L’approccio del Gruppo CAP alle tecnologie dello Smart Metering

apertura-per-abstract_800x400

L’introduzione, ad inizio 2018, della delibera sulla qualità tecnica RQTI ed in particolare l’indicatore M1 – Perdite Idriche ed i conseguenti obbiettivi di miglioramento, rimarcano come la strada intrapresa fino ad oggi e gli investimenti pianificati dal Gruppo siano nella corretta direzione.

Il miglioramento dell’indicatore M1, che comprende le Non-Revenue water, si ottiene attraverso investimenti e azioni gestionali che riguardano la gestione delle pressioni, tecniche di ricerca perdite evolute, la sostituzione delle reti idriche e, ovviamente, l’ammodernamento del parco contatori.

Il piano sostituzione contatori del Gruppo CAP prevede un investimento nel periodo 18-22 pari a oltre 35 milioni di Euro e determinerà un ringiovanimento del parco contatori con la diminuzione dell’età media dagli attuali 11 anni ai circa 5 anni previsti a fine 2022. Questo ringiovanimento si stima possa determinare una progressiva riduzione delle perdite apparenti che si dovrebbe assestare ad un valore stabile pari al 2,5-3,0 % già a partire dal 2021.

Oltre alle stime di letteratura sul miglioramento dell’accuratezza delle misure, avendo CAP scelto di sperimentare anche sistemi di misura più evoluti che permettono di misurare anche piccolissime portate, si ritiene che, se le prestazioni dei contatori e gli effetti in campo saranno confermati, si produrranno ulteriori miglioramenti delle performance di gestione con i conseguenti benefici sul parametro M1- Perdite Idriche.


Leggi anche

Concluso ed entrato in servizio un nuovo tratto di infrastruttura che il gestore idrico sardo ha realizzato in piazza Sacro Cuore. Un chilometro di condotte in ghisa sferoidale posate in sostituzione della rete esistente, costituita da tubi in acciaio e in ferro ormai gravemente ammalorati. L’intervento è parte dell’ampio piano di efficientamento e ingegnerizzazione che interessa l’intera rete cittadina …

Leggi tutto…

È il progetto di Alto Trevigiano Servizi e Comune di Treviso. Il centro sarà realizzato in 18 mesi, nell’area del depuratore, di recente sottoposto dal gestore a un’importante opera di efficientamento energetico. Si estenderà su 300 metri quadri e sarà a disposizione degli atenei del territorio per lo studio degli impatti ambientali, del miglioramento dell’ecosistema e dei fattori di inquinamento e della loro riduzione …

Leggi tutto…

Sono 11 gli interventi previsti dal bando per un importo di 4,3 milioni. L’obiettivo: porre fine a diversi problemi legati sia all’inadeguatezza della rete di distribuzione, in alcuni casi sottodimensionata rispetto alle esigenze del territorio, sia alla sua totale mancanza in alcune aree rurali. Il termine per la presentazione delle offerte è fissato al prossimo 9 settembre…

Leggi tutto…

A lanciare l’allarme Alto Calore Servizi, gestore del servizio idrico in 125 comuni delle province di Avellino e di Benevento, con i primi disagi che già si sono manifestati in alcune località. Causa del problema il depauperamento delle falde, in atto da anni, non rigenerate dalle piogge di questo inverno, e gli altissimi livelli di dispersione delle reti. Con 60 milioni disponibili per fronteggiare il fenomeno, ma non utilizzati …

Leggi tutto…

Di fronte alla sfida imposta dai cambiamenti climatici e dalla trasformazione sempre più veloce delle città, la tecnologia e la digitalizzazione svolgeranno un ruolo centrale. Negli interventi istituzionali gli specialisti di enti e utilities mostreranno come le nuove tecnologie siano indispensabili per garantire la continuità dei servizi erogati, riprogettarli e migliorarne la gestione e la qualità in funzione delle nuove esigenze e in un’ottica di sostenibilità ambientale, anche grazie a una più efficiente e capillare raccolta dati….

Leggi tutto…