IWS: Una rete per fare impresa


I temi che abbiamo voluto trattare in questa edizione di H2O sono quelli indicati da ARERA e sono i macroindicatori che vanno dall’M1 all’M6 e che riguardano tutto ciò che comporta l’ottimizzazione della risorsa idrica: dalla riduzione delle perdite fino alla garanzia del servizio al cittadino, al monitoraggio dei parametri di qualità fino all’attenzione alle reti fognarie per evitare le esondazioni, piuttosto che il contenimento della produzione di fanghi e la garanzia che l’acqua d’uscita dai depuratori sia ampiamente depurata. Questi sei macroindicatori sono i temi che abbiamo affrontato nel corso della due giorni dei nostri Seminari”, ha commentato Franco Masenello, socio fondatore B.M. Tecnologie Industriali | 2f Water Venture e coordinatore rete d’impresa IWS.

I rappresentanti delle maggiori water utilities italiane ed estere si sono dati appuntamento ai Seminari IWS per approfondire competenze, tecnologie di processo e progettazione per un servizio idrico integrato sempre più attento ed efficiente. Ad avvalorare le tematiche illustrate nell’arco delle due giornate, il rilascio da parte del Consiglio Nazionale degli Ingegneri dei crediti formativi distinti per giornata di presenza. Nel corso della prima giornata, le Utility presenti si sono confrontate su differenti ambiti: Acqualatina SpA ha illustrato i benefici nel monitoraggio quali e quantitativo delle reti fognarie. MM SpA ha condiviso la ricerca
delle portate anomale delle fognature della città di Milano. Tea Acque ha presentato un piano per la gestione delle acque per la città di Mantova. Sul fronte distrettualizzazione della rete idraulica, Gruppo CAP e AcegasApsAmga hanno presentato i risultati ottenuti effettuando un’analisi e ricerca delle perdite idriche. Hera ha invece posto l’attenzione sull’importanza della sostenibilità presentando il progetto WRRFs (Water Resource Recovery Facilities).

Nella seconda giornata dei Seminari IWS, Gruppo CAP e Piave Servizi hanno posto l’attenzione sull’importanza dell’utilizzo dell’Early Warning System applicato alla rete acquedottistica, mentre MM SpA ha illustrato i benefici del monitoraggio permanente nell’impianto di depurazione di Milano San Rocco. Accanto alle tematiche di gestione e programmazione sono state affrontate anche tematiche finanziarie ponendo l’attenzione sul caso “Idrobond” presentato dall’ideatore il dott. Francesco Pareti. 

Anche i dati affluenza e presenza ai Seminari IWS sono soddisfacenti. Per una due giorni di incontri l’affluenza complessiva è stata di circa 300 partecipanti, altamente profilati ed interessati a conoscere, condividere e confrontarsi sulla gestione di un sistema idrico sempre più integrato che deve tener conto delle reti acqua, fognatura, depurazione e potabilizzazione.


Leggi anche

Rete Ronsas è la rete di impresa costituita dal gestore idrico pugliese con Green Ecol e Agrosistemi per sperimentare nuove tecniche per trasformare i fanghi di depurazione dei reflui urbani in fertilizzante correttivo dei suoli agrari. Finanziata da Regione Puglia con un milione di euro, la sperimentazione sarà effettuata negli impianti di depurazione di Foggia e Barletta …

Leggi tutto…

Il grande piano di interventi prevede la realizzazione dell’acquedotto, con la posa di 45 chilometri di condotte, delle reti fognarie, dell’estensione di 38 chilometri, e di due depuratori a servizio del comune bresciano e delle sue frazioni. I lavori, suddivisi in sei lotti, prenderanno il via a fine novembre e proseguiranno per 5 anni…

Leggi tutto…

Anche quest’anno Gruppo CAP sarà presente a Ecomondo, per presentare i progetti e le sperimentazioni più recenti e per rendere trasparenti e tangibili i risultati che si possono raggiungere in termini di innovazione per la tutela dell’ambiente. Alla fiera leader della circular e green economy, lo stand di Gruppo CAP è nel padiglione D1 – Global Water Expo – corsia 2, stand 34

Leggi tutto…

Inserito nel sistema del trattamento dei reflui a servizio della città di Brescia e di alcuni paesi della sua provincia, l’impianto, costruito con un investimento di 700.000 euro, è alimentato con biogas generato dal processo di depurazione. Produce energia elettrica e termica da utilizzare nello stesso processo, garantendo un risparmio sui consumi ed evitando l’emissione di 850 t di CO2 annue …

Leggi tutto…

Il gestore idrico delle province di Massa-Carrara, Lucca e Pistoia ha chiuso il contratto di finanziamento che porterà nelle sue casse le risorse necessarie per realizzare il Piano di interventi al 2022, che comprende lavori per 112 milioni sulle reti acquedottistiche e fognarie e sui depuratori. All’operazione, oltre alle 7 banche che si sono aggiudicate il bando, partecipano anche la Bei e Cassa depositi e prestiti…

Leggi tutto…