Lario Reti Holding continua la sperimentazione sulla telelettura dei contatori


Entra nella fase due il progetto pilota di Lario Reti Holding per la telelettura dei contatori idrici nel comune di Introbio, in Valsassina. Il gestore idrico della provincia di Lecco ha annunciato cha a partire dall’inizio del prossimo anno avvierà la posa sui contatori delle 600 utenze degli strumenti di lettura e trasmissione dati, che saranno operativi entro maggio.
La rete di lettura dei dati, costituita da apparecchiature per la ricezione dati (concentratori), sarà di tipo narrowband, tecnologia sviluppata appositamente per offrire una copertura ottimale a dispositivi che richiedono uno scambio di dati molto limitato su lunghi periodi di tempo. Uno standard pensato per ridurre drasticamente i consumi energetici e mantenere l’efficienza della rete nel tempo.
Il progetto è iniziato nell’estate 2017, con la mappatura e la sostituzione di tutti i contatori del paese. Durante tale fase sono stati registrati matricola, geolocalizzazione, dimensioni, condizioni di ciascun contatore e lo scorso marzo sono iniziati i lavori per l’adeguamento di nicchie e pozzetti di alloggio che necessitavano di una revisione. L’investimento totale per l’attività sfiora i 400.000 euro e risentirà positivamente, per la quota relativa alle apparecchiature di trasmissione e ricezione dati, del recupero del credito di imposta per i progetti innovativi.
La rete di telelettura, proprietaria, permetterà di: efficientare la misurazione dei consumi idrici attraverso la lettura costante e ad alta periodicità, quindi di emettere bollette sulla base dei consumi effettivi, risparmiando sui costi di lettura.
Inoltre, la misurazione puntuale permetterà di individuare consumi anomali dovuti a perdite, problemi di rete o consumi abusivi.
Trattandosi di una infrastruttura fissa, la rete potrà essere usata anche per altre attività in un’ottica di smart city, ad esempio, il controllo dell’illuminazione pubblica, la trasmissione dei dati di videosorveglianza e sulla qualità dell’aria, “dispositivi di allarme” per gli anziani da usare in caso di emergenza medica e la predisposizione di cassonetti di raccolta rifiuti “intelligenti”.
Il progetto di Introbio non è l’unico in tale direzione che Lario Reti Holding sta portando avanti. L’azienda ha infatti di recente avviato una sperimentazione anche nel comune di Olginate. In questo caso la tecnologia di comunicazione utilizzata è la NBIoT (Narrow band Internet of Things). In particolare, è stata scelta la soluzione proposta da Vodafone, già partner di Lario Reti Holding per le infrastrutture di comunicazione. Con la soluzione proposta da Vodafone non occorrerà realizzare una infrastruttura di raccolta delle letture (i gateway) in quanto i dati verranno trasmessi sulla rete NBIoT che sfrutta gli stessi ripetitori della tradizionale telefonia cellulare.


Leggi anche

Il meeting organizzato da SMAT lo scorso 19 e 20 novembre con l’intento di sviluppare un’analisi sull’evoluzione normativa in materia di gestione del Servizio Idrico Integrato ha posto l’attenzione anche sui risultati raggiunti nel campo dell’innovazione tecnologica applicata al ciclo idrico integrato. A margine dell’evento SMAT ha inaugurato il nuovo dipartimento “Acque Reflue” del Centro Ricerche e una nuova sezione di abbattimento dell’azoto presso il Centro Risanamento Acque di Castiglione Torinese….

Leggi tutto…

L’Associazione Riaprire i Navigli, in quest’ultimo anno, si è dedicata ad analizzare le modalità di finanziamento del progetto e le ricadute socioeconomiche dell’investimento. Il 28 novembre presso l’Auditorium Claudio De Albertis – Assimpredil Ance verranno presentati i risultati della Ricerca Progetto Territoriale Fondazione Cariplo…

Leggi tutto…

Cinque i comuni coinvolti nel programma di lotta alle perdite idriche avviato dal gestore idrico sardo: Olbia, Tempio Pausania, Arzachena, La Maddalena e Santa Teresa. Comuni che contano nel complesso circa 300 km di rete con un livello di perdite che supera il 61% nei quali verrà implementato il cosiddetto modello Oliena, una buona pratica che, attraverso l’ingegnerizzazione della rete e la diagnosi dei malfunzionamenti, porta a interventi risolutivi mirati …

Leggi tutto…

Milano, 22 novembre 2018
Milano ha i numeri per diventare il Centro Europeo dei Canali storici.
Questo primo convegno lo dimostrerà con la rassegna dei Navigli, Canali e Rogge realizzati da Milano dopo il Mille e prima del Cinquecento considerati dagli storici il più antico patrimonio di canali d’Europa….

Leggi tutto…

L’Autorità ha dato il via libera ai finanziamenti per interventi urgenti sul sistema idrico della Campania. La quota maggiore dei fondi, circa 78 milioni, è destinata al napoletano, dove saranno utilizzati dal gestore Abc per la messa in sicurezza dell’Acquedotto del Serino, la ricostruzione di 2 nuovi serbatoi a Napoli e il rivestimento di quelli esistenti. La quota restante, 7 milioni, va al Cilento…

Leggi tutto…