Lario Reti Holding continua la sperimentazione sulla telelettura dei contatori


Entra nella fase due il progetto pilota di Lario Reti Holding per la telelettura dei contatori idrici nel comune di Introbio, in Valsassina. Il gestore idrico della provincia di Lecco ha annunciato cha a partire dall’inizio del prossimo anno avvierà la posa sui contatori delle 600 utenze degli strumenti di lettura e trasmissione dati, che saranno operativi entro maggio.
La rete di lettura dei dati, costituita da apparecchiature per la ricezione dati (concentratori), sarà di tipo narrowband, tecnologia sviluppata appositamente per offrire una copertura ottimale a dispositivi che richiedono uno scambio di dati molto limitato su lunghi periodi di tempo. Uno standard pensato per ridurre drasticamente i consumi energetici e mantenere l’efficienza della rete nel tempo.
Il progetto è iniziato nell’estate 2017, con la mappatura e la sostituzione di tutti i contatori del paese. Durante tale fase sono stati registrati matricola, geolocalizzazione, dimensioni, condizioni di ciascun contatore e lo scorso marzo sono iniziati i lavori per l’adeguamento di nicchie e pozzetti di alloggio che necessitavano di una revisione. L’investimento totale per l’attività sfiora i 400.000 euro e risentirà positivamente, per la quota relativa alle apparecchiature di trasmissione e ricezione dati, del recupero del credito di imposta per i progetti innovativi.
La rete di telelettura, proprietaria, permetterà di: efficientare la misurazione dei consumi idrici attraverso la lettura costante e ad alta periodicità, quindi di emettere bollette sulla base dei consumi effettivi, risparmiando sui costi di lettura.
Inoltre, la misurazione puntuale permetterà di individuare consumi anomali dovuti a perdite, problemi di rete o consumi abusivi.
Trattandosi di una infrastruttura fissa, la rete potrà essere usata anche per altre attività in un’ottica di smart city, ad esempio, il controllo dell’illuminazione pubblica, la trasmissione dei dati di videosorveglianza e sulla qualità dell’aria, “dispositivi di allarme” per gli anziani da usare in caso di emergenza medica e la predisposizione di cassonetti di raccolta rifiuti “intelligenti”.
Il progetto di Introbio non è l’unico in tale direzione che Lario Reti Holding sta portando avanti. L’azienda ha infatti di recente avviato una sperimentazione anche nel comune di Olginate. In questo caso la tecnologia di comunicazione utilizzata è la NBIoT (Narrow band Internet of Things). In particolare, è stata scelta la soluzione proposta da Vodafone, già partner di Lario Reti Holding per le infrastrutture di comunicazione. Con la soluzione proposta da Vodafone non occorrerà realizzare una infrastruttura di raccolta delle letture (i gateway) in quanto i dati verranno trasmessi sulla rete NBIoT che sfrutta gli stessi ripetitori della tradizionale telefonia cellulare.


Leggi anche

La società ha avviato le procedure di gara per gli interventi in programma nei comuni di Leverano e Veglie, in provincia di Lecce, per un valore complessivo di 13 milioni di euro. Nel primo comune il programma prevede la realizzazione di 3,5 km di nuove condotte idriche e 18 km di condotte fognarie, nel secondo di 7 km di reti idriche e di altrettante per la raccolta dei reflui…

Leggi tutto…

Esempio di best practice quanto sta avvenendo nel piccolo comune in provincia di Varese, dove l’amministrazione ha riscoperto e sta riqualificando un vecchio bacino idrico, e il suo sistema di reti, abbandonato almeno dagli anni Cinquanta, che con le sue sorgenti può fornire acqua di qualità per integrare quella ora disponibile. Il tutto con una spesa di soli 90.000 euro. …

Leggi tutto…

Conclusi i lavori, per un valore di 2,2 milioni di euro, del secondo lotto del progetto La Vettola-San Piero, avviato dal gestore idrico del Basso Valdarno per dotare le due frazioni di una rete fognaria e garantire il collettamento di tutti i reflui fognari provenienti dalla zona sud-est della città verso il sistema depurativo…

Leggi tutto…

Prenderà via a metà febbraio l’intervento di manutenzione straordinaria dell’infrastruttura che si estende per 2,5 km e convoglia i reflui al depuratore di Monza. L’opera, resasi necessaria per il deterioramento delle condotte, in esercizio da oltre 90 anni, sarà effettuata con la tecnica del relining interno, con una spesa di 3 milioni di euro…

Leggi tutto…

La società del gruppo Iren che gestisce il servizio idrico nella città ligure e nei comuni della sua provincia ha presentato il programma di interventi finalizzato a tutelare la qualità delle acque del golfo e le zone di prelievo dell’acqua potabile. L’investimento previsto è in totale di 13 milioni di euro, destinati in gran parte alla realizzazione delle reti fognari nelle aree collinari e al potenziamento dell’acquedotto…

Leggi tutto…