Lario Reti Holding continua la sperimentazione sulla telelettura dei contatori


Entra nella fase due il progetto pilota di Lario Reti Holding per la telelettura dei contatori idrici nel comune di Introbio, in Valsassina. Il gestore idrico della provincia di Lecco ha annunciato cha a partire dall’inizio del prossimo anno avvierà la posa sui contatori delle 600 utenze degli strumenti di lettura e trasmissione dati, che saranno operativi entro maggio.
La rete di lettura dei dati, costituita da apparecchiature per la ricezione dati (concentratori), sarà di tipo narrowband, tecnologia sviluppata appositamente per offrire una copertura ottimale a dispositivi che richiedono uno scambio di dati molto limitato su lunghi periodi di tempo. Uno standard pensato per ridurre drasticamente i consumi energetici e mantenere l’efficienza della rete nel tempo.
Il progetto è iniziato nell’estate 2017, con la mappatura e la sostituzione di tutti i contatori del paese. Durante tale fase sono stati registrati matricola, geolocalizzazione, dimensioni, condizioni di ciascun contatore e lo scorso marzo sono iniziati i lavori per l’adeguamento di nicchie e pozzetti di alloggio che necessitavano di una revisione. L’investimento totale per l’attività sfiora i 400.000 euro e risentirà positivamente, per la quota relativa alle apparecchiature di trasmissione e ricezione dati, del recupero del credito di imposta per i progetti innovativi.
La rete di telelettura, proprietaria, permetterà di: efficientare la misurazione dei consumi idrici attraverso la lettura costante e ad alta periodicità, quindi di emettere bollette sulla base dei consumi effettivi, risparmiando sui costi di lettura.
Inoltre, la misurazione puntuale permetterà di individuare consumi anomali dovuti a perdite, problemi di rete o consumi abusivi.
Trattandosi di una infrastruttura fissa, la rete potrà essere usata anche per altre attività in un’ottica di smart city, ad esempio, il controllo dell’illuminazione pubblica, la trasmissione dei dati di videosorveglianza e sulla qualità dell’aria, “dispositivi di allarme” per gli anziani da usare in caso di emergenza medica e la predisposizione di cassonetti di raccolta rifiuti “intelligenti”.
Il progetto di Introbio non è l’unico in tale direzione che Lario Reti Holding sta portando avanti. L’azienda ha infatti di recente avviato una sperimentazione anche nel comune di Olginate. In questo caso la tecnologia di comunicazione utilizzata è la NBIoT (Narrow band Internet of Things). In particolare, è stata scelta la soluzione proposta da Vodafone, già partner di Lario Reti Holding per le infrastrutture di comunicazione. Con la soluzione proposta da Vodafone non occorrerà realizzare una infrastruttura di raccolta delle letture (i gateway) in quanto i dati verranno trasmessi sulla rete NBIoT che sfrutta gli stessi ripetitori della tradizionale telefonia cellulare.


Leggi anche

Capire il valore del nostro patrimonio in attesa del suo recupero. Milano città campione e vanto d’Italia. Con questo fine, esperti di storia dei Navigli e i Consorzi che gestiscono questo importante patrimonio di opere d’arte idraulica presenteranno nel corso del Convegno – in programma a Milano il 22 novembre presso ‘Auditorium “Claudio De Albertis” di Assimpredil ANCE – la documentazione storica sulle origini e l’evoluzione dei Navigli, Canali e Rogge tra i più significativi dei territori lodigiano milanese e novarese appartenenti in passato al Comune, alla Signoria e al Ducato di Milano…

Leggi tutto…

Anche quest’anno Gruppo CAP sarà presente a Ecomondo, per presentare i progetti e le sperimentazioni più recenti e per rendere trasparenti e tangibili i risultati che si possono raggiungere in termini di innovazione per la tutela dell’ambiente. Alla fiera leader della circular e green economy, lo stand di Gruppo CAP è nel padiglione D1 – Global Water Expo – corsia 2, stand 34

Leggi tutto…

La tecnologia di prelocalizzazione delle perdite idriche con l’uso del satellite sviluppata da Utilis è stata utilizzata in oltre 20 progetti in Italia in partnership con 2F Water Venture. Paul Gagliardo, Senior Technical Fellow di Utilis, spiega come funziona la tecnologia e come le utilities possono impiegarla per ridurre le perdite di acqua….

Leggi tutto…

Sta per concludersi la realizzazione del primo tratto dell’acquedotto del Sulcis nel quadrante sud ovest della Sardegna. L’opera di posa è stata affidata ad Apulia Srl, importante impresa pugliese, che ha trovato in Saint-Gobain PAM un’azienda seria ed affidabile, grazie all’elevata qualità dei propri prodotti e che, in qualità di unico interlocutore, ha saputo offrire un’ottimizzazione della fornitura, sia in termini logistici che di tempistiche….

Leggi tutto…

Ci sono voluti quasi 50 anni, ma finalmente la città dello Stretto può dire addio ai problemi di carenza idrica e delle falde inquinate dall’acqua di mare. È attivo lo schema del Menta, il sistema di opere che ha il suo perno nel grande invaso che raccoglie le acque della fiumara proveniente dall’Aspromonte per distribuirla nella rete cittadina. Un’opera da 230 milioni di euro che garantisce acqua di qualità a tutta la città…

Leggi tutto…