La progettazione cleantech e la circular economy. L’esperienza del Cluster lombardo per l’energia e l’ambiente


L’Ue studia norme sull’economia circolare, basata sul concetto che gli scarti siano riutilizzati come risorse. Va armonizzato un sistema dove la Germania ricicla il 66% dei rifiuti e la Repubblica Ceca solo il 30%. Ma l’Italia parte bene. I rifiuti riutilizzati diventano fonte di ricchezza per le imprese e per l’ambiente. Ecco perché il green è un’opportunità per le industrie e per i centri di ricerca che fanno innovazione.
Anche la Strategia Nazionale per l’energia va in questa direzione, e si prefigge di raggiungere e superare obiettivi ambientali Clima-Energia “20-20-20”:
• Penetrazione delle rinnovabili nell’energy mix a 17,5% nel 2015 vs 17% target 2020
• Consumi finali 2015 a 116 Mtep, inferiori a target 2020 di 126 Mtep (ton petrolio equivalente)
• Riduzione emissioni Gas Serra 2015 di ~16% vs livelli 1990, superiore a target 2020 di ~10%
Il tema è ampio e complesso, gli attori da coinvolgere sono tanti, le sfide tecnologiche solo in parte superate.
La direzione è chiara dobbiamo andare verso la decarbonizzazione attraverso una maggiore efficienza energetica e un maggior uso di fonti alternative e rinnovabili. Questo processo, in un contesto globale, implica che le imprese e l’industria devono collaborare con la Ricerca e viceversa, in maniera da incrementare l’innovazione ed essere più competitivi in un mondo globale.
Questa è proprio La MISSIONE del Lombardy Energy Cleantech Cluster, promuovere sinergie tra il mondo imprenditoriale e quello della ricerca al fine di incrementare la competitività dei suoi associati, l’innovazione e rafforzare il sistema territoriale nel suo complesso.

Per il programma completo e per iscriversi clicca qui


Leggi anche

Cambio al vertice della multiutility capitolina. Il Comune, socio di maggioranza, ha designato il manager milanese alla guida dell’azienda, con Luca Lanzalone come Presidente. Prendono il posto, rispettivamente, di Alberto Irace e Catia Tomaselli, il cui mandato è scaduto a fine aprile. …

Leggi tutto…

Questo progetto verrà presentato da Davide Damosso di Environment Park durante il Convegno del 17-18 Maggio …

Leggi tutto…

È entrato in funzione il sistema operativo per il Work Force Management (WFM), uno strumento fondamentale per l’azienda – nata dall’unione di 23 realtà pubbliche diverse – per garantire una gestione più veloce e ottimizzata degli interventi. Soprattutto le permetterà di superare tutte le disomogeneità ancora presenti al suo interno e di compiere una vera industrializzazione del servizio…

Leggi tutto…

Tra i punti programmatici di Quintani – che vanta esperienze professionali in diversi settori high-tech – lo sviluppo di una piattaforma digitale come contenitore delle posizioni del gruppo e spazio di confronto, e la creazione di una Smart Metering Academy per la valorizzazione del know-how e la formazione del personale…

Leggi tutto…

Lauriola è stato scelto tra i membri di parte pubblica del CdA dell’azienda, che gestisce il servizio idrico nel Lazio Meridionale, per occupare il posto lasciato vacante a seguito della scomparsa di Giuseppe Addessi. A completare il consiglio di amministrazione è stato chiamato Donato Madaro, che in passato ha ricoperto diversi ruoli legati alla gestione dei servizi pubblici…

Leggi tutto…