La depurazione di AQP in Puglia. Il successo della campagna di comunicazione

La campagna di comunicazione sul ciclo integrato dell’acqua trova nella depurazione il culmine delle attività di AQP. Nella vetrina di ECOMONDO 2019 a Rimini, sono state presentate le attività di AQP per tutelare, difendere e valorizzare l’acqua, dalla sorgente fino al suo riuso.

L’impegno di AQP nel settore depurazione

Nel biennio 2017-2018 Acquedotto Pugliese, gestore del servizio idrico integrato pugliese, ha investito 113 milioni di euro, di cui 50 nel 2018 sul comparto depurativo. Accanto alla realizzazione di interventi per potenziare gli impianti di depurazione gestiti, l’utility ha progettato interventi mirati al riutilizzo delle acque reflue (già in corso per 23 impianti) e alla rigenerazione e adeguamento di alcuni recapiti finali. A questi si uniscono azioni per ottimizzare i costi energetici, promuovendo una sempre più attenta e puntuale tutela dell’ambiente. In quest’ottica, quest’anno, Acquedotto Pugliese ha avviato un impianto di cogenerazione a biogas da fanghi di depurazione e un impianto fotovoltaico da 16,5 KW che insieme al cogeneratore a biogas, è in grado di produrre energia elettrica sufficiente a soddisfare il fabbisogno energetico dell’impianto di depurazione di Lecce. Fino al 2024 sono pianificate azioni per un importo complessivo di 365 milioni di euro.

Impegno a tutela del territorio

In maniera responsabile, nelle nostre scelte, abbiamo guardato al futuro. Abbiamo dato valore ad una tecnologia etica” – ha dichiarato Simeone di Cagno Abbrescia, Presidente di Acquedotto Pugliese. “È stata utilizzata nei nostri impianti di depurazione, con investimenti in grado di potenziarli e consentire la messa in sicurezza degli impianti”.

La campagna di comunicazione ha messo in risalto che il territorio è stato tutelato dal successo del lavoro dei tecnici e delle maestranze di AQP, nonché degli investimenti realizzati” – ha dichiarato Nicola De Sanctis, Amministratore Delegato Acquedotto Pugliese. “Il diffuso riconoscimento della bellezza del territorio pugliese trova ampio riscontro nei numeri relativi alle presenze turistiche e nell’accresciuta capacità ricettiva del territorio. La difesa e la tutela del mare per una regione come la Puglia con oltre 800 km di costa, trova riscontro ulteriore nei riconoscimenti ufficiali sulla qualità dell’acqua”.

Abbiamo lavorato per la valorizzazione e il riutilizzo dei reflui in agricoltura e nell’ambiente” – tiene a precisare Francesca Portincasa, Direttore Reti e Impianti Acquedotto Pugliese S.p.A, moderando il dibattito – “Possiamo affermare che abbiamo dato il nostro determinante contributo alla tutela del territorio pugliese attraverso la sperimentazione di tipologie di trattamento ecosostenibili, consapevoli che siamo chiamati a gestire un parco impiantistico tra i più grandi e i più evoluti d’Italia”.


Leggi anche

Il finanziamento arrivato dalla Regione andrà a sostenere tre progetti per la realizzazione di una rete di raccolta delle acque piovane a servizio di diversi quartieri della città. Il progetto più imponente, del valore di 5 milioni di euro, interessa il quartiere di San Paolo, dove verrà realizzata una grande condotta per convogliare le acque fino al canalone Balice, dove saranno sversate dopo gli opportuni trattamenti…

Leggi tutto…

La decisione arrivata nell’ultima riunione della Giunta che ha anche affidato a Ersi (Ente regionale servizio idrico) la gestione delle risorse e l’attuazione degli interventi. Gli interventi finanziati, in totale 9, che riguardano il potenziamento e l’adeguamento di alcuni impianti di depurazione e dei sistemi di collettamento dei reflui in alcuni comuni delle province di L’Aquila e di Chieti…

Leggi tutto…

sensore VEGA

VEGA ha ampliato il portafoglio di sensori radar con una nuova serie di strumenti. I sensori basati sulla tecnologia a 80 GHz sono idonei all’impiego in applicazioni in cui il prezzo è un fattore determinante per la scelta della strumentazione, come ad es. nel settore del trattamento delle acque e delle acque reflue. Grazie alla focalizzazione precisa del segnale, forniscono valori di misura affidabili indipendentemente dagli influssi esterni….

Leggi tutto…

Avvocato, direttore generale di acquevenete, Manto succede alla presidenza del consorzio che raggruppa 12 gestori idrici veneti a Fabio Trolese, che si è dimesso per nuovi impegni professionali. La sua nomina è arrivata nell’ultima assemblea dei soci che ha anche approvato il bilancio di esercizio 2019 del consorzio, chiuso con ricavi pari a 750.000 euro…

Leggi tutto…

Indispensabile per superare l’infrazione comunitaria che grava sulla cittadina, l’opera, del valore di 13,1 milioni di euro, prevede la posa di 61 chilometri di condotte per dotare le frazioni di Tonnarella e Trasmazaro di una rete di raccolta delle acque nere. A eseguire i lavori, che dovrebbero concludersi entro il giugno del prossimo anno, un raggruppamento di imprese che si è aggiudicato la gara indetta dal Commissario straordinario unico per la depurazione …

Leggi tutto…