Italgas perfeziona l’acquisizione della maggioranza di Toscana Energia

È arrivato l’ok dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato all’acquisizione della maggioranza azionaria di Toscana Energia da parte di Italgas. Il parere positivo dell’Autority ha consentito al maggior operatore della distribuzione gas italiano di perfezionare il trasferimento di 2.897.778 azioni, corrispondenti al 1,98% del capitale sociale di Toscana Energia, portando così la quota azionaria detenuta dal 48,68% al 50,66%.

Le azioni acquisite sono quelle cedute da cinque comuni della provincia di Pisa, ovvero Bientina, Buti, Calcinaia, Casciana Terme Lari e Palaia. Un’operazione il cui valore, sebbene non sia stato reso noto, dovrebbe aggirarsi sui 17 milioni di euro. 

Ora entrerà in vigore il nuovo statuto di Toscana Energia, approvato dall’assemblea straordinaria del 28 giugno dello scorso anno, in cui è stata cancellata la previsione che la maggioranza della società sia in mano pubblica.

Toscana Energia è il principale operatore nel settore della distribuzione del gas naturale in Toscana, con una Rab (Capitale investito regolatorio) a fine dello scorso anno di circa 833 milioni di euro. È titolare di 102 concessioni gas, gestisce circa 8000 chilometri di rete che servono circa 800.000 utenze e nell’ultimo anno ha distribuito oltre 1,1 miliardi di metri cubi di gas naturale. Il Bilancio consolidato 2018 ha evidenziato ricavi totali per 148 milioni di euro, un margine operativo lordo (Ebitda) pari a 104 milioni di euro, un utile operativo (Ebit) di 58 milioni di euro e un utile netto dopo le tasse pari a 41 milioni di euro. Il suo indebitamento finanziario netto, sempre a fine 2018, ammontava a 398 milioni di euro.


Leggi anche

La società ha portato al 10% il livello di idrogeno in volume immesso nella sua infrastruttura a Contursi, in provincia di Salerno. L’operazione fa seguito alla sperimentazione avviata ad aprile che comprende la fornitura diretta di una miscela di gas e idrogeno a due realtà industriali del territorio. Un altro passaggio cruciale verso lo sfruttamento di un combustibile che potrà avere un ruolo chiave nel processo di decarbonizzazione…

Leggi tutto…

Questo il nuovo nome della realtà nella quale sono confluite le attività di distribuzione acqua e gas del gruppo Acsm Agam, dopo la fusione tra Acsm Agam reti gas acqua e Lario Reti Gas. La società gestisce oltre 2650 chilometri di rete nelle province di Varese, Como, Monza, Lecco e Treviso e più di 1700 chilometri di infrastrutture idriche in 37 comuni nelle province di Varese e Como…

Leggi tutto…

Assegnata a Italgas la gara per la distribuzione gas nell’Atem Valle d’Aosta, che comprende 74 comuni e circa 20.000 punti di riconsegna. La società ha superato le concorrenti Megareti ed Energie des Alpes grazie a un’offerta che prevede il raddoppio della rete, attualmente di 350 km, e del numero delle utenze e diversi interventi di innovazione tecnologica su tutta l’infrastruttura…

Leggi tutto…

Avviata a fine luglio, la partnership tra i due gruppi è stata perfezionata a fine 2019. Frutto dell’operazione, insieme al riassetto delle attività di distribuzione gas delle due realtà, la nascita di EstEnergy, che si occuperà della vendita di gas ed elettricità in Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Lombardia e con oltre un milione di clienti rappresenta il maggior operatore energy del Nord Est …

Leggi tutto…

Con la firma del contratto di servizio giunge a conclusione definitiva l’iter per la prima gara per la concessione del servizio fatta con il metodo degli Atem. Servizio che interessa 49 comuni della prima e seconda cintura del capoluogo piemontese per 12 anni, che Italgas si era aggiudicato lo scorso aprile con un’offerta di 200 milioni e un programma di investimenti che prevede, tra l’altro, il rinnovo di 180 km di rete e la posa di altri 150 km di nuove condotte…

Leggi tutto…