La rete di Open Fiber pronta entro il 2022

La rete in fibra ottica di Open Fiber sarà completata entro il 2022. Ad annunciarlo è la numero uno della società, l’amministratore delegato Elisabetta Ripa in un’intervista concessa nei giorni scorsi alla stampa.

La società, ha spiegato Ripa, completerà la sua infrastruttura a banda ultralarga in modalità Ftth (Fiber to the home), ultraveloce e ultraperformante, in tutte le regioni entro il 2022, a eccezione di Piemonte, Lombardia e Veneto, dove la rete invece sarà completata entro l’anno successivo.  

Nessun ritardo, Open Fiber è la terza rete in fibra in Europa

L’amministratore delegato ha anche respinto le accuse relative a possibili ritardi nello sviluppo dell’infrastruttura, in particolare nelle aree rurali. «In ritardo di due anni? Bisognerebbe ricordare che Open Fiber ha iniziato i lavori solo nel 2018», ha puntualizzato, sottolineando anche che se qualche ritardo si è verificato è perché le concessioni «sono state bloccate per lungaggini burocratiche e ricorsi di altri operatori».

L’amministratore delegato ha anche fatto il punto su quanto finora realizzato, non solo nelle aree bianche. «In due anni abbiamo collegato 8,5 milioni di case, siamo la terza rete in fibra in Europa dietro la spagnola Telefonica e la francese Orange. E siamo il primo operatore wholesale». E riguardo alla percentuale dei collaudi sul totale dei lavori, ha ricordato come i servizi siano già disponibili per la collettività in oltre 250 comuni. «Stiamo accelerando la messa a disposizione di un’infrastruttura che, ricordiamolo, per funzionare deve essere completata. I singoli cluster territoriali sono come ponti: non se ne può aprire al traffico un pezzo, prima devono essere ultimati».

Verso una rete unica con Tim?

Altro tema toccato, la newco, ovvero la possibile integrazione degli asset di Open Fiber con quelli di Tim per fare nascere una rete unica. «Ci sono varie teorie. C’è chi dice che per accelerare gli investimenti la competizione sia lo strumento migliore. Per evitare duplicazioni c’è la strada delle collaborazioni e del coinvestimento», ha spiegato. Posizione resa ancora più chiara dalla sottolineatura che «l’operatore verticalmente integrato non è il nostro modello di riferimento e non è compatibile con la regolamentazione e gli orientamenti normativi vigenti».

Per Ripa, e quindi Open Fiber, la priorità oggi è continuare a investire nelle infrastrutture digitali, la cui importanza per un Paese avanzato è emersa in modo ancora più netto proprio in questo periodo di emergenza sanitaria. La costruzione delle reti si rivela infatti un importante motore per sostenere la ripresa dell’economia e dell’occupazione. A confermarlo proprio i numeri di Open Fiber, ricordati dal suo amministratore delegato: «Nel 2018 siamo partiti con 5.000 lavoratori nell’indotto, quest’anno abbiamo toccato picchi di 14.000».  E proprio l’attuale emergenza può e deve trasformarsi in un’occasione per il rilancio delle telecomunicazioni, accelerando la digitalizzazione della Penisola per garantire a tutti i cittadini servizi sempre più evoluti.


Leggi anche

Negli ultimi 7 mesi la società ha raggiunto con la sua fibra ottica in modalità FTTC ben 2.700 comuni, soprattutto concentrati nelle aree bianche, in tutto il Paese. Numeri che portano a 4700 in totale le località al momento servite dall’infrastruttura di TIM. Entro dicembre, inoltre, la società intende portare la fibra al 90% delle famiglie che utilizzano la rete fissa a livello nazionale…

Leggi tutto…

Via libera dai consigli di amministrazione di Tim e Cassa Depositi e Prestiti al matrimonio che porterà alla nascita di AccessCo, la società per la Rete Unica di telecomunicazioni, dove confluiranno le infrastrutture in fibra di Tim e Open Fiber: uno snodo decisivo per dotare l’intero Paese di una rete all’avanguardia. La società, che sarà costituita entro il prossimo marzo, sarà indipendente e senza legami di integrazione verticale rispetto ai servizi di accesso alla rete…

Leggi tutto…

Italgas app WorkOnSite

WorkOnSite è l’innovativa app sviluppata dalla Digital Factory di Italgas per gestire i controlli sui cantieri della rete gas e rendere più efficienti e veloci le verifiche di conformità delle lavorazioni che vengono effettuate. Il tutto grazie a un algoritmo di intelligenza artificiale che utilizza il riconoscimento delle immagini inviate dai tecnici delle imprese esecutrici per accertare la corrispondenza dei lavori alle specifiche di progetto…

Leggi tutto…

Lavori alla rete di distribuzione gas di Predazzo gestita da Novareti

La società di Dolomiti Energia che gestisce i servizi di distribuzione gas, ciclo idrico e teleriscaldamento, ha avviato i lavori per dotare dell’infrastruttura di distribuzione del metano la frazione di Bellamonte, tra le località più affascinanti della Val di Fiemme e del Trentino. La nuova rete sarà realizzata con un investimento di 2,5 milioni di euro, e dovrebbe essere completata prima del prossimo inverno …

Leggi tutto…

Diffusione fibra ottica in Europa

A dirlo è uno studio della società di consulenza Analysys Mason che fa il punto sulla diffusione delle reti in fibra ottica nel Vecchio Continente. Uno sviluppo che procede a rilento, anche a causa di mancati investimenti per 65 miliardi all’anno. Per sbloccare la situazione, l’Unione, sottolinea il report, dovrebbe assumere un atteggiamento più dirigista, richiamando i governi al rispetto dei target fissati…

Leggi tutto…