La progettazione della distrettualizzazione idrica: vantaggi e procedure

La distrettualizzazione idrica come risposta ai macro-indicatori M1-M2 della delibera 917/2017, realizzata a Padova, Piove di Sacco (PD) e Trieste nella rete gestita da AcegasApsAmga si può annoverare fra i casi di successo nel mercato della gestione delle risorse idriche. È estremamente interessante focalizzarci sui risultati e i benefici che ne sono conseguiti, nonché sull’integrazione operativa fra attività di ingegneria, attività in campo, software idraulici e telecontrollo ed efficienze raggiunte.

L’attività ha riguardato complessivamente una rete di 3.454 km che serve oltre 531.000 cittadini in 17 comuni gestiti, 5 impianti di potabilizzazione, 1915 km di rete fognaria e 14 impianti di depurazione.

L’approccio multidisciplinare alle perdite idriche, intrapreso da AcegasApsAmga nel 2013, è stato estremamente innovativo. La vision dell’azienda è stata infatti proiettata verso il futuro e verso le tecnologie all’avanguardia, con investimenti importanti che hanno incluso, tra gli altri, la modellazione matematica, la progettazione dei distretti idrici, la realizzazione dei distretti idrici, il pressure management, la ricerca perdite puntuale con sistemi acustici e la prelocalizzazione delle perdite idriche tramite analisi immagini satellitare.

All’interno di tale progetto sono state coinvolte 5 aziende della rete d’impresa IWS – Integrated Watercare Solutions. Oltre a B.M. Tecnologie Industriali, che ha provveduto alla fornitura dei misuratori autoalimentati di portata e pressione Kaptor, per l’attività di campo di installazione e  monitoraggio, il progetto ha coinvolto anche Idrostudi, per la modellazione matematica dell’area triestina e la fornitura e gestione del software idraulico Waterguard , Idea per il telecontrollo, 2f Water Venture per la prelocalizzazione delle perdite idriche da satellite e infine TAE, per la ricerca puntuale delle perdite.

La distrettualizzazione idrica, per la quale sono stati realizzati 250 distretti idrici serviti da oltre 300 misuratori di portata e pressione, è servita a conoscere il funzionamento della rete, a quantificare le perdite idriche in ogni distretto tramite il MNF. La modellazione ha inoltre permesso di gestire la pressione idrica in ogni distretto agevolando il corretto funzionamento della rete al livello di pressione ottimale.

I bilanci idrici in real time sono stati implementati attraverso il software Waterguard, ottimizzando così la fase di ricerca perdite idriche puntuale e la successiva riparazione.

La case history riguardante l’attività svolta sulla rete AcegasApsAmga è davvero esemplare perché sono state messe in campo tutte le competenze e attività necessarie per raggiungere il massimo risultato.

In conseguenza dell’attività svolta, infatti, nel 2017 AcegasApsAmga ha ottenuto un risparmio di 6 miliardi di litri d’acqua e 4700 MWh di energia elettrica risparmiata.


Leggi anche

La multiutility che gestisce il servizio idrico nei comuni del bacino del Brenta ha dato il via all’estensione della rete di distribuzione nelle aree di 7 comuni che ancora ne sono privi e che sono approvvigionate da pozzi privati. L’intervento prevede la posa di 4 chilometri di condotte, per una spesa di un milione di euro, e ha come obiettivo garantire sicurezza igienica alle utenze e la tutela della falda…

Leggi tutto…

Il gestore idrico della provincia di Chieti ha inviato una lettera a Regione Abruzzo e ai ministeri dell’Economia e dell’Ambiente per reperire le risorse per gli interventi che pongano fine all’emergenza idrica nel Vastese e in diversi comuni del Sangro Aventino. Problemi dovuti alla vetustà delle infrastrutture di trasporto e distribuzione, per il cui rinnovo occorrono oltre 30 milioni di euro …

Leggi tutto…

Partirà a metà settembre il secondo lotto dei lavori di rispristino dell’infrastruttura idrica a servizio del comune della provincia di Oristano. L’intervento costa 4 milioni di euro e interessa 6 chilometri di condotte dal partitore di Barrasumene alla diga di Monte Crispu. Il tratto è parecchio problematico per via del terreno molto impervio; inoltre, ricade in un territorio soggetto a vincoli ambientali: da qui la scelta del ricorso alla tecnica no-dig…

Leggi tutto…

L’opera permetterà di convogliare i reflui provenienti dai comuni di Morrovalle, Montecosaro e parte di Civitanova Marche, in provincia di Macerata, al depuratore di Civitanova, eliminando gli scarichi diretti nel fiume Chienti. L’opera ha richiesto la posa di quasi 4 chilometri di nuove condotte in PVC, in sostituzione di quelle ammalorate, e il recupero di circa 500 m di vecchie condotte per una spesa di 2 milioni di euro…

Leggi tutto…

Il Governo ha individuato gli interventi prioritari e i criteri di utilizzo del Fondo destinato al potenziamento delle infrastrutture idriche su tutto il territorio nazionale. Priorità all’uso potabile e alle opere previste dal Piano nazionale idrico, agli interventi non ancora finanziati e avviati, ma necessari per l’adeguamento delle infrastrutture ai parametri di qualità tecnica fissati da Arera…

Leggi tutto…