La geotermia nel futuro del teleriscaldamento di Aarthus


C’è la geotermia nel futuro del teleriscaldamento di Aarhus, seconda città della Danimarca. A questo progetto stanno lavorando l’amministrazione della città, situata sulla costa orientale dello Jutland, e AP Moller Holding, con l’ambizione di fornire alle 100.000 utenze cittadine servite dalla rete di teleriscaldamento il calore naturale del sottosuolo. Una fonte, quella geotermica, rinnovabile e disponibile tutto il giorno, ogni giorno dell’anno, che farebbe compiere alla città un grande balzo in avanti verso l’obiettivo di avere un teleriscaldamento senza combustione.
«Abbiamo già detto addio al carbone e al petrolio nella produzione di calore per Aarhus, ma vogliamo fare un ulteriore passo avanti – ha commentato Bünyamin Simsek, responsabile del dipartimento Technical services & environment del Comune di Aarhus -. Vogliamo un sistema energetico che, in misura minore, si basi sulla combustione della biomassa e in gran parte su energia pulita e rinnovabile. Possiamo ottenere questo risultato con l’energia geotermica».
Le parti hanno firmato una lettera di intenti, che conferma che il Comune e la società avvieranno trattative esclusive per un contratto di fornitura di calore geotermico per il teleriscaldamento a prezzi competitivi.
Secondo l’attuale programma del progetto, i primi pozzi esplorativi verranno trivellati nel 2019-2020 e, a seconda dei risultati delle esplorazioni, i primi impianti geotermici dovrebbero essere costruiti nel 2021-2024.
L’accordo implica che AP Moller Holding assuma i rischi di esplorazione, di costruzione e operativi per i 30 anni in cui l’impianto fornirà calore alla rete. Il calore sarà acquistato da AffaldVarme Aarhus, il gestore della rete di teleriscaldamento, a un prezzo indicizzato fisso che potrà anche essere diminuito se si realizzeranno sinergie o altri miglioramenti che possano ridurre i costi, a tutto vantaggio dei clienti finali che vedranno ridursi la bolletta.


Leggi anche

Avviato nel giugno dello scorso anno, l’intervento ha visto la posa di 400 metri di condotte con la tecnologia no dig per collegare la nuova rete del centro storico con la centrale di trigenerazione Green Energy House. L’opera rientra nel più vasto piano di sviluppo del servizio in citta, sostenuto da un investimento complessivo di 11 milioni di euro, che una volta a regime, nel 2020, porterà a un drastico abbattimento delle emissioni climalteranti…

Leggi tutto…

Varese Risorse, la società del gruppo Acsm Agam che gestisce il teleriscaldamento nella città lombarda, è stata premiata per il suo impianto solare integrato nella rete di distribuzione del calore. Prima realizzazione del genere del Sud Europa, l’impianto è entrato in funzione nel 2015 e produce 450 MWh di energia termica all’anno, evitando l’emissione di 108 tonnellate di CO2…

Leggi tutto…

Entrato in funzione nel marzo dello scorso anno, l’impianto è un gioiello tecnologico a emissioni quasi zero. Può trattare annualmente 400.000 tonnellate di rifiuti che vengono trasformati n energia termica ed elettrica sufficiente a coprire il fabbisogno di, rispettivamente, 62.500 e 160.000 utenze. Sul suo tetto è stata realizzata una pista da sci artificiale che sarà aperta da dicembre …

Leggi tutto…

A realizzare e gestire il sistema, che fornirà calore a circa 800 edifici, sarà Telenergia, società nata dalla partnership tra Egea e Amag, con un investimento di 90 milioni di euro. Il progetto, che sarà ultimato in 6 anni, prevede la costruzione in città di una rete di 62 km alimentata da due centrali di cogenerazioni a gas integrato con fonti rinnovabili: una nella zona Sud e l’altra nella zona Nord…

Leggi tutto…

La giunta provinciale ha dato l’ok alla concessione all’utility energetica dell’Alto Adige delle linee di collegamento del sistema di distribuzione del calore. La concessione, della durata di 29 anni, interessa tre linee per uno sviluppo complessivo di oltre 2,5 km. Il canone di indennizzo annuo è stato fissato a circa 60.000 euro…

Leggi tutto…