cedimenti strutturali

La manutenzione predittiva per evitare cedimenti strutturali: il caso di Viva Servizi

L’utilizzo di tecniche tradizionali di monitoraggio periodico di ampie aree richiede un dispendio economico e di tempo considerevole. In linea generale, infatti, indagini ed ispezioni vengono svolte soltanto quando il problema si è già posto (approccio reattivo). Questo avviene a causa della mancanza di indicatori ed informazioni predittive circa il ‘cosa’ ed il ‘dove’ svolgere l’ispezione.

 Per rispondere a tali esigenze è necessaria un’inversione di marcia con un approccio proattivo al problema.

 La piattaforma Rheticus® Network Alert è la soluzione poiché, integrandosi alle operazioni di manutenzione del gestore, agisce elaborando e analizzando informazioni relative agli spostamenti millimetrici della superficie terrestre.
 

Guarda il replay del webinar dello scorso 11 febbraio
“La manutenzione predittiva per evitare cedimenti strutturali: il caso di Viva Servizi”

 

 
 

 

Richiedi una DEMO gratuita del servizio di monitoraggio delle reti idriche e fognarie

Planetek Italia comunica che è possibile conoscere e valutare più da vicino come funziona il servizio di monitoraggio delle reti idriche e fognarie. Scrivendo a info@rheticus.eu puoi richiedere una presentazione della piattaforma online e capire in che modo il servizio aiuta il team di ispezione a fare indagini mirate, riducendo costi e tempi delle operazioni.

 


Leggi anche

Il piano messo a punto per il rilancio dell’Italia presentato da Utilitalia nel corso di un’audizione alla Camera contribuirebbe ad un incremento dell’1,48% del PIL e alla creazione di 285.000 nuovi posti di lavoro. La quota maggiore degli investimenti andrebbe al ciclo idrico, con progetti per 14 miliardi, seguito da quello energetico, circa 7 miliardi, e da quello ambientale, con circa 4 miliardi….

Leggi tutto…

Oggi, i fenomeni geologici naturali (subsidenza) o fenomeni indotti dall’attività antropica causano cedimenti strutturali che provocano ingenti danni, interruzione dei servizi di pubblica utilità. Le Utilities, infatti, spendono gran parte del loro budget alla ricerca di soluzioni per prevenire le conseguenze derivanti da tali situazioni. Attraverso i sistemi di monitoraggio satellitare è possibile adottare una manutenzione di tipo predittivo, per supportare le operazioni quotidiane di manutenzione sulle fognature e sulle condotte sotterranee rilevando le condotte a maggiore rischio….

Leggi tutto…

La ricerca delle perdite idriche, la loro conoscenza e la riduzione delle stesse è uno dei principali obiettivi di un gestore del servizio idrico. Un elemento fondamentale è il monitoraggio delle reti nelle sue varie componenti. Oggi sono molto diffusi i contatori elettronici che tengono sotto controllo i consumi dell’utente, ci sono sistemi per il monitoraggio dei distretti, delle adduzioni e per fare il bilancio idrico di una determinata area. …

Leggi tutto…

È quanto prevede il piano di investimenti 2020-2023, approvato alla fine dello scorso anno dall’Assemblea dei Soci del gestore del ciclo idrico della provincia di Cremona. Gli investimenti riguarderanno tutte le aree del sistema idrico in tutto il territorio provinciale: il 28% verrà utilizzato per la depurazione, il 32% nell’acquedotto, il 33% nella fognatura e il 7% in investimenti generali. …

Leggi tutto…

AcegasApsAmga, Acquedotto del Carso, Acquedotto Poiana, CAFC, Hydrogea, Irisacqua e LTA – i sette gestori idrici della regione Friuli-Venezia Giulia – si sono costituiti in un raggruppamento temporaneo d’impresa per lavorare a un programma di opere funzionali a interconnettere le loro reti. L’obiettivo è di garantire la sicurezza nell’approvvigionamento idrico ai territori alla luce delle sfide generate dai cambiamenti climatici. …

Leggi tutto…