L’approccio del Gruppo CAP alle tecnologie dello Smart Metering

apertura-per-abstract_800x400

L’introduzione, ad inizio 2018, della delibera sulla qualità tecnica RQTI ed in particolare l’indicatore M1 – Perdite Idriche ed i conseguenti obbiettivi di miglioramento, rimarcano come la strada intrapresa fino ad oggi e gli investimenti pianificati dal Gruppo siano nella corretta direzione.

Il miglioramento dell’indicatore M1, che comprende le Non-Revenue water, si ottiene attraverso investimenti e azioni gestionali che riguardano la gestione delle pressioni, tecniche di ricerca perdite evolute, la sostituzione delle reti idriche e, ovviamente, l’ammodernamento del parco contatori.

Il piano sostituzione contatori del Gruppo CAP prevede un investimento nel periodo 18-22 pari a oltre 35 milioni di Euro e determinerà un ringiovanimento del parco contatori con la diminuzione dell’età media dagli attuali 11 anni ai circa 5 anni previsti a fine 2022. Questo ringiovanimento si stima possa determinare una progressiva riduzione delle perdite apparenti che si dovrebbe assestare ad un valore stabile pari al 2,5-3,0 % già a partire dal 2021.

Oltre alle stime di letteratura sul miglioramento dell’accuratezza delle misure, avendo CAP scelto di sperimentare anche sistemi di misura più evoluti che permettono di misurare anche piccolissime portate, si ritiene che, se le prestazioni dei contatori e gli effetti in campo saranno confermati, si produrranno ulteriori miglioramenti delle performance di gestione con i conseguenti benefici sul parametro M1- Perdite Idriche.


Leggi anche

La società che gestisce il servizio idrico in 21 comuni dell’Alto mantovano prosegue con la realizzazione delle reti di distribuzione acqua nei territori di Gazoldo degli Ippoliti e Goito, che ne erano ancora, rispettivamente, del tutto e quasi del tutto privi. Entrambe suddivise in tre lotti, le opere saranno concluse entro tre anni …

Leggi tutto…

Dopo l’individuazione alla fine dello scorso anno dei quattro fornitori, il progetto volto a sviluppare una nuova generazione di smart meter acqua entra nella fase due: la messa a punto dei prototipi. Guidato da Viveracqua, coinvolge 6 gestori idrici pubblici europei e prevede una spesa complessiva di 4,3 milioni di euro, finanziata al 90% dall’Unione europea …

Leggi tutto…

Partirà a metà settembre il secondo lotto dei lavori di rispristino dell’infrastruttura idrica a servizio del comune della provincia di Oristano. L’intervento costa 4 milioni di euro e interessa 6 chilometri di condotte dal partitore di Barrasumene alla diga di Monte Crispu. Il tratto è parecchio problematico per via del terreno molto impervio; inoltre, ricade in un territorio soggetto a vincoli ambientali: da qui la scelta del ricorso alla tecnica no-dig…

Leggi tutto…

Il Governo ha individuato gli interventi prioritari e i criteri di utilizzo del Fondo destinato al potenziamento delle infrastrutture idriche su tutto il territorio nazionale. Priorità all’uso potabile e alle opere previste dal Piano nazionale idrico, agli interventi non ancora finanziati e avviati, ma necessari per l’adeguamento delle infrastrutture ai parametri di qualità tecnica fissati da Arera…

Leggi tutto…

Con la realizzazione del terzo lotto dei lavori nell’area di Osmannoro, e l’eliminazione degli scarichi diretti nell’omonimo Fosso, tutti i reflui del comune fiorentino sono ora collettati al depuratore di San Colombano. L’ultimo intervento, appena concluso, è stato realizzato con un investimento di 3 milioni di euro e ha visto la posa di 6 chilometri di nuove condotte …

Leggi tutto…