La Nova Siria e i giunti meccanici DN 4000 per il progetto Akkuyu

Marco Ferrero, Amministratore Delegato Nova Siria
Marco Ferrero, Amministratore Delegato della Nova Siria, spiega che

“la collaborazione tra la nostra azienda e la Superlit è iniziata già diversi anni fa. Abbiamo lavorato insieme in passato su grossi progetti, unitamente agli appaltatori incaricati, fornendo i nostri componenti a largo diametro che sono stati installati sulle tubazioni Superlit GRP.

L’unione tra le due società è sempre risultata vincente, giacché entrambe hanno l’obiettivo di offrire la massima qualità e un’eccellente assistenza al cliente. Il progetto Akkuyu rappresenta la prima occasione di collaborazione diretta tra le due aziende, e sono certo che sancirà l’inizio di una collaborazione attiva e produttiva su scala globale.

Questo contratto multimilionario, appena siglato con la Superlit, prevede la fornitura di 40 giunti meccanici DN4000 che saranno prodotti tra la seconda metà del 2020 e l’inizio del 2021.  Siamo molto felici di questa sinergia con la Superlit e siamo sicuri che questo sarà solo l’inizio di una partnership lunga e attiva tra le due società”.

 

Martin Kast, CEO di Hawle Austria
Soddisfazione anche da parte di Martin Kast, CEO di Hawle Austria:

“Il nostro gruppo è strettamente legato a paesi come la Turchia, la Russia e l’Italia attraverso i propri stabilimenti produttivi locali.

Pertanto, siamo estremamente felici che la costruzione della centrale nucleare di Akkuyu si basi sulla cooperazione tra questi Paesi. Siamo orgogliosi della partecipazione della Nova Siria, parte di Hawle Austria Group, in questo importante progetto e siamo lieti di collaborare col nostro nuovo partner Superlit”.

 

Turgay Aytekin, general manager di Superlit
Grande soddisfazione anche da parte di Turgay Aytekin, general manager di Superlit:

“Il progetto della centrale nucleare di Akkuyu comprende 4 reattori con una capacità di 1200 MW ciascuno e sarà il primo mai realizzato in Turchia. Il ciclo di vita della centrale di Akkuyu è di 60 anni e il combustibile utilizzato sarà il biossido di uranio leggermente arricchito.

Nel 2019, Superlit Boru Sanayi A.Ş. è stata scelta come solution parter per la fornitura e l’installazione di tubazioni marine GRP che fungeranno da condotti di scarico del sistema di raffreddamento della centrale.

Le principali criticità del progetto sono la fornitura di tubi DN4000 SN10000, la profondità di installazione (-50m), il tempo di immersione limitato e le condizioni ambientali. Grazie ai giunti SUPERLIT full-face® GRP e alla tecnologia brevettata special SUPERLIT rotatable Marine-Lug®, i problemi derivanti dalle suddette criticità saranno minimizzati.

I tubi Superlit GRP con diametro DN 2000mm, DN 3000mm e DN 4000mm saranno installati con successo a profondità che variano da -26m a -48m. Ciascuna tubazione è lunga circa 1100m e la lunghezza totale della struttura dei 10 scarichi paralleli è superiore ai 10km. Il sistema di tubazioni marine GRP di Akkuyu avrà il più grande diametro e la maggiore profondità mai registrati non solo in Turchia ma in tutto il mondo.

La Nova Siria è un partner fidato di Superlit e siamo lieti di collaborare ancora una volta a un progetto così importante. Ci auspichiamo di continuare a lavorare con Nova Siria ancora per molti anni”.

 
Grazie a questo ambizioso progetto la Nova Siria si conferma tra le aziende leader nella fornitura di soluzioni su misura e “just in time”: da 85 anni progetta e produce raccordi e componenti per condotte in pressione di acquedotti, gasdotti, oleodotti e impianti industriali, esportandoli in oltre 60 Paesi.

Il prodotto di punta di Nova Siria: DUOFIT®

Oltre ai giunti meccanici di collegamento utilizzati nel progetto Akkuyu, un altro prodotto di punta è il giunto multidiametro in due pezzi “DUOFIT®” per la riparazione definitiva senza l’interruzione del servizio di condotte in pressione. La prima installazione risale al 1990.

La gamma dei prodotti dedicati al collegamento, alla riparazione e alla derivazione si amplia poi con i giunti in acciaio dal DN 300 fino ed oltre al DN 3000, i pezzi speciali e le soluzioni per le tecnologie trenchless. La Nova Siria è poi distributore ufficiale per il mercato italiano della gamma di prodotti Hawle.

 
 

Leggi anche

L’assemblea dei soci della società, che amministra gli asset idrici e della distribuzione gas di 30 comuni della provincia di Forlì-Cesena, ha dato l’ok al bilancio 2019, che porta nelle casse dei comuni soci 2,2 milioni di dividendi. Importanti anche gli investimenti realizzati, pari a 20 milioni. Ora la società punta ad allargare il raggio d’azione all’illuminazione pubblica, per renderla più efficiente e sostenibile …

Leggi tutto…

RS Ravetti Service affianca le aziende e le utility direttamente in cantiere, con i suoi macchinari e le squadre di intervento, supportando le operazioni di foratura e intercettazione delle linee in pressione. Nel 2019 ha collaborato, tra l’altro, con Italgas e con Gesam per portare a termine in modo efficace e rapido interventi sulle rispettive reti delle due aziende distributrici di gas …

Leggi tutto…

Il sistema sviluppato e gestito da Hera ha appena ottenuto la certificazione Carbon Footprint rilasciata da Sgs per il suo basso impatto ambientale. Alimentato per il 90% con energia termica da fonte geotermica e con il recupero di calore del termovalorizzatore cittadino, il sistema, come rilevato da uno studio condotto da Ergo, emette solo 122 g di CO2 per ogni kWh termico immesso in rete…

Leggi tutto…

Le due società hanno rinnovato il Memorandum of Understanding finalizzato a valorizzare le potenziali sinergie tra il sistema gas e il sistema elettrico. Tre le aree al centro dell’intesa: le centrali dual fuel, il sector coupling, in particolare con l’integrazione delle fonti rinnovabili, e la ricerca e sviluppo di soluzioni innovative per rendere le reti energetiche sempre più sostenibili…

Leggi tutto…

Le due realtà hanno siglato un accordo per dare impulso all’utilizzo dell’idrogeno come vettore energetico, testandone le potenzialità di impiego nelle infrastrutture esistenti e la compatibilità con apparecchiature industriali già in uso. L’obiettivo è di mettere a frutto tutte le potenzialità di un elemento che può giocare un ruolo decisivo per abilitare la transizione energetica verso un futuro sempre più green…

Leggi tutto…