La competenza delle multiutilities al servizio delle città intelligenti

Susanna Zucchelli – Direttore Generale HERATECH

Per fare questo occorre che il traffico, i trasporti pubblici, lo smaltimento dei rifiuti, la produzione e il consumo di energia, la produzione, la distribuzione e il consumo di acqua potabile, il collettamento e la depurazione delle acque reflue e tanti altri servizi abbiano una gestione ben studiata concretizzata con tecnologie appropriate e sostenibili. La città è intelligente se riesce a massimizzare la creazione di valore condiviso da parte di tutti gli attori che si muovono in essa, promuovendo la collaborazione e lo sviluppo di strumenti che favoriscano la condivisione delle informazioni.

Oggi parleremo di telecontrollo, telemisura, per migliorare la continuità e la qualità dei servizi erogati, di tecniche di posa di infrastrutture lineari a basso impatto sul traffico e a basso consumo energetico, di tecniche per incrementare la qualità e la durata delle infrastrutture e contestualmente ridurre il consumo di suolo, cioè di iniziative e approcci profondamente radicati nella nostra cultura tecnica e nella nostra sensibilità  che sono anche intimamente connessi al concetto di sviluppo di città intelligente.

 

Scopri il programma ed iscriviti cliccando qui

 


Leggi anche

La nuova proposta di alta formazione dell’Università di Udine, in partenza per l’a.a. 2019/2020…

Leggi tutto…

Nel 2006 sembrava cosa fatta: il Comune con l’allora Asm Brescia e Pessina Costruzioni aveva siglato un accordo per realizzare l’infrastruttura di distribuzione del calore a servizio della città. Un progetto che prevedeva la costruzione di una centrale e una rete dell’estensione di 25 chilometri però subito naufragato. Ora se ne riparla, ma affidando l’integrità dei lavori a un operatore privato …

Leggi tutto…

I lavori riguardano il rifacimento della condotta acquedottistica situata in località Agugliana. Il progetto iniziale interessava un tratto di 2,5 chilometri, che è stato esteso di ulteriori 1,5 chilometri, grazie al risparmio sui costi dell’intervento in fase di gara. Compreso nell’opera, per un costo complessivo di 750.000 euro, anche l’ampliamento di un serbatoio …

Leggi tutto…

Il gestore idrico della provincia di Brescia ha presentato il progetto messo a punto per potenziare le infrastrutture della capitale della Franciacorta: 7 milioni di investimenti e due anni di lavoro per estendere la rete fognaria in tutte le frazioni, dove vive circa un terzo dei residenti, e rinnovare l’acquedotto nel centro storico…

Leggi tutto…

I bandi riguardano il potenziamento delle reti idriche e fognarie e degli impianti di depurazione; prevedono, inoltre, investimenti in innovazione. Tra gli interventi più significativi il progetto Smart Meter, con i primi 240.000 misuratori da installare nelle province di Taranto e Brindisi, per un importo a base d’asta di 21,2 milioni di euro, e i lavori di manutenzione straordinaria all’impianto di sollevamento fogna di Torre del Diavolo, alla periferia Sud di Bari …

Leggi tutto…