Lario Reti Holding testa la tecnologia no dig Talr Pig Train

Lario Reti Holding interviene sulla rete a Introbio con una nuova tecnologia no dig

Primo test per Lario Reti Holding con la tecnologia no dig Talr Pig Train. Una tecnica, di origine israeliana, di riparazione automatizzata delle perdite senza scavi che il gestore idrico della provincia di Lecco sta sperimentando a Introbio.

Nel comune lecchese l’azienda sta infatti attuando un importante piano di efficientamento delle infrastrutture di distribuzione, definito dopo un’analisi delle reti effettuata lo scorso anno. L’analisi aveva rilevato infatti grandi quantità di volumi idrici non fatturati e di perdite, pressioni elevate e problemi di qualità dell’acqua a causa di tubazioni vetuste. La società ha così intrapreso diversi interventi, tra i quali il rinnovo di alcuni tratti di rete, la sostituzione di gran parte del parco contatori, l’avvio della costruzione di una rete di telelettura dei contatori. In programma anche la realizzazione di ulteriori punti di regolazione della pressione.

La tecnologia Talr Pig Train dà ottimi risultati

In questo quadro rientra il ricorso alla soluzione no dig. Che è stata impiegata per riparare un tratto di rete dell’estensione di 325 metri situata in prossimità della Strada Provinciale 62. In quel tratto un intervento di riparazione convenzionale sarebbe stato molto difficoltoso e avrebbe comportato notevoli disagi alla gestione del traffico veicolare.

Per l’esecuzione del lavoro Lario Reti Holding ha testato la tecnologia Talr (trenchless automated leakage repair), che consente di sigillare le perdite nelle reti acquedotto con l’inserimento nelle tubazioni di un Pig Train. Quest’ultimo è un sistema brevettato e composto da due elementi semi-fluidi: un gel (il Pig) e una sostanza sigillante di origine alimentare, approvata per il consumo umano con il decreto ministeriale n.174/2004, che permette di chiudere perdite di dimensioni anche ragguardevoli, fino a 3000 l/h.

L’intervento, realizzato in 5 ore, si è dimostrato molto efficace: ha consentito di riparare perdite per un’entità complessiva di 1,5 l/s, pari all’80% della portata immessa nel distretto analizzato e al 13% dell’intera portata immessa nel comune di Introbio. Il tutto senza alcun disagio dovuto agli scavi, e con costi ridotti di circa il 70% rispetto a un intervento tradizionale.


Leggi anche

Il rinnovo e l’ammodernamento del potabilizzatore Jato, realizzato negli anni Settanta, si è reso necessario a causa del decadimento della qualità dell’acqua prelevata dall’invaso Poma. L’impianto tratta l’acqua che soddisfa la domanda idrica della parte Nord di Palermo e di sei comuni limitrofi. Per il suo rinnovamento il gestore ha previsto un investimento di 21 milioni di euro, mentre è di un milione la spesa per la progettazione….

Leggi tutto…

Il piano messo a punto per il rilancio dell’Italia presentato da Utilitalia nel corso di un’audizione alla Camera contribuirebbe ad un incremento dell’1,48% del PIL e alla creazione di 285.000 nuovi posti di lavoro. La quota maggiore degli investimenti andrebbe al ciclo idrico, con progetti per 14 miliardi, seguito da quello energetico, circa 7 miliardi, e da quello ambientale, con circa 4 miliardi….

Leggi tutto…

Oggi, i fenomeni geologici naturali (subsidenza) o fenomeni indotti dall’attività antropica causano cedimenti strutturali che provocano ingenti danni, interruzione dei servizi di pubblica utilità. Le Utilities, infatti, spendono gran parte del loro budget alla ricerca di soluzioni per prevenire le conseguenze derivanti da tali situazioni. Attraverso i sistemi di monitoraggio satellitare è possibile adottare una manutenzione di tipo predittivo, per supportare le operazioni quotidiane di manutenzione sulle fognature e sulle condotte sotterranee rilevando le condotte a maggiore rischio….

Leggi tutto…

La ricerca delle perdite idriche, la loro conoscenza e la riduzione delle stesse è uno dei principali obiettivi di un gestore del servizio idrico. Un elemento fondamentale è il monitoraggio delle reti nelle sue varie componenti. Oggi sono molto diffusi i contatori elettronici che tengono sotto controllo i consumi dell’utente, ci sono sistemi per il monitoraggio dei distretti, delle adduzioni e per fare il bilancio idrico di una determinata area. …

Leggi tutto…

È quanto prevede il piano di investimenti 2020-2023, approvato alla fine dello scorso anno dall’Assemblea dei Soci del gestore del ciclo idrico della provincia di Cremona. Gli investimenti riguarderanno tutte le aree del sistema idrico in tutto il territorio provinciale: il 28% verrà utilizzato per la depurazione, il 32% nell’acquedotto, il 33% nella fognatura e il 7% in investimenti generali. …

Leggi tutto…