La regolazione dei servizi a rete negli ultimi 10 anni: sviluppi e criticità

 

Una disamina che probabilmente, farà trasparire le difficoltà e i successi che ogni azienda ha percepito e che si riassume nel percorso seguito.

Le conseguenze che emergono potrebbero essere molteplici su differenti drive:

  • Le difficoltà emergenti dal quadro di una Governance multi livello dei Regolatori, come nello specifico quella del settore idrico
  • La complessità di ottemperare contestualmente ai diversi obiettivi presenti nelle varie disposizioni della Authority: per citarne alcuni efficienza, qualità, metering
  • Il fabbisogno di investimenti e la difficoltà di trovare nella tariffa un incentivo di supporto, oltre alle criticità della approvazione di progetti, che, soprattutto se di carattere infrastrutturale, scontano lead time autorizzativi complessi e con durate di 3-5 anni

 

Scopri il programma ed iscriviti cliccando qui


Leggi anche

Cinquanta chilometri di volo, tra andata e ritorno, per monitorare un tratto di rete tra Alfonsine (Ravenna) e San Bonifacio (Ferrara). È il primo test eseguito da Snam per sperimentare l’impiego di velivoli pilotati da remoto nel monitoraggio della sua infrastruttura. Il ricorso a tali velivoli rappresenta una soluzione vincente per un accurato controllo delle reti situate in aree impervie e difficilmente raggiungibili dai tecnici…

Leggi tutto…

La mega opera, che fornirà acqua di qualità, attinta dalla diga di Rochemolles, a 27 comuni della Valle, attraverso un sistema di condotte che si estende per 96 chilometri, con una portata di 600 litri al secondo, è stata inaugurata alla fine del mese di giugno. La sua realizzazione ha richiesto 10 anni di lavoro e un investimento di 127 milioni di euro…

Leggi tutto…