La geotermia nel futuro del teleriscaldamento di Aarthus


C’è la geotermia nel futuro del teleriscaldamento di Aarhus, seconda città della Danimarca. A questo progetto stanno lavorando l’amministrazione della città, situata sulla costa orientale dello Jutland, e AP Moller Holding, con l’ambizione di fornire alle 100.000 utenze cittadine servite dalla rete di teleriscaldamento il calore naturale del sottosuolo. Una fonte, quella geotermica, rinnovabile e disponibile tutto il giorno, ogni giorno dell’anno, che farebbe compiere alla città un grande balzo in avanti verso l’obiettivo di avere un teleriscaldamento senza combustione.
«Abbiamo già detto addio al carbone e al petrolio nella produzione di calore per Aarhus, ma vogliamo fare un ulteriore passo avanti – ha commentato Bünyamin Simsek, responsabile del dipartimento Technical services & environment del Comune di Aarhus -. Vogliamo un sistema energetico che, in misura minore, si basi sulla combustione della biomassa e in gran parte su energia pulita e rinnovabile. Possiamo ottenere questo risultato con l’energia geotermica».
Le parti hanno firmato una lettera di intenti, che conferma che il Comune e la società avvieranno trattative esclusive per un contratto di fornitura di calore geotermico per il teleriscaldamento a prezzi competitivi.
Secondo l’attuale programma del progetto, i primi pozzi esplorativi verranno trivellati nel 2019-2020 e, a seconda dei risultati delle esplorazioni, i primi impianti geotermici dovrebbero essere costruiti nel 2021-2024.
L’accordo implica che AP Moller Holding assuma i rischi di esplorazione, di costruzione e operativi per i 30 anni in cui l’impianto fornirà calore alla rete. Il calore sarà acquistato da AffaldVarme Aarhus, il gestore della rete di teleriscaldamento, a un prezzo indicizzato fisso che potrà anche essere diminuito se si realizzeranno sinergie o altri miglioramenti che possano ridurre i costi, a tutto vantaggio dei clienti finali che vedranno ridursi la bolletta.


Leggi anche

La società, specializzata nella produzione di energia da fonti rinnovabili, ha siglato un accordo con il Comune di Alcalá de Henares per la costruzione di un sistema di teleriscaldamento, interamente alimentato da energia green: solare e biomasse. Il sistema, che sarà completato per la fine del prossimo anno, fornirà calore a 12.000 famiglie e sarà realizzato con un investimento di 38 milioni di euro…

Leggi tutto…

Realizzato con il Politecnico di Milano, il report ha analizzato l’impatto a 360° di questi impianti sui territori. I risultati dicono che si tratta di una soluzione vincente sia sul piano ambientale, abbattendo le emissioni di CO2 e di polveri sottili, sia sul piano economico ed occupazionale: 1 euro fatturato dagli impianti genera un impatto sul sistema economico di 2,65 euro e per ogni lavoratore impiegato dal teleriscaldamento nascono 15,5 posti lungo tutta la filiera…

Leggi tutto…

Terna ha qualificato la Uvap di Ego alla quale è collegata la centrale di cogenerazione che alimenta la rete di distribuzione del calore. Ora può operare sul mercato del servizio di dispacciamento: l’energia elettrica prodotta sarà utilizzata dal gestore della rete nazionale per il bilanciamento della rete, fornendo una flessibilità a salire e a scendere di 8 MW …

Leggi tutto…

Ancora pochi mesi di attesa e poi i lavori per la realizzazione dell’impianto di teleriscaldamento nel territorio comunale di Valdaone, in provincia di Trento, volgeranno al termine. L’opera, fortemente voluta dall’attuale amministrazione guidata da Ketty Pellizzari, è il passaggio concreto di un’idea nata nel 2010 dagli allora comuni di Bersone, Daone e Praso. A tal fine il comune di Valdaone ha stipulato una convezione di servizio con la società pubblica E.S.Co. B.I.M. e Comuni del Chiese S.p.A. che si occuperà della gestione futura…

Leggi tutto…

Ha preso il via nella centrale di cogenerazione che alimenta la rete di distribuzione del calore di Tirano (Sondrio) di Tcvvv, la sperimentazione del nuovo sistema messo a punto da Rse per il trattamento dei fumi di combustione delle biomasse. Un’unica soluzione che consente l’abbattimento del particolato di combustione e la riduzione degli NOx…

Leggi tutto…