misurazione

La misurazione per le acque potabili e le acque reflue: tecnologia avanzata, spazi ridotti e adattabilità all’intero ciclo idrico

È sicuramente utile, per chi gestisce il ciclo idrico, potersi affidare ad una strumentazione di misurazione che acquisisca i dati e li trasmetta per un controllo in remoto, ma soprattutto che abbia un’uniformità di uso sia per quanto riguarda l’impiego nel settore acque potabili che in quello delle acque reflue.

Da anni Ijinus realizza prodotti per il monitoraggio da remoto con elevate caratteristiche costruttive. La sua esperienza si è evoluta anche grazie all’affiancamento di importanti aziende a livello mondiale operanti nel settore fognario.
 

Le tecnologie di misurazione per le acque potabili e le acque reflue

La strumentazione viene prodotta tenendo conto delle peggiori condizioni ambientali nelle quali ci si possa trovare. Generalmente si tratta di quelle del settore acque reflue, rivolgendo una particolare attenzione ai materiali utilizzati, alla tenuta stagna e alla facilità di uso ed installazione.
 

Il vantaggio di avere tecnologie di ridotte dimensioni

Grazie alle ridotte dimensioni della tecnologia, diventa di gran lunga più semplice l’applicazione nel settore acquedottistico – dove spesso gli spazi sono limitati – e nel settore fognario permettendo infatti il posizionamento senza causare particolare ingombro che limiterebbe l’accesso ai collettori fognari.

Avere un logger di piccole dimensioni diventa fondamentale non solo a livello logistico, ma anche per quanto riguarda la ‘conservazione’ della tecnologia stessa. Infatti, in questo modo è possibile limitare il volume d’aria interno alla strumentazione che, abbinato ad una buona tenuta stagna, garantisce la protezione dell’elettronica prevenendo fenomeni di ossidazioni. 
 

Ridotte dimensioni non si traduce in riduzione di funzionalità.

La memoria interna al logger garantisce, infatti, un’autonomia di diversi giorni immagazzinando dati anche se ormai, nella maggior parte dei casi, quest’ultimi vengono quasi sempre inviati in remoto almeno una volta al giorno.

Sostanzialmente la memoria interna ha una funzione di backup o di garanzia intervenendo qualora dovesse esserci un problema di mancanza di copertura del segnale a causa del quale diverrebbe impossibile procedere alla trasmissione dei dati.
 

Come sono strutturati i logger?

Nei logger è presente un solo connettore al quale si possono collegare più sensori.

Questa caratteristica è presente:

  • nei sensori che hanno solamente un’uscita ad impulsi, come ad esempio un pluviometro o un misuratore di portata (contatore)
  • ma anche nei sensori che possono avere uscite analogiche come le sonde per la misura della pressione in tubazioni o livello piezometrico in serbatoi o pozzi. 

Altre sonde collegabili ai logger possono usare il ModBus come, per esempio, i sensori di tracimazione o sensori di qualità dell’acqua oppure sonde per la misura della velocità del flusso così da effettuare la misura di portata in canali a pelo libero di tipo Area Velocity. Il collegamento con modalità ModBus o SDI-12 permette di avere molte informazioni dalle sonde facilitando così le diagnostiche a distanza.

Questo accade soprattutto per le installazioni in collettori fognari, dove ci possono essere dei fenomeni di sporcamento per i quali, da remoto, si può valutare quando intervenire per una pulizia o manutenzione.

 

Monitoraggio da remoto

Il logger LNU utilizza anche un sensore di livello integrato. Questo software permette di poter “vedere” da remoto la condizione di lettura ed eventualmente, se necessario, il servizio post vendita può garantire supporto a chi è in campo per garantire una corretta installazione e programmazione.

Ijinus sta crescendo e migliorando le sue competenze offrendo nuove soluzioni e strumentazioni sempre più di alta qualità nel settore delle reti idriche. Rimane però il suo fiore all’occhiello il mondo delle acque reflue con particolare riferimento al monitoraggio dei collettori fognari dove le tecnologie innovative di Ijinus si distinguono per eccellenza. 

In considerazione di quanto imposto da ARERA attraverso i macro-indicatori M1 e M4 – che richiedono il contenimento delle perdite in rete acquedottistica e una minimizzazione dell’impatto ambientale derivante dall’adeguatezza degli impianti fognari – i gestori del servizio idrico integrato ricercano poi la presenza di acque parassite in fognatura per ottimizzare i costi di gestione.

Anche in questo caso, le tecnologie di Ijinus rispondono perfettamente alle richieste del settore.

Il 2021 sarà un anno pieno di interessanti novità!
Per ogni approfondimento a riguardo, ti invitiamo a contattarci a:

Alberto CHIOETTO 
European sales Manager
  
M.: +39 347 7225732
alberto.chioetto@ijinus.com

 


Se vuoi rimanere aggiornato sulle iniziative, attività e news di settore, iscriviti ora alla newsletter bimestrale di Servizi a Rete

 
 

 


Leggi anche

Le opere, del valore di 2,3 milioni, interessano la frazione di Monticello del comune vicentino, dove si provvederà alla separazione della rete fognaria, con la costruzione di una nuova infrastruttura per le acque nere, eliminando lo scarico diretto dei reflui nel fiume Tribollo. Saranno anche sostitute diverse tratte di rete idrica, per porre fine alle perdite di acqua. Approfittando dei lavori, SAR effettuerà la manutenzione della rete gas, per una spesa di un altro milione …

Leggi tutto…

Oggi, i fenomeni geologici naturali (subsidenza) o fenomeni indotti dall’attività antropica causano cedimenti strutturali che provocano ingenti danni, interruzione dei servizi di pubblica utilità. Le Utilities, infatti, spendono gran parte del loro budget alla ricerca di soluzioni per prevenire le conseguenze derivanti da tali situazioni. Attraverso i sistemi di monitoraggio satellitare è possibile adottare una manutenzione di tipo predittivo, per supportare le operazioni quotidiane di manutenzione sulle fognature e sulle condotte sotterranee rilevando le condotte a maggiore rischio….

Leggi tutto…

Il progetto del gestore idrico del Medio Valdarno, del valore di 5 milioni di euro, permetterà di porre fine alla scarsità di acqua che affligge le aree della parte alta della cittadina durante i mesi estivi. Il primo lotto dei lavori prevede la posa di 3 km di condotte e la realizzazione di una stazione di pompaggio. A questo si aggiunge anche la sostituzione di un tratto di rete fognaria. Gli interventi saranno aggiudicati entro marzo per prendere il via a fine estate…

Leggi tutto…

Il CdA del gestore idrico del Nord della Toscana ha approvato il progetto, da 900.000 euro, che prevede la sostituzione di 1,5 chilometri di una delle principali condotte in pressione del sistema fognario della cittadina. Le vecchie tubazioni saranno sostituite da condotte in ghisa di diametro maggiore. Il nuovo tracciato incrocerà la SS Aurelia e l’autostrada A12: l’attraversamento sarà realizzato con la tecnica no-dig della Trivellazione Orizzontale Controllata…

Leggi tutto…

È la soluzione sostenibile sulla quale punta il gestore idrico della provincia di Monza e Brianza per fornire acqua, non idonea al consumo umano, per irrigare le aree green sportive, senza sprecare preziosa risorsa potabile. Dopo i primi due impianti realizzati è stato messo a punto un programma di interventi per la costruzione di 20 nuovi pozzi, con un investimento di 2 milioni di euro garantito dall’ATO Monza e Brianza….

Leggi tutto…