La geotermia nel futuro del teleriscaldamento di Aarthus


C’è la geotermia nel futuro del teleriscaldamento di Aarhus, seconda città della Danimarca. A questo progetto stanno lavorando l’amministrazione della città, situata sulla costa orientale dello Jutland, e AP Moller Holding, con l’ambizione di fornire alle 100.000 utenze cittadine servite dalla rete di teleriscaldamento il calore naturale del sottosuolo. Una fonte, quella geotermica, rinnovabile e disponibile tutto il giorno, ogni giorno dell’anno, che farebbe compiere alla città un grande balzo in avanti verso l’obiettivo di avere un teleriscaldamento senza combustione.
«Abbiamo già detto addio al carbone e al petrolio nella produzione di calore per Aarhus, ma vogliamo fare un ulteriore passo avanti – ha commentato Bünyamin Simsek, responsabile del dipartimento Technical services & environment del Comune di Aarhus -. Vogliamo un sistema energetico che, in misura minore, si basi sulla combustione della biomassa e in gran parte su energia pulita e rinnovabile. Possiamo ottenere questo risultato con l’energia geotermica».
Le parti hanno firmato una lettera di intenti, che conferma che il Comune e la società avvieranno trattative esclusive per un contratto di fornitura di calore geotermico per il teleriscaldamento a prezzi competitivi.
Secondo l’attuale programma del progetto, i primi pozzi esplorativi verranno trivellati nel 2019-2020 e, a seconda dei risultati delle esplorazioni, i primi impianti geotermici dovrebbero essere costruiti nel 2021-2024.
L’accordo implica che AP Moller Holding assuma i rischi di esplorazione, di costruzione e operativi per i 30 anni in cui l’impianto fornirà calore alla rete. Il calore sarà acquistato da AffaldVarme Aarhus, il gestore della rete di teleriscaldamento, a un prezzo indicizzato fisso che potrà anche essere diminuito se si realizzeranno sinergie o altri miglioramenti che possano ridurre i costi, a tutto vantaggio dei clienti finali che vedranno ridursi la bolletta.


Leggi anche

Il progetto avviato una decina di anni fa, con un investimento complessivo di 30 milioni di euro, ha portato finora alla costruzione di una rete di distribuzione del calore di 22 chilometri. Rete in costante espansione e che quest’anno permetterà di portare il servizio a circa il 50% dei residenti, con grandi vantaggi ambientali ed economici. A questo scopo si studia anche un potenziamento della centrale che alimenta l’infrastruttura…

Leggi tutto…

Al via il primo lotto dei lavori per portare il servizio al quartiere Barco, nella zona Nord della città. Lotto che prevede la posa di 1,5 chilometri di condotte entro la prossima estate, cui faranno seguito altre due fasi per un’estensione totale della rete di 3 chilometri. Il costo dell’intervento, che si somma a quello già in fase di avanzata realizzazione che interessa il complesso Corte di Medoro, è di 2,5 milioni…

Leggi tutto…

Martedì 5 marzo 2019 presso la Fondazione AEM Milano, dalle 18:30 alle 20:00, AIM Associazione Interessi Metropolitani promuove un incontro aperto alla città di Milano per presentare il secondo numero della collana, dedicato al teleriscaldamento….

Leggi tutto…

La multiutility marchigiana si è aggiudicata un finanziamento europeo da un milione di euro nell’ambito del progetto Muse Grids dell’Unione Europea che promuove la sperimentazione di soluzioni innovative per l’interazione delle reti locali. Interessate dalla sperimentazione la centrale di cogenerazione, la rete di teleriscaldamento e quella idrica del comune di Osimo, in provincia di Ancona…

Leggi tutto…

Ennatuurlijk ed EnergyVille hanno avviato un progetto pilota che prevede l’impiego di innovativi smart controller sulla rete di teleriscaldamento della città dei Paesi Bassi. Questi dispositivi sono basati su algoritmi di autoapprendimento per monitorare e ottimizzare la gestione della domanda di energia termica degli edifici, rendendo al tempo stesso la rete più efficiente …

Leggi tutto…