La dismissione dell’impianto di depurazione di Rescaldina e il collettamento dei reflui a Parabiago

 

 

   

Dario Sechi, Annalisa Ramondetti, Daniela Deplano – Gruppo CAP
Haris Soldatos, Vincenzo D’Angelo
– Società del Gres

Il progetto è volto alla dismissione dell’impianto di depurazione di Rescaldina e all’unificazione degli agglomerati di Rescaldina e Parabiago con recapito finale all’impianto di depurazione di Parabiago. Per il collettamento dei reflui si prevede una nuova rete di collettori a gravità in gres ceramico DN 600/800, che garantiscono la tenuta idraulica nel tempo e adeguata resistenza meccanica.

L’intervento coinvolge l’impianto di depurazione di Rescaldina, le reti fognarie dei Comuni di Rescaldina, Uboldo, Cerro Maggiore (in minima parte nel centro comunale e in massima parte nella località Cantalupo) e Parabiago (località Costa San Lorenzo), gli sfioratori fognari presenti lungo il percorso e l’impianto di depurazione di Parabiago.

La nuova rete di collettori raccoglierà le acque reflue “di magra” dalla rete di drenaggio urbano a servizio dei territori comunali di Rescaldina, Cerro Maggiore e San Lorenzo di Parabiago collettandole all’impianto di trattamento di Parabiago che ne garantisce il trattamento a monte dello scarico in CIS Fiume Olona.

Il progetto si divide in n. 3 lotti funzionali. Il primo lotto, con uno sviluppo complessivo di 1500 m in gres del DN 600, consente di “bypassare” l’impianto di depurazione di Rescaldina, recapitando i reflui direttamente nella rete di drenaggio a servizio di Cerro Maggiore. Il secondo lotto prosegue sfruttando la tratta realizzata con il primo lotto, modificando e potenziando la rete fognaria esistente a servizio del territorio comunale di Cerro Maggiore con la posa di condotte in gres del DN 600/800, garantendo il collettamento delle acque di magra raccolte dal centro abitato di Rescaldina direttamente all’impianto di depurazione di Parabiago; allo stesso tempo si garantirà l’alleggerimento idraulico del centro abitato della frazione di Cantalupo che, in occasione dei fenomeni meteoclimatici particolarmente intensi, mostra delle criticità idrauliche diffuse lungo i rami principali della rete preposta alla raccolta delle acque miste. Il terzo lotto vedrà il completamento del collettamento delle acque reflue “di magra” al depuratore di Parabiago. Questo lotto ha in particolare, l’obiettivo di risolvere le criticità esistenti sulla rete fognaria della frazione di San Lorenzo in Comune di Parabiago, mediante la realizzazione di una linea di by-pass esterna all’abitato. La suddetta linea sarà in gres.

Le scelte progettuali sopra sintetizzate si basano sullo Studio idraulico della rete fognaria dei comuni interessati, realizzata sulla base del rilievo geometrico – geo referenziato della fognatura. Lo Studio è stato opportunamente predisposto per simulare la trasformazione degli afflussi meteorici nei deflussi superficiali e l’efficienza della raccolta e del trasporto dei reflui civili e assimilabili originati dalle attività antropiche, con il preciso scopo di verificare l’efficacia delle scelte progettuali. È stato utilizzato un modello numerico per simulare il funzionamento idrologico-idraulico della rete fognaria nel suo complesso e per individuare le insufficienze idrauliche.

 

Scopri il programma ed iscriviti cliccando qui

 


Leggi anche

Proseguono le iniziative dell’innovativa piattaforma di ricerca per la gestione del sistema idrico integrato. Gruppo CAP riunisce tutti i più importanti attori dell’innovazione, della ricerca e dello sviluppo del settore per pianificare i prossimi passi. Networking e approccio multidisciplinare per 8 aziende nel settore, 1 istituto di ricerca, 2 università lombarde. Living lab per la sperimentazione, gli impianti di depurazione di San Giuliano Est, San Giuliano Ovest e di Bresso Niguarda….

Leggi tutto…

Ammonta a 6 milioni di euro l’investimento per realizzare la rete fognaria per l’area dell’Oltreserchio e altre zone della città ancora sprovviste del servizio. I lavori, divisi in due fasi, prenderanno il via a fine mese per concludersi entro il 2021 con la posa di oltre 5 chilometri di nuove condotte che consentiranno di allacciare all’infrastruttura oltre 1000 utenze …

Leggi tutto…

Investimenti in crescita del 10% nel nuovo piano industriale. Iren destinerà i due terzi ai servizi regolati, in particolare l’idrico, per potenziare, ammodernare e digitalizzare le infrastrutture. La parte restante pari a 1,3 miliardi di euro sarà riservata alla crescita dimensionale del Gruppo: nel settore ambientale, con lo sviluppo di impianti di selezione e trattamento; nel teleriscaldamento, con l’estensione delle reti; nel gas …

Leggi tutto…

Il gestore idrico della provincia di Brescia ha presentato il progetto messo a punto per potenziare le infrastrutture della capitale della Franciacorta: 7 milioni di investimenti e due anni di lavoro per estendere la rete fognaria in tutte le frazioni, dove vive circa un terzo dei residenti, e rinnovare l’acquedotto nel centro storico…

Leggi tutto…

I bandi riguardano il potenziamento delle reti idriche e fognarie e degli impianti di depurazione; prevedono, inoltre, investimenti in innovazione. Tra gli interventi più significativi il progetto Smart Meter, con i primi 240.000 misuratori da installare nelle province di Taranto e Brindisi, per un importo a base d’asta di 21,2 milioni di euro, e i lavori di manutenzione straordinaria all’impianto di sollevamento fogna di Torre del Diavolo, alla periferia Sud di Bari …

Leggi tutto…