La depurazione di AQP in Puglia. Il successo della campagna di comunicazione

La campagna di comunicazione sul ciclo integrato dell’acqua trova nella depurazione il culmine delle attività di AQP. Nella vetrina di ECOMONDO 2019 a Rimini, sono state presentate le attività di AQP per tutelare, difendere e valorizzare l’acqua, dalla sorgente fino al suo riuso.

L’impegno di AQP nel settore depurazione

Nel biennio 2017-2018 Acquedotto Pugliese, gestore del servizio idrico integrato pugliese, ha investito 113 milioni di euro, di cui 50 nel 2018 sul comparto depurativo. Accanto alla realizzazione di interventi per potenziare gli impianti di depurazione gestiti, l’utility ha progettato interventi mirati al riutilizzo delle acque reflue (già in corso per 23 impianti) e alla rigenerazione e adeguamento di alcuni recapiti finali. A questi si uniscono azioni per ottimizzare i costi energetici, promuovendo una sempre più attenta e puntuale tutela dell’ambiente. In quest’ottica, quest’anno, Acquedotto Pugliese ha avviato un impianto di cogenerazione a biogas da fanghi di depurazione e un impianto fotovoltaico da 16,5 KW che insieme al cogeneratore a biogas, è in grado di produrre energia elettrica sufficiente a soddisfare il fabbisogno energetico dell’impianto di depurazione di Lecce. Fino al 2024 sono pianificate azioni per un importo complessivo di 365 milioni di euro.

Impegno a tutela del territorio

In maniera responsabile, nelle nostre scelte, abbiamo guardato al futuro. Abbiamo dato valore ad una tecnologia etica” – ha dichiarato Simeone di Cagno Abbrescia, Presidente di Acquedotto Pugliese. “È stata utilizzata nei nostri impianti di depurazione, con investimenti in grado di potenziarli e consentire la messa in sicurezza degli impianti”.

La campagna di comunicazione ha messo in risalto che il territorio è stato tutelato dal successo del lavoro dei tecnici e delle maestranze di AQP, nonché degli investimenti realizzati” – ha dichiarato Nicola De Sanctis, Amministratore Delegato Acquedotto Pugliese. “Il diffuso riconoscimento della bellezza del territorio pugliese trova ampio riscontro nei numeri relativi alle presenze turistiche e nell’accresciuta capacità ricettiva del territorio. La difesa e la tutela del mare per una regione come la Puglia con oltre 800 km di costa, trova riscontro ulteriore nei riconoscimenti ufficiali sulla qualità dell’acqua”.

Abbiamo lavorato per la valorizzazione e il riutilizzo dei reflui in agricoltura e nell’ambiente” – tiene a precisare Francesca Portincasa, Direttore Reti e Impianti Acquedotto Pugliese S.p.A, moderando il dibattito – “Possiamo affermare che abbiamo dato il nostro determinante contributo alla tutela del territorio pugliese attraverso la sperimentazione di tipologie di trattamento ecosostenibili, consapevoli che siamo chiamati a gestire un parco impiantistico tra i più grandi e i più evoluti d’Italia”.


Leggi anche

Luigi Ferraris, amministratore delegato di Terna, e Moncef Harrabi, presidente di Steg, il gestore della rete di trasmissione elettrica tunisina, hanno siglato un memorandum of understanding per rafforzare la partnership nelle infrastrutture elettriche. Al centro dell’intesa, in particolare, il progetto Elmed, l’interconnessione sottomarina da 600 MW in corrente continua che collegherà i due Paesi, e che consentirà la piena integrazione tra i mercati elettrici dell’Europa e del Nord Africa…

Leggi tutto…

L’evento ha riunito le testimonianze delle istituzioni, tra cui Regione Lombardia, e dei più importanti player del settore per ragionare sul ruolo dei termovalorizzatori nello sviluppo delle politiche ambientali dei nostri territori. Partendo dalla Biopiattaforma di Sesto San Giovanni…

Leggi tutto…

Con 4 miliardi di ricavi, un contributo al Pil di 2,5 miliardi, 28.000 posti di lavoro attivati in Italia la multiutility costituisce una delle principali realtà industriali nazionali. Una realtà che vuole essere attore chiave per lo sviluppo dei territori serviti, con 3,3 miliardi di investimenti nei prossimi 5 anni, puntando su sostenibilità, economia circolare e innovazione dei servizi …

Leggi tutto…

Il gestore idrico toscano sta portando avanti una serie di interventi sulle infrastrutture idriche al servizio del comune della provincia di Prato. Opere avviate nel 2016 al cui completamento manca l’ultimo tassello: la depurazione del capoluogo e di alcune frazioni. I lavori verranno avviati nel 2021 per un valore di 4 milioni di euro e prevedono la posa di una nuova condotta fognaria e di 7 stazioni di sollevamento …

Leggi tutto…

Blue Book 2019

È quanto emerge dal Blue Book 2019, lo studio promosso da Utilitalia e realizzato da Fondazione Utilitatis con Istat, che fa il punto sul comparto. Al costante incremento degli investimenti, fanno da contraltare la vetustà di reti e impianti, il livello di perdite idriche ancora elevato e le carenze che perdurano nel campo della depurazione, con le regioni meridionali in ritardo anche nel completamento del processo di affidamento del servizio …

Leggi tutto…