Le scuole di Udine si allacciano al teleriscaldamento


La Provincia di Udine ha accolto la richiesta della società concessionaria degli impianti di teleriscaldamento, Aton, di introdurre le scuole superiori di via Leonardo da Vinci quali nuove utenze nell’ambito della realizzazione del IV lotto della rete di teleriscaldamento cittadina, costituita nel contesto dell’accordo di programma del 2006 tra l’azienda ospedaliera, l’Università e il Comune di Udine.
La Giunta provinciale, ha optato per questa soluzione quale alternativa migliorativa sotto l’aspetto della sostenibilità ambientale e del risparmio. La scelta del teleriscaldamento consente, infatti, alla Provincia di evitare la sostituzione delle attuali caldaie alimentati a gas metano con altre: sostituzione che l’ente aveva già pianificato prevedendo una spesa di 452.000 euro per due caldaie e l’esecuzione dei lavori nei mesi estivi di quest’anno.

Allacciandosi alla rete cittadina di calore, proposta che vede favorevole anche l’amministrazione comunale di Udine che si assumerà la gestione dell’edilizia scolastica in base alla legge 26/2014, la Provincia si impegna con una spesa di 213.000 euro (con un risparmio di 237.000 euro) per i lavori di trasformazione impiantistica su un investimento complessivo di 750.000 euro sostenuto, per la parte rimanente, dalla stessa Aton. Aton si occuperà dell’eliminazione delle tre caldaie, della sostituzione della rete di distribuzione, dell’adeguamento degli impianti termici, dell’installazione degli scambiatori di calore. Il nuovo sistema di riscaldamento per le scuole di via Leonardo da Vinci (che accolgono 5.594 studenti) entrerà a regime dal prossimo anno scolastico, 2016-2017.


Leggi anche

È alimentata con fonti rinnovabili, ovvero con gli scarti della filiera vitivinicola di gruppo Caviro e con gli sfalci e le potature del verde pubblico forniti da Herambiente, la centrale di cogenerazione cuore del sistema di teleriscaldamento di Enomondo. L’energia termica viene distribuita attraverso una rete, dell’estensione di 1,2 chilometri, alla quale sono allacciate diverse utenze industriali, artigianali e domestiche…

Leggi tutto…

La Banca di Sviluppo del Consiglio d’Europa ha erogato un prestito da 80 milioni di euro a sostegno dello sviluppo dell’infrastruttura di distribuzione del calore nell’area metropolitana di Torino. Le risorse coprono il 40% degli investimenti previsti dalla multiutility per estendere la rete, rinnovarne le parti più datate, realizzare nuovi sistemi di accumulo e incrementare di 13 milioni di metri cubi le volumetrie teleriscaldate…

Leggi tutto…

Realizzato nel quartiere Mirafiori Nord, il sistema è composto da 3 serbatoi dell’altezza di 25 metri in grado di contenere complessivamente 2500 metri cubi di acqua e da una stazione di pompaggio. Realizzato con un investimento di 46 milioni di euro, l’impianto è integrato con un sistema solare termico, che fornisce parte del calore per tenere l’acqua in temperatura, e un impianto fotovoltaico per l’alimentazione elettrica del sito …

Leggi tutto…

Concluso il primo lotto che ha dotato il borgo dell’Amiata Senese dell’infrastruttura di distribuzione del calore. Un sistema green, gestito da GES, alimentato dal cascame di calore delle centrali geotermoelettriche di Enel Green Power, che si aggiunge ai tre già esistenti nel territorio comunale che servivano però aree periferiche produttive e altre attività economiche. Già partiti i lavori per il secondo lotto che porterà il servizio a tutti i cittadini …

Leggi tutto…

Il fondo infrastrutturale ha rilevato il 45% della società del gruppo Gruppo Fratelli Visconti, attivo nella realizzazione e gestione del teleriscaldamento per comuni di medie dimensioni. L’azienda è proprietaria di cinque sistemi situati in Piemonte e Lombardia e, grazie alla partnership con Whitehelm, ora punta a consolidarsi sul mercato ampliando il suo raggio d’azione ad altre regioni…

Leggi tutto…