 36 previsti dal programma. Programma che sarà concluso in primavera quando avverrà la conversione di Gairo Taquisara e Cardedu …

Leggi tutto…

Attraverso la controllata Snam4Environment, il gruppo ha sottoscritto un accordo con Asja per acquisire un portafoglio di impianti esistenti e progetti di sviluppo nel campo del trattamento della FORSU e produzione del gas rinnovabile. L’operazione, del valore di 100 milioni di euro, rientra nella strategia di crescita di Snam nel biometano per contribuire allo sviluppo di una filiera chiave nel percorso di transizione ecologica del Paese…

Leggi tutto…

Sono entrate in esercizio le reti di distribuzione gas a servizio dei due comuni della provincia di Reggio Calabria. Le opere, completate alla fine dello scorso anno, hanno visto la posa di 18 chilometri di condotte e di 3,5 chilometri di allacciamenti per servire in totale oltre 1.200 utenze, delle quali il 90% nel territorio di Bova Marina e la parte restante in quello di Bova …

Leggi tutto…

Il Ministero della Transizione Ecologica ha dato il via libera alla valutazione di impatto ambientale per il metanodotto Val Tanaro – Valle Arroscia – Valle Impero. Il progetto prevede la costruzione di un gasdotto di 65 chilometri per collegare la rete di trasporto Energie Rete Gas in territorio piemontese e quella di Snam in Liguria, a beneficio di diversi comuni delle due regioni…

Leggi tutto…