Lario Reti Holding testa la tecnologia no dig Talr Pig Train

Lario Reti Holding interviene sulla rete a Introbio con una nuova tecnologia no dig

Primo test per Lario Reti Holding con la tecnologia no dig Talr Pig Train. Una tecnica, di origine israeliana, di riparazione automatizzata delle perdite senza scavi che il gestore idrico della provincia di Lecco sta sperimentando a Introbio.

Nel comune lecchese l’azienda sta infatti attuando un importante piano di efficientamento delle infrastrutture di distribuzione, definito dopo un’analisi delle reti effettuata lo scorso anno. L’analisi aveva rilevato infatti grandi quantità di volumi idrici non fatturati e di perdite, pressioni elevate e problemi di qualità dell’acqua a causa di tubazioni vetuste. La società ha così intrapreso diversi interventi, tra i quali il rinnovo di alcuni tratti di rete, la sostituzione di gran parte del parco contatori, l’avvio della costruzione di una rete di telelettura dei contatori. In programma anche la realizzazione di ulteriori punti di regolazione della pressione.

La tecnologia Talr Pig Train dà ottimi risultati

In questo quadro rientra il ricorso alla soluzione no dig. Che è stata impiegata per riparare un tratto di rete dell’estensione di 325 metri situata in prossimità della Strada Provinciale 62. In quel tratto un intervento di riparazione convenzionale sarebbe stato molto difficoltoso e avrebbe comportato notevoli disagi alla gestione del traffico veicolare.

Per l’esecuzione del lavoro Lario Reti Holding ha testato la tecnologia Talr (trenchless automated leakage repair), che consente di sigillare le perdite nelle reti acquedotto con l’inserimento nelle tubazioni di un Pig Train. Quest’ultimo è un sistema brevettato e composto da due elementi semi-fluidi: un gel (il Pig) e una sostanza sigillante di origine alimentare, approvata per il consumo umano con il decreto ministeriale n.174/2004, che permette di chiudere perdite di dimensioni anche ragguardevoli, fino a 3000 l/h.

L’intervento, realizzato in 5 ore, si è dimostrato molto efficace: ha consentito di riparare perdite per un’entità complessiva di 1,5 l/s, pari all’80% della portata immessa nel distretto analizzato e al 13% dell’intera portata immessa nel comune di Introbio. Il tutto senza alcun disagio dovuto agli scavi, e con costi ridotti di circa il 70% rispetto a un intervento tradizionale.


Leggi anche

La multiutility che gestisce il servizio idrico nei comuni del bacino del Brenta ha dato il via all’estensione della rete di distribuzione nelle aree di 7 comuni che ancora ne sono privi e che sono approvvigionate da pozzi privati. L’intervento prevede la posa di 4 chilometri di condotte, per una spesa di un milione di euro, e ha come obiettivo garantire sicurezza igienica alle utenze e la tutela della falda…

Leggi tutto…

Il gestore idrico della provincia di Chieti ha inviato una lettera a Regione Abruzzo e ai ministeri dell’Economia e dell’Ambiente per reperire le risorse per gli interventi che pongano fine all’emergenza idrica nel Vastese e in diversi comuni del Sangro Aventino. Problemi dovuti alla vetustà delle infrastrutture di trasporto e distribuzione, per il cui rinnovo occorrono oltre 30 milioni di euro …

Leggi tutto…

Partirà a metà settembre il secondo lotto dei lavori di rispristino dell’infrastruttura idrica a servizio del comune della provincia di Oristano. L’intervento costa 4 milioni di euro e interessa 6 chilometri di condotte dal partitore di Barrasumene alla diga di Monte Crispu. Il tratto è parecchio problematico per via del terreno molto impervio; inoltre, ricade in un territorio soggetto a vincoli ambientali: da qui la scelta del ricorso alla tecnica no-dig…

Leggi tutto…

L’opera permetterà di convogliare i reflui provenienti dai comuni di Morrovalle, Montecosaro e parte di Civitanova Marche, in provincia di Macerata, al depuratore di Civitanova, eliminando gli scarichi diretti nel fiume Chienti. L’opera ha richiesto la posa di quasi 4 chilometri di nuove condotte in PVC, in sostituzione di quelle ammalorate, e il recupero di circa 500 m di vecchie condotte per una spesa di 2 milioni di euro…

Leggi tutto…

Il Governo ha individuato gli interventi prioritari e i criteri di utilizzo del Fondo destinato al potenziamento delle infrastrutture idriche su tutto il territorio nazionale. Priorità all’uso potabile e alle opere previste dal Piano nazionale idrico, agli interventi non ancora finanziati e avviati, ma necessari per l’adeguamento delle infrastrutture ai parametri di qualità tecnica fissati da Arera…

Leggi tutto…